FONTI TRADIZIONI RICERCA

Tag: carta di nascita

La Natività di Nietzsche, Friedrich secondo l’Astrologia

Sono due gli aspetti biografici più interessanti di Nietzsche: la sua eccelsa mente che lo ha contraddistinto in una forma mentis erudita, sofisticata ed eccezionale; ma anche il crollo nervoso e le derive psicotiche degli ultimi suoi anni di vita, che non collimano tuttavia con la sua indiscutibile levatura intellettuale.  In questo studio astrologico osserveremo la natività di Nietzsche nelle sue caratteristiche astronomiche e astrologiche, utilizzando alcune delle principali metodologie di indagine del tema natale secondo l’Astrologia Tradizionale del XV-XVII secolo.

Brevi cenni sul pensiero di Nietzsche

Noto per il suo pensiero radicale e critico nei confronti della cultura, della religione e della morale occidentale, di Nietzsche abbiamo ereditato una complessa visione del mondo:

  • forte è la sua critica nel confronti della morale cristiana e borghese;
  • è fautore del concetto di “oltreuomo” ovvero l’idea di una umanità che crea e vive i propri valori oltre le congetture morali e sociali comuni, come necessità di autonomia e libertà dalle convenzioni;
  • è aperto anche ad idee metafisiche e cosmologiche, suggerisce che nell’universo si ripetano eternamente cicli infiniti;
  • secondo Nietzsche la natura dell’uomo è portata innatamente al desiderio di affermarsi e di espandere il proprio potere, a tutti i costi;
  • critica aspramente tutte le religioni, suo è il celebre motto “Dio è morto”, tale visione è percepita come una opportunità per l’umanità moderna alla ricerca di nuovi valori;
  • secondo Nietzsche non esiste una verità assoluta od oggettiva ma solo interpretazioni soggettive del mondo, tutte le conoscenze sono secondo l’autore influenzate dalla visione soggettiva che si ha del mondo attraverso cui ogni ente umano interpreta le leggi della natura per mezzo di credenze, tradizioni, culture acquisite o ereditate nel tempo;
  • ricco è il suoi linguaggio, anche se la lettura del pensiero di Nietzsche è ardua, ostica e difficile, il suo stile è poetico e si appella sovente a metafore, parabole, aforismi, che sono alla base del suo stile nel comunicare i suoi pensieri.

Un aspetto molto interessante della vita di Nietzsche riguarda la deriva psicotica che lo ha segnato nella sua massima espressione solo negli ultimi anni della sua vita. La crisi più significativa e che segna un cambiamento importante nella mente di Nietzsche è avvenuta nel 1889 caratterizzata da un crollo nervoso con conseguente delirio. Fu affidato a diverse cliniche psichiatriche e alle cure della madre e della sorella. I sintomi che lo hanno contraddistinto in questa deriva psicotica sono stati quelli della paranoia, delle allucinazioni, della megalomania e della catatonia. Ancora oggi non si hanno spiegazioni certe sulla genesi di questa deriva psicotica, ma la teoria più sostenuta riguarda l’ipotesi che Nietzsche abbia contratto la sifilide terziaria (che in alcune forme aggressive può colpire anche il sistema nervoso con sintomi da neurotossicità che possono portare a disturbi bipolari e a sintomi di demenza.) Il declino mentale di Nietzsche non sminuisce minimamente il valore delle sue opere e la produzione del suo pensiero filosofico; infatti la malattia rientra nella fase ultima della sua vita che lo ha portato poi alla morte (nel 1889 la prima crisi psicotica, nel 1900 la morte causata da complicanze derivanti da polmonite e ictus, quindi la fase di “follia” lo ha contraddistinto solo per gli ultimi 11 anni della sua vita).

Questione orario di nascita

L’orario di nascita noto è quello derivante da alcune sue biografie, quindi la scala RODDEN riporta come classifica di attendibilità una “B” (dati corroborati da citazioni qualificate che emergono da biografie o autobiografie, l’orario è considerabile come attendibile). L’astrologa e collector Sy Scholfield riporta le ore 10 del mattino secondo la biografia tedesca “Der Junge Nietzsche” scritta dalla sorella di Nietzsche, Elisabeth. La rettifica dell’ora di nascita porta una correzione di +4 minuti secondo diverse tecniche di rettifica (Trutina di Ermete unitamente alle Direzioni Zodiacali sugli eventi più importanti).

Brevi cenni sulla natività di Nietzsche secondo l’Astrologia

 

 

SIGNORE DELLA GENITURA

La natività di Nietzsche è diurna, secondo il metodo ibn Ezra il Signore della Genitura è SATURNO; ottiene un punteggio considerevole anche Marte che si posiziona in decima casa. Marte ha anche diritto sull’Ascendente. Quando il Signore della Genitura è SATURNO, Retorio d’Egitto (astrologo del VI-VII secolo) propone l’idea di persone isolate, oscure, ostinate nel loro modo di pensare e agire, taciturne e di giorno o quando Saturno occupa una propria dignità essenziale fa, secondo l’Anonimo del 379, chi avrà un animo profondo, chi sarà perentorio nelle proprie opinioni, chi ama la solitudine, chi è poco sensibile o scarso nell’affettività, chi ha una visione triste ma anche indolente. Notiamo come il signore della genitura identifica chiaramente la visione “razionale e nichilista” propria del pensiero generale di Nietzsche, ma ne identifica anche la profondità e l’analiticità, Saturno è anche signore della filosofia segreta e spesso è rappresentato da allegorie che lo descrivono come un vecchio saggio, anche spietato nel modo di pensare e agire. Osserviamo tuttavia anche una certa imponenza di Marte che è proprio in decima casa e vede valorizzare le sue nature generali. Essendo la natività diurna, Marte è un malefico e può ricalcare i suoi lati più intensi e tensivi: interessante notare che diversi autori tradizionali osservano nella “natura Marte” (per esempio come signore della genitura) chi sarà contro Dio o chi sarà blasfemo nei confronti della religione ufficiale, chi sarà ardito nel dire e controcorrente, chi sarà autoritario, tutte caratteristiche sprezzanti che rintracciamo nel loro insieme nella biografia di Nietzsche specialmente nel suo complesso pensiero nei confronti del mondo, della società e nei confronti della religione.

ANIMO MENTE MODI

La Luna significatrice dell’Animo è nella casa di Giove, si separa da Venere e si applica al Sole, è libera dai raggi ed è di passo veloce e la sua luce è crescente: rende l’animo arguto anche perché è unita al suo nodo eccitandolo nella curiosità e nell’avventura dei sensi che sono in Nietzsche sviluppati e intensi, il dispositore della Luna è Giove in una sua dignità e angolare, la Luna stessa è in una casa angolare e rende chi nasce come un Re tra i suoi simili (ovvero una persona che è interessata a cose di prestigio e che ama interagire con persone simili e circondarsi di persone autorevoli, dice De Iudiciis Nativitatum di Abu ‘Ali al-Khayyat). La Luna è in un segno bicorporeo e l’animo è dunque soggetto a sbalzi di umori o a momenti di mutevolezza, ma Mercurio è in un segno tropico che ha significato su coloro che si occuperanno di cose pubbliche ma anche di faccende politiche o sociali, chi sarà ambizioso, ingegnoso e dinamico, inventivo, ricercatore, intuitivo, specialmente quando la Luna e Mercurio comunicano in qualche aspetto (come in questo caso) e quando entrambi sono posizionati in case angolari (come in questo caso) propone un forte interesse per la ricerca, le congetture ed essendo Mercurio orientale conferisce molta abilità e molta praticità, Mercurio inoltre è stato in levata eliaca nei confini del segno Vergine, suo domicilio ed esaltazione, ed essendo nel segno di Venere lavorerà in tuto ciò che tocca la conoscenza e guadagnerà il favore dei nobili e degli uomini di alto ceto sociale come riporta Abu ‘Ali al-Khayyat. 

Nella determinazione del dominatore animo-mente prevale la natura SATURNO che genera coloro il cui animo è saldo e inflessibile oppure coloro che sono profondi nei pensieri e gli austeri, ma anche i categorici, gli ostinati, a volte anche chi tende a modi repressivi, i parsimoniosi, e l’immagine e la natura di Saturno è quella della saggezza, della profondità dei pensieri, ma anche quella di chi è austero nel suo modo di comunicare o pensare e che pone criticità rispetto il comune sentire e chi si relazionerà con i costumi e le tradizioni, sfidandole.

Partecipano sicuramente i luminari nella descrizione dell’animo, in particolare il SOLE luminare del tempo di questa natività: occulta Spica (stella splendente della vergine stellata). Il Sole congiunto a Spica quando il Sole è Luminare del Tempo orienta verso tutte le arti di Mercurio, amore per l’arte, per la scienza ma anche una certa avventatezza, un modo di procedere senza scrupoli, e secondo Vivian E. Robson il Sole unito a Spica genera eminenza e dignità, favore per gli affari pubblici.

TEMPERAMENTO PREVALENTE

Nella determinazione del temperamento prevalente non è emerso un dato netto, al contrario si evidenzia una certa distribuzione equilibrata degli umori, Nietzsche potrebbe risultare dotato di un temperamento misto con una tendenza generale alla compensazione, leggera preferenza per il modo melanconico anche se la Luna separandosi da Venere allude ad una memoria flemmatica o sanguigna, ed essendo la natività diurna e la fase della Luna crescente, propenderei per un Melanconico-Sanguigno che conferisce sul profilo psicologico avventura, sperimentalità (sanguigno) con modi analitici, calcolati, ponderati e misurati (melanconico).

OPERE E AZIONI

Le opere del nativo sono chiaramente orientate da Mercurio (perché in X casa e governatore della X casa) ma anche da Marte, perché compresente in decima casa. Signori delle Opere Mercurio + Marte.  Mercurio genera i filosofi, gli eruditi; unitamente a Marte genera anche i medici, o gli arditi, o gli scultori, chi costruisce “monumenti sacri” ma anche chi opera con modalità da lottatore. Sulla cuspide del Medio Cielo è presente DENEBOLA che rende illustri, autorevoli, dotati di fama e impegnati in molte attività, dotati di tante risorse, coloro che saranno noti e temuti, come riportato da Anonimo del 379 in una traduzione di Giuseppe Bezza da CCAG V/1pp 194-211.

MALI DELL’ANIMO

Non ci sono schemi da mali dell’animo, tuttavia Marte malefico della natività è più alto della Luna e di Mercurio: troviamo in William Lilly alcune considerazioni sui malefici e sulle loro altezze rispetto ai significatori dell’animo e della mente e non solo. Quando il malefico della setta è più alto della Luna, di Mercurio, ma anche del Signore della Genitura, quel pianeta può imprimere le sue nature avverse nel nativo. Le nature avverse saranno secondo la natura stessa del pianeta e secondo le sue condizioni. Escludiamo la presenza di uno schema da mali dell’animo, ma l’altezza di Marte impone qualcosa di sé sui significatori dell’animo-mente e sullo stesso signore della genitura. Marte si impone in modo malefico essendo nel giorno portato ad esprimersi in modo più lesivo; tuttavia è orientale al Sole e questo risponde ad una condizione buona per Marte, il suo moto è diretto, il suo passo è veloce, ed è libero dai raggi, altre condizioni benefiche. Da una parte Marte connota la natività di modi ambiziosi e irruenti, a un fare potenzialmente aggressivo o autoritario, oppure sprezzante. Conosciamo bene i pensieri di Nietzsche che spesso sono stati arroganti e insolenti nei confronti delle convenzioni del suo tempo, noto è lo sdegno che ha espresso nelle sue opere contro la religione, la morale cattolica, le norme e le consuetudini della società, sprezzante è stata la sua visione del mondo, ma Marte controsetta pur esprimendo una modalità spregiudicata, è anche l’unica natura possibile a cui possiamo appellarci per fronteggiare e combattere le consuetudini, le morali comuni, i costumi radicati, cosa che il nativo ha fato incarnando nei suoi modi anche colorature Marte. La follia negli ultimi anni di vita di Nietzsche non sono sintomo di una “pazzia” da mali dell’animo ma il risultato di una infezione da Sifilide terziaria (come sostengono molti ricercatori) il che avvalora ulteriormente il ruolo di Marte. La follia nei suoi ultimi anni di vita è anche il segno di una mente sovraffollata di pensieri e di elaborazioni, che ha usato per tutta la sua esistenza e donando oggi ai posteri un corposa eredità filosofica.

GIOVE ANGOLARE

Giove poi in IV casa garantisce (a volte) fama e onori in particolare da “morti” più che da vivi giacché questo astro in IV significa chi sarà ricordato anche dopo la morte o chi, fregiandosi di opere di alto valore, sarà riconosciuto dai posteri. Ancora oggi il pensiero di Nietzsche è di grande attualità e modernità, e ancora oggi risponde alle società del mondo, alle culture dominanti, e alle crisi di identità culturali, religiose e sociali di questo tempo. Giove inoltre dispone la Luna; Venere dispone Mercurio, i benefici quindi vanno a supportare in vario modo la mente e l’animo del nativo dando l’idea di un pensatore e di un filosofo che non ha voluto dissacrare i costumi e le convenzioni del suo tempo per amore della “critica” e dell’anticonformismo, ma ha desiderato con tutto sé stesso mettere in luce le contraddizioni della società e delle culture dominanti. Nietzsche ha orientato tutta la sua vita allo studio, alla ricerca e alla formulazione del suo pensiero filosofico che ancora oggi consultiamo e studiamo.

MUTUA RICEZIONE IMPORTANTE

La più importante mutua ricezione che si presenta nella natività di Nietzsche è quella di Mercurio-Venere. Mercurio è nel domicilio di Venere. Venere è nel domicilio di Mercurio. Le mutue ricezioni conferiscono carisma, magnetismo, grazia, qualità, fascino, prestigio, charme. La mutua ricezione Mercurio-Venere caratterizza natività piacevoli e amabili, ma soprattutto infonde di arguzia, dona un linguaggio erudito ed elegante, un modo di esprimersi che affascina il lettore o l’ascoltatore, seduce le orecchie, genera grata modulatione nei pensieri e nei modi: risulta lo scambio di dignità più importante della nascita di Nietzsche ma anche la più puntuale e precisa!

 

BIBLIOGRAFIA E CONSIGLI PER LO STUDIO DELL’ASTROLOGIA

Sfere volume 1, 2 Giancarlo Ufficiale Fabrizio Corrias
elementi giudicativi di base nell’astrologia secondo tradizione

Astrologia Cristiana di Lilly nella traduzione di Patrizia Nava

Aforismario di Cardano

Traditional astrology course, L. Riberio

Traditional astrology for today, B. Dykes

Traditional Astrology Albumasar, B. Dykes

Ho consultato e mi sono riferito a diverse citazioni e considerazioni di
Ranzovius, Tractatus Astrologicus de Genethliacorum
al-Khayyat, De iudiciis nativitatum
Gadbury,  The doctrine of nativities

 

/ 5
Grazie per aver votato!

Liz Taylor, valutazione astrologica della natività

Con il gruppo di studio 2024 abbiamo svolto un’esercitazione collettiva sulle prime osservazioni e primi orientamenti relativi alla natività di Liz Taylor. Questo il report che l’esperienza di gruppo ha portato a termine.

Liz Taylor nasce a Londra il 27 febbraio 1932 alle ore 2:30 am. Domificazione Regiomontano.

Valutazioni preliminari

  1. Nella prima “visione di insieme” abbiamo osservato le longitudini e latitudini dei pianeti, e osservato le coordinate relative all’altezza degli astri. Mercurio è il pianeta più basso, Giove quello più alto. La Luna è prossima al suo ventre (anche se non lo raggiunge al massimo delle possibilità) ovvero ha una latitudine molto elevata -4°.
  2. Abbiamo osservato che solo Venere risulta essere in una casa angolare e presso l’angolo della IV casa, il Fondo Cielo. Questo pianeta nelle prime osservazioni di insieme acquisisce una interessante forza accidentale, per la posizione angolare.
  3. Abbiamo osservato che a livello essenziale il Sole risulta peregrino, tutti i pianeti sono di moto diretto tranne Giove che è retrogrado, tutti i pianeti sono libri dai raggi tranne Marte e Mercurio che sono nel range di combustione.

Abbiamo voluto sperimentare la tabella di Wiliam Lilly attribuendo ai pianeti un punteggio base, in particolare qui seguono i punteggi relativi ai cinque erranti, che ci ha permesso di discutere e ragionare su ogni condizione essenziale e accidentale dei diversi astri coinvolti.

Il gruppo di studio ha osservato, nella prima fase preliminare, che:

  • Luna Sole sono entrambi in segni femminili
  • Venere Marte scambiano interessanti dignità (mutua ricezione)
  • Sole Venere scambiano interessanti dignità (mutua ricezione)
  • Luna Venere sono entrambi disposti da Marte
  • Ascendente e Sole sono entrambi disposti da Giove che è in ottava casa e retrogrado
  • Unico pianeta angolare è Venere, in esilio ma ha ottenuto un punteggio di +14 secondo la tabella di William Lilly e quindi detiene una certa forza perché è appunto angolare, ma anche di moto diretto, occidentale, libera dai raggi e in trigono a Giove (anche se non perfettamente partile).

Determinazione del Signore della Genitura

Abbiamo deciso di calcolare il Signore della Genitura tenendo in considerazione le regole di ibn Ezra. Per esempio, la sizigia è plenilunica. L’autore indica che anche nel plenilunio sempre va considerato il grado lunare a prescindere se la Luna è sopra o sotto l’orizzonte. Abbiamo poi preferito scegliere per i signori della triplicità solamente quello indicato dalla fazione (che in questo caso è notturna) unitamente al compartecipante, escludendo quello contro fazione. Il metodo ibn Ezra ha eletto a Signore della Genitura VENERE.

Abbiamo notato che Marte-Venere ottengono un punteggio simile. Leggermente avvantaggiata Venere, quindi, se volessimo dare un peso anche a Marte abbiamo notato come la natività proponga una comunicazione molto interessante tra i due pianeti, quella di mutua ricezione essendo Marte nell’esaltazione di Venere e Venere nel domicilio di Marte. Le mutue ricezioni Venere-Marte conferiscono indubbiamente carisma, fascino, determinazione specialmente nell’animo sensitivo, nelle pulsioni, nel provare, esprimere o avere a che fare con il mondo delle passioni essendo entrambi pianeti notturni. Tuttavia, valorizzando leggermente di più Venere, il Signore della Genitura è all’interno di una sua debilità: pur essendo forte e angolare è un indizio di licenziosità: Venere in generale come signore della genitura indica chi avrà a che fare con i piaceri, con il godimento di ogni appetito, chi sarà intemperante, ma anche elegante, chi ama le cose belle e lussuose, l’arte, la convivialità, il divertimento, i legami affettivi, chi avrà grazia tuttavia essendo in esilio può colorare queste caratteristiche di indolenza, adulterio. Avendo un legame a Marte di mutua ricezione (figura benigna) il desiderio di esprimere e soddisfare le proprie pulsioni è certamente sottolineato, l’Essere è tutto centrato sull’espressione delle pulsioni che sono centrate nella vita dell’individuo e tutto si muove verso il loro ardente soddisfacimento.

Determinazione del Temperamento

Seguendo il metodo del 500, abbiamo stabilito i diversi comportamenti degli astri e i relativi calcoli aurei hanno evidenziato una abbondanza di freddo mista a umidità, è comunque presente anche una buona componente di calore.

Abbiamo giudicato il temperamento flemmatico, nella lezione relativa, come quel temperamento in cui prevale pigrizia e la necessità, dell’individuo, di soddisfare i bisogni vegetativi del corpo, è comunque un temperamento pacifico, diplomatico, cordiale, creativo, sognatore e idealista, ma i lati negativi sono quelli dell’arrendevolezza, della lascività. Amano ambienti che promuovono il contatto con la natura, si muovono secondo i tempi stagionali e sono quindi molto condizionati dagli ambienti esterni, essendo un temperamento significato da Luna Venere sono comunque amabili, a volte un po’ incostanti, amano tuttavia per il principio contraria contrariis curantur relazionarsi con ambienti caldi e secchi, che compensano o cercano di compensare il temperamento flemmatico. Seguendo le indicazioni di Ranzovius, abbiamo determinato il pianeta descrittore del corpo che è GIOVE.

Tra i pianeti emersi Giove Marte ottengono il punteggio più alto. Abbiamo scelto Giove perché la Luna ha una relazione con Giove applicativa e il corpo tenderà ad esprimersi con valenze gioviali.

Corpo natura Giove: Statura alta, portamento eretto, carnagione ambrata, colorita, piacevole, viso ovale, allungato, carnoso, fronte alta, grandi occhi, capelli soffici, stomaco prominente, cosce e gambe forti e proporzionate, piedi lunghi, nel parlare è sobrio e serio. Ed essendo nella natività occidentale rispetto al Sole, la carnagione è gradevole, la statura tenderà ad essere più bassa rispetto a un Giove orientale.

Segno del Dominatore del Corpo, Leone: Figura eretta, ampio viso, cosce magre, anche larghe, di bell’aspetto, naso grande, ampia bocca, denti separati, ventre prominente.

Signore dell’ora Sole tinge il corpo di zone chiare o giallastre. Fierezza, modo regale ed elegante, gioiosità, vitalità, fare amichevole, ma anche da comando e da guida.

Determinazione inclinazioni sessuali e questione relazione

Abbiamo scelto di valorizzare in particolare le inclinazioni sessuali, constatando che la natività è biologicamente femminile e che il tema di nascita nei significatori principali della polarità sessuale (Sole Luna Marte Venere dove abbiamo dato un peso maggiore a Luna e Venere) propendono per una polarità maschile 5 e una polarità femminile 7: c’è dunque concordanza tra dato biologico naturale e cielo della natività. Venere poi ha ottenuto nel calcolo della fortuna e sfortuna degli astri un punteggio molto positivo (+14), tale accordo può conferire una certa sicurezza di sé, le passioni sono decise e desiderose di esprimersi.

Analizzando nel dettaglio Marte (come virilità) e Venere (come appetito sessuale) abbiamo valutato che:

  1. Marte è invisibile in un segno femminile (FEMMINILIZZATO)
  2. Marte è orientale al sole (MASCOLINIZZATO)
  3. Marte è diretto (MASCOLINIZZATO)
  4. Marte è in un quadrante femminile e in un segno femminile (FEMMINILIZZATO)
  5. Venere è occidentale al Sole (APPETITI FEMMINILI)
  6. Venere è in un quadrante maschile e in un segno maschile (APPETITI MASCHILI)
  7. Questa analisi ci ha portato a identificare un buon equilibrio nella virilità (che significa capacità di agire, audacia e capacità di esprimere le proprie pulsioni) e appetiti equilibrati ma anche desiderosi di sensualità.

Sono tuttavia le figure tra significatori della sessualità a confermarci alcune questioni:

  • Mercurio Marte sono in relazione con una commistione solare: Mercurio-Sole-Marte uniti amplificano gli appetiti sessuali perché Marte è in mutua ricezione a Venere e il Sole è in mutua ricezione a Venere, desiderio di accoppiarsi e intraprendenza nelle relazioni e nell’espressione dei desideri e dei piaceri.
  • Relazione Venere Marte per mutua ricezione, scambiando importanti dignità è a favore dell’intraprendenza sessuale e di una certa virilità nel fare e nel decidere.
  • Scambio Venere-Mercurio per confine. Vettio Valente suggerisce che gli scambi di confine Venere Marte possono indicare desiderio di accoppiarsi, ovvero un’elevata predisposizione alle relazioni. Mercurio è nel confine di Venere. Venere è nel confine di Mercurio.

Tuttavia le relazioni possono essere con partner che subiscono danni o con partner che causano danni, questo perché:

  • i significatori del partner sono, secondo le indicazioni di William Lilly, Marte in un tema notturno di una donna unitamente al Governatore della VII casa che è significatore accidentale, entrambi Marte Mercurio sono combusti e tale condizione per le questioni della relazione possono indicare partner che subiscono danni o partner che causano danni al nativo;
  • le relazioni possono essere numerose perché il segno della VII è bicorporeo come anche bicorporei (doppi) sono il segno di Marte (significatore naturale del partner) e il segno di Mercurio (significatore accidentale) sempre secondo le indicazioni di William Lilly
  • la licenziosità, i tanti matrimoni, o le tante relazioni, l’infedeltà, emerge inoltre da una abbondanza di segni curvi: il segno della VII casa, del governatore della VII casa, del Sole, di Marte, di Venere, del signore della genitura, sono tutti segni curvi che significano instabilità, ambiguità, propensione a relazioni instabili o tradimenti, almeno nella questione delle relazioni e dell’affettività;
  • inoltre nei significatori della relazione c’è una predominanza di segni bicorporei che indicano relazioni ambigue, poca fiducia in sé stessi, o cose che appaiono ma ne nascondono altre, quindi molti partner, o più partner, o una certa instabilità nelle relazioni;
  • la predisposizione alle relazioni, seguendo una regola di William Lilly, è confermata dai segni della triplicità acquea che rintracciamo nei significatori del partner, Marte e Mercurio.

LUNA CORRE A VUOTO

Abbiamo valutato la condizione di void relativa alla Luna, tale condizione è stata basata sul periodo di nychthemeron  entro il quale la Luna non realizzerà alcun aspetto partile pur comunicando debolmente con alcuni pianeti non realizzerà nelle 24 ore un aspetto significativo per escludere la condizione void. Questo ci ha portato a indentificare, essendo la Luna Almuten della V-VI casa una fragilità o una certa instabilità nell’espressione dell’amore e degli appetiti (V casa come luogo di gioia di Venere) e una certa debolezza dell’animo sensitivo, pur essendo la Luna comunicante con Mercurio, ma entrambi Luna-Mercurio sono in debilità essenziale: possibile vulnerabilità nell’animo sensitivo e nei pensieri del nativo.

Abbiamo tralasciato altre questioni, incluso lo studio delle stelle fisse, argomento che ancora deve essere approfondito nel gruppo 2024.

Queste in grande sintesi le questioni emerse durante l’esercitazione condivisa che ha avuto lo scopo di ripercorrere alcuni approfondimenti svolti dal percorso del Gruppo 2024 in attesa di riprendere la teoria e la ricerca sui capitoli della natività, e ha avuto lo scopo di esercitare il gruppo ad una osservazione di insieme di una natività. Prossima natività in esame, dove saranno invece trattate le inclinazioni psicologiche, è quella di van Gogh.

/ 5
Grazie per aver votato!

La Natività del predatore invisibile: Patrice Alegre

Dopo la trattazione nella rubrica interlunium del caso Alegre (link del live registrato qui) vorrei anche io disquisire su questa nascita e offrire una mia personale interpretazione. Vorrei partire da una breve indicazione biografica sulla vita di Patrice Alegre (definito dai giornalisti come Predatore Invisibile).

BIOGRAFIA – nell’enciclopedia dei serial killer i lineamenti biografici riportano dati sulla sua infanzia costellata da traumi devastanti, si segnala per esempio una madre alcolizzata e priva di affetto ed empatia per il figlio e che era solita portare in casa i suoi numerosi amanti lasciando il fanciullo Patrice ad ascoltare e vedere i suoi accoppiamenti. In questo scenario entrava a volte in scena il padre, un uomo definito dai biografi violento e che picchiava spesso il figlio con un bastone. La prima parte di vita di Alegre è stata insomma turbata, e molto difficile. Da adulto diventa un uomo complessato e pieno di tic facciali, si sposa ma dopo molti anni la moglie lo abbandona portandogli via la figlia, i periti forensi in ambito psicologico e psichiatrico dichiarano che questo evento fu per lui estremamente traumatico e probabilmente risvegliò in quel periodo certe ferite legate al “Fanciullo Patrice” e quindi ai suoi traumi infantili connessi all’abbandono e ad una rabbia interiorizzata nei confronti dei genitori totalmente indifferenti alla sua vita e al suo bene. A questo punto comincia una esistenza disadattata e comincia ad odiare le donne verso cui probabilmente vede la madre anaffettiva che lo ha traumatizzato da piccolo, e la moglie che lo ha abbandonato portandogli via la figlia. Comincia così a cronicizzare atteggiamenti violenti, a spacciare, rubare, a stuprare fino ad arrivare ad uccidere le sue vittime, si stimano almeno 5 donne uccise. La modalità di questi eventi ha sempre la stessa dinamica: si approccia alle sue vittime sessualmente, e quelle che lo rifiutano subiscono lo stupro e l’omicidio, per strangolamento. Quando viene accusato e arrestato la sua vicenda fa scalpore anche perché inizia ad accusare alcune figure importanti di Tolosa tra cui il sindaco. Ipotizza che i suoi gesti hanno dei mandatari precisi, che appartengono al potere politico e imprenditoriale, quello che intende evidenziare Patrice è di essere vittima di qualcosa di più grande di lui, di un giro di prostituzione e di droga nella Tolosa-bene dove comparivano nomi celebri della politica e dell’imprenditoria. Tuttavia queste sue accuse non sono mai state dimostrate e dopo aver accusato ha ad un certo punto ritrattato tutto. La sua prima parte di vita è stata costellata da violenza e da un ambiente famigliare altamente disagiato. La seconda parte di vita è stata costellata da grande incertezza, da un abbandono da parte della moglie e dalla sottrazione di sua figlia, e quindi dalle vicende di stupro e omicidio. La terza parte di vita, ovvero l’ultima parte, è quella in cui è stato rinchiuso per ergastolo dalla giustizia francese, nel 2019 sono superati secondo la legge Francese gli anni di “detenzione” del periodo di sicurezza, presenta quindi con il suo avvocato la richiesta di Libertà Vigilata, istanza che per ora non risulta ancora presentata a nessuna corte francese. Questa è la vita terribile di Patrice Alegre.

 

ANALISI DELLA NASCITA – Osserviamo prima di tutto il suo grafico di nascita che riporto con domificazione placidiana.


Come ormai avrete notato, quando analizzo delle carte di nascita devo partire da due prime formalità: determinare il temperamento prevalente, e determinare il Signore della Genitura o comunque quel Pianeta che ha un maggior dominio sulla nascita. Per far questo dobbiamo intanto stabilire se il grafico è diurno o notturno. La nascita è crepuscolare, come sono crepuscolari tutte le nascite in cui il Sole si trova nei pressi dell’orizzonte in fase di alba o sorgere (ascendente) o in fase di tramonto (discendente). Per CREPUSCOLARE intendo questa definizione (che proviene dal dizionario Treccani): in senso figurato incerto, vago, indefinito, cose tenui e sommesse; in senso ottico da crepuscolare ovvero di luminosità limitata e incerta, causata dai momenti susseguenti al tramonto del sole (meno comune, usato anche in quelli precedenti la sua levata) e che causano cambiamenti di colore dovuti al vapore acqueo e al pulviscolo atmosferico. Quello che mi preme sottolineare è la qualità della luce solare nel momento della sua nascita che è “crepuscolare” nel suo senso di “luce incerta”.

Come sappiamo le luci sono l’elemento fondante dell’astrologia, quindi una nascita crepuscolare ovvero una nascita in cui il Sole è in prossimità dell’orizzonte, pronto a sorgere o pronto a tramontare, causa in quel momento atmosferico un cambiamento della qualità della luce, repentino, che produce incertezza perché siamo in una fase in cui il sole procede o al suo sorgere o al suo tramontare. Nel caso di Alegre il Sole sta preparandosi a sorgere e ciò che emerge dall’orizzonte sono le prime luci dell’alba, dove però ancora non è visibile il corpo del sole. Siamo quindi in una nascita che in senso figurato è “crepuscolare”, incerta, indefinita.

La tecnica medievale ci indica che il suo temperamento prevalente è SANGUIGNO. Quindi dobbiamo osservare i pianeti che governano questo temperamento, che sono Giove e Venere. Nei miei approcci astrologici uso nello studio del temperamento osservare la posizione per DECANO dei governatori del temperamento, perché i decani sono stati usati – specialmente nella tradizione araba – anche come cartina tornasole per identificare alcune peculiarità o gestualità fisiche. In questo caso l’essere sanguigno di Alegre ha una natura “fortemente connessa al Sole” perché i due pianeti che governano tale temperamento sono entrambi nel Decano del Sole. Quindi l’essere sanguigno di Alegre intenderà manifestarsi attraverso (ma non solo) le peculiarità del suo Sole: visione cosmopolita, dedita al piacere, comunicativa, fortemente proiettata a trasmettere qualcosa di sé agli altri (sole in prima) ma fortemente pervasa da atmosfere vili e ambigue (sole che corrompe e corrode Mercurio Venere Marte, un Sole che prende le virtù di pianeti invisibili esprimendole in potenza in modo vile, ambiguo, distorto, anomalo). Il Sanguigno che qui emerge è quindi un sanguigno molto dedito al piacere, ma anche piuttosto dilaniato da certe pulsioni che possono anche diventare incontrollate come vedremo da alcuni aspetti tra non molto.

Stabilito il temperamento prevalente, l’Almuten Nativitatis secondo le indicazioni di ibn Ezra è MERCURIO. Mercurio è nel suo domicilio, il fatto che sia combusto non è un dato così rilevante, perché Mercurio è sovente sotto i raggi del sole e combusto, proprio per via della sua vicinanza al Sole. Tuttavia la condizione più “delicata e ambigua” di Mercurio non è affatto la combustione ma… il moto retrogrado! Più di tutti, la condizione accidentale di cui risente maggiormente il pianeta super-veloce (il più veloce tra i cinque erranti) è proprio il moto-retrogrado!!! Inoltre come ci indica il Picatrix Mercurio oltre a subire il moto retrogrado, sua vera vulnerabilità, diventa subdolo e malefico quando è in relazione ad aspetti con i malefici. Il picatrix dice letteralmente che Mercurio è buono con i buoni (benefici) e malvagio con i malvagi (malefici). Qui oltre ad avere un Mercurio retrogrado, condizione che lo fa soffrire parecchio, è anche un Mercurio in aspetto ad un Marte che in questo caso è rilevante che sia combusto, ovvero è congiunto a un Marte invisibile e bruciato. 

Mercurio assorbe le qualità di Marte Bruciato, che gli vengono comunicate anche dal Sole, inoltre è retrogrado, ed è nel suo domicilio, abbiamo tutti gli ingredienti affinché Mercurio possa esprimere qualcosa di sé in modo pernicioso, negativo, vile e ambiguo. Come si è espresso questo Mercurio? In linea generale una condizione simile potrebbe portare: instabilità a livello di mente, pensieri e di credenze personali, un modo di operare nell’attività quotidiana e di tutti i giorni subdola, non così chiara agli altri o a sé stessi; ma può anche indicare alterazioni-mercuriali che provengono dagli altri: comportamenti subdoli, disonesti, truffe, e via dicendo, che provengono da chi ci circonda. Tuttavia questo Mercurio è posizionato in casa UNO quindi intende presentare ambiguità nel “modo di esprimersi” di Alegre essendo l’ascendente “ciò che emerge agli altri di me”.

 

LA PRIMA FASE DI VITA LA SECONDA FASE DI VITA LA TERZA FASE DI VITA – Ci sono molte curiosità nel tema di nascita di Alegre che potrebbero portare a tracrivere un solo libro sul suo caso; non vi citerò per esempio i signori dei dodicesimi e il ruolo quindi delle dodecatemorie, perché in questa nascita risultano molto interessanti ma apriremmo un discorso veramente lungo! Mi soffermerei però sulla condizione intanto dei tre astri relazionati al Sole, ovvero della invisibilità di Mercurio Marte e Venere.

MERCURIO E MARTE rispetto al Sole sono “combusti”: come già detto il fatto che Mercurio sia bruciato non è così rilevante, lo è frequentemente e questa condizione non è così importante per Mercurio, come indicato Mercurio è molto più vulnerabile dalla condizione accidentale di retrogradazione. In questo caso però, Mercurio è in combustione in concomitante presenza di Marte, quindi Mercurio Marte uniti sono in congiunzione al Sole e la loro vicinanza al Sole è veramente intensa, e crea quindi una combustione dove le virtù di mercurio e marte unite andranno nel “sole” e si esprimeranno attraverso l’autorità Solare, di una nascita… crepuscolare ovvero prossima a far emergere la sua natura chiara e nitida nel fenomeno di alba. I pianeti combusti sono indeboliti nella capacità di esprimere sé stessi in modo confortevole, naturale, o consueto, quindi tutti i pianeti combusti sono particolarmente vili, ambigui, anomali e imprevedibili, in particolare mi soffermerei sul concetto di “imprevedibilità”: un pianeta bruciato, sotto i raggi del sole, insomma invisibile, è come un qualcosa di imprevedibile e di non calcolato che si rende visibile improvvisamente in modo strano, bizzarro, eccentrico, stravagante. 

Ricordo poi che l’unione di Marte-Mercurio fa i bugiardi, gli astuti, e se tale congiunzione è in un angolo e risulta combusta e la Luna fa aspetto, come riporta l’Anonimo e come vediamo in questa nascita – tale configurazione fa nascere i dissennati e i menzogneri e quelli che hanno una condotta da briganti, falsari, e se fa anche aspetto Saturno – riporta sempre l’Anonimo e come è in questo caso che stiamo analizzando – i nativi saranno condannati e subiranno avversità; ma se in tale aspetto di congiunzione Mercurio Marte, entrambi combusti, c’è anche un aspetto di Giove – come in questo caso e come riporta sempre l’Anonimo – i nativi avranno successo (o saranno protetti) nelle loro malefatte. Alla fine Alegre fortunatamente è stato fermato e arrestato, ma per un lungo tempo è stato libero di fare ciò che ha fatto, inosservato. Ma è anche vero che questi aspetti descritti, evidenziano chiaramente anche la difficoltà e la crudeltà che ha vissuto come fanciullo, nella sua età quindi infantile e adolescenziale, fasi biologiche della vita umana in cui si forgia il nostro carattere che sia ben chiaro non dipende solo dal quadro astrologico in cui siamo nati, ma anche da condizionamenti e variabili genetiche, ambientali e culturali in cui siamo inseriti.

Inoltre Marte è congiunto al Sole: dice sempre l’Anonimo che questa congiunzione, quando è particolarmente lesa o soggetta anche ad aspetti ulteriormente malefici (come in questo caso dove c’è un raggio di sestile tra Marte-Sole e Luna congiunta Saturno) chi nasce sarà sottoposto a frequenti pericoli, potranno avere a che fare con offese agli occhi o causate dal ferro o dal fuoco, altri diventano folli, escono di senno.

VENERE CAZIMI – in questa natività Venere risulta in cazimi ma il Sole è comunque inflazionato da situazioni marziali-mercuriali che come ho trattato sono veramente perniciose. Inoltre il cazimi va sempre valorizzato e qui rientra l’importanza dell’essenzialità: Sole e Venere sono in Gemelli quindi sono in una condizione di essenzialità chiamata “peregrina”, anche se Venere è valorizzata poiché in egkardios (nel cuore del Sole) non è così supportata in tale condizione. Inoltre per capire se Venere in cazimi valorizzerà in modo positivo il nativo e le sue condizioni, dobbiamo osservare la sua levata: Venere andrà in levata eliaca vespertina il 14 Luglio 1968, e tale levata porta Venere a incontrare nella sua visibilità Saturno, con un aspetto di quadratura. Quindi Venere incontra Saturno nella sua levata, e Venere che è significatore naturale delle donne è soggetta a un raggio malefico: Valente indica che in questo aspetto in certe condizioni in un tema maschile indica che l’uomo sarà soggetto alle passioni ma prive di grazia, i nativi possono compiere oscenità od essere soggetti ad oscenità, a scandali, processi a causa delle loro passioni incontrollate / sfrenate. Tale indicazione di Valente ritrova un riscontro sia nella prima parte di vita di Alegre, che è costretto a vedere e ascoltare gli accoppiamenti e le oscenità sessuali della madre, sia in età adulta quando le sue passioni ad un certo punto diventano sfrenate e incontrollate e arrivano fino allo stupro e all’omicidio per strangolamento delle sue vittime, donne che non sottostanno alle sue passioni sessuali incontrollate.

I SIGNORI DELLA TRIPLICITA’ – nella tradizione araba molti autori riportano l’importanza del ruolo dei signori delle triplicità; in particolare seguendo ibn Ezra e Bonatti, il primo signore della triplicità dell’Ascendente ci indica le condizioni del nativo nella sua fase infantile e adolescenziale; il secondo signore nella sua fase adulta; il terzo nell’ultima parte della vita. Il primo signore della triplicità dell’Ascendente è SATURNO in caduta e congiunto alla Luna: corrisponde chiaramente alla condizione della sua prima fase di vita, una vita di un bambino e un adolescente tormentata da eventi duri, fetidi, corrotti, sprezzanti come è Saturno quando nella sua essenzialità incontra una debilità. Il secondo signore è Mercurio, quindi nella fase adulta la condizione già trattata di Mercurio corrisponde esattamente alle sue attività prima degli omicidi e anche durante gli omicidi. Arriva ad accusare politici e imprenditori come mandatari dei suoi gesti violenti, accuse in realtà mai dimostrate e che probabilmente sono totalmente inventante. Il primo signore della triplicità del discendente ci indica in questo caso come il nativo si relaziona al sesso opposto: il primo signore è proprio Venere in cazimi, ma  in un cazimi non così valorizzato e con una Venere che va verso una levata eliaca disarmonica perché il primo incontro che fa nella sua levata è con Saturno.

LE IMMAGINI ZODIACALI – Concludo questa trattazione indicando ciò che “sorge” nell’Ascendente e ciò che “culmina” nel Mediocielo, attraverso i giudizi dei Decani e dei Confini. Nell’immagine trattata, sorge all’ascendente il terzo decano dei Gemelli definito da Agrippa come “un uomo che cerca le sue armi e un pazzo con un uccello nella destra e un flauto nella sinistra, che significa oblio, indignazione, scherni, truffe” mentre ibn Ezra ci vede “un uomo che cerca armi”. Il confine dell’ascendente è in gradi che “causano deterioramento della posizione sociale” come riportato dai giudizi dei confini ispirati da Critodemo e Valente. Qui abbiamo le immagini che sorgono, ovvero ciò che si rende visibile al mondo. Mentre nel mediocielo possiamo rintracciare ciò che si manifesterà. Culmina il terzo decano dell’Acquario, Agrippa ci vede “un uomo nero in collera, indica insolenza e impudenza” mentre ibn Ezra ci vede “un uomo nero e furioso, ingannevole”. Ci troviamo in un confine di gradi di deterioramento, di consunzione, morbosi, epidemici, pestilenziali, di convulsione, invidiosi, estremamente difficili e faticosi, di penuria, di povertà e di difficoltà estremizzate, insomma immagini che rievocano benissimo le situazioni perniciose ed estreme che si sono espresse nel corso della sua vita.

LA TERZA FASE DI VITA: l’ultima parte di vita di Alegre è rappresentata dal terzo signore della triplicità ascendente, ovvero Giove, un Giove in esilio e in IV casa. Proprio nel 2019 Alegre ha attivato con il suo avvocato la procedura di libertà vigilata, cosa permessa in Francia dopo un certo periodo di detenzione anche in presenza di ergastolo. Quel Giove fa pensare molto al suo “ritorno in casa” e ad una parte di vita in cui il nativo dovrà comprendere le sue radici, la sua tradizione e la sua eredità genealogica.

/ 5
Grazie per aver votato!

Ruolo di Mercurio e Luna nella natività di Stromae.

Stromae è il nome d’arte di Paul Van Haver, è un cantautore, produttore discografico e rapper belga; da parte paterna è di origini ruandesi, la madre è invece belga. È caratterizzato da uno stile che accosta e unisce più stili diversi, dall’hip hop, al soul, fino alla musica elettronica. Lo pseudonimo STROMAE significa “maestro” nel gergo francese. La vita di Stromae è stata segnata dalla perdita prematura del padre, ucciso durante il genocidio del Ruanda nel 1994. L’interesse per la musica inizia a 11 anni, il successo che ottiene gradualmente, esplode con il singolo Papaoutai e poi con il singolo Formidable. Nelle sue canzoni affronta temi sociali tra cui: l’alienazione, il cancro, i problemi di coppia, l’emarginazione sociale, l’alcolismo, il razzismo, il sessismo e l’omofobia.

Le qualità dell’animo e della mente di Stromae, secondo le tecniche astrologiche applicate alla sua carta di nascita (12 Marzo 1985, Etterbeek Belgio, ore 9:31), vedono Mercurio in Ariete che comunica con la Luna in Sagittario che è in aspetto applicativo di trigono a Mercurio. Mercurio e Luna confluiscono verso Giove con due sestili, creando una figura chiusa con un astro (Giove) che acquisisce una certa forza accidentale, e che si candida insieme a Mercurio a Signore della Genitura.

MERCURIO come significatore delle facoltà intellettive, del linguaggio e della parola, è in segno cardinale, ciò significa secondo Albohali (De iudiciis nativitatum) mente acuta, mente elevata, bellezza e amore per la conoscenza e le cose della religione. La cultura di Stromae è indiscutibile, interessata in particolare ai temi sociali, etici e morali, dove sovente propone idee anticonformiste o contrarie a certe morali conservatrici e restrittive. Mercurio è nella Casa di Marte e questo conferisce astuzia, Mercurio agisce nelle note marziali che spesso sono riottose o provocatorie, contro ciò che è considerato dal nativo limitante o meritevole di condanna. Mercurio è in luogo di recessione perché segue quello angolare, il che rende instabile il successo intellettivo: sappiamo dalla carriera di Stromae, infatti, che il suo percorso artistico è stato spesso caratterizzato da momenti di uscita dalle scene pubbliche, ritiro dai palcoscenici, e da una certa incostanza; ultimamente l’artista ha dichiarato di essere più interessato a scrivere musica e testi per altri, piuttosto che produrre nuovi singoli.

Dice Albohali: qualunque pianeta sia designato come maestro del tema, avrà i suoi significati rispetto alle cose della mente. Il signore della genitura, o Almuten Figuris, è in particolare Giove. Così la mente e l’orientamento del nativo sono focalizzate verso una natura gioviale, verso una visione cosmopolita di sé stesso; tuttavia Giove è nella casa di Saturno, e Saturno è retrogrado congiunto al discendente nel segno Scorpione, evidenziando come questa visione cosmopolita possa essere caratterizzata da momenti di sfida e di isolamento, caratteri del nativo che abbiamo già potuto apprezzare nella sua carriera fino ad oggi nota.

La posizione di Mercurio in casa dodici non è sempre malvagia e dipende dalle disposizioni degli altri astri. Retorio ci ricorda che in un tema diurno, come in questo caso, Mercurio nel luogo del cattivo genio fa gli eruditi, i retori, i geometri, i maestri… proprio la parola “maestro” usata da Retorio, appare nel nome d’arte di Stromae che nel gergo francese significa proprio “maestro”. Inoltre, Mercurio è all’interno di una figura chiusa composta da Luna e Giove, tutti e tre gli astri sono in confini che appartengono ai benefici, per Valente la qualità dei confini è un valore non di poco conto perché spesso possono in certe condizioni aiutare anche ove abbiamo disposizioni in apparenza negative. Inoltre Mercurio è in aumento eliaco, anche se occidentale, acquisisce una distanza dal Sole permissiva nell’espletamento delle sue funzioni coordinate e proficue. Tuttavia l’occidentalità di Mercurio è sempre cagione di lieve danno (anche per Venere vale la stessa cosa) e di nuovo sottolineo come questo è riscontrabile nell’oggettività biografica dell’artista, non tanto per il successo nei confronti del suo pubblico (è amato e seguitissimo) quanto per la sua tendenza a non essere assertivo, così è naturale per Stromae essersi ritirato per un lungo periodo dai riflettori, e non è affatto strano che ultimamente abbia dichiarato che è più interessato a scrivere testi e musiche per gli altri piuttosto che a ritornare a calpestare direttamente i palcoscenici della visibilità artistica. Albohali ci dice di verificare gli aspetti specialmente applicativi: la Luna si applica a Mercurio, in un aspetto di trigono applicativo, in particolare questo aspetto è definito dall’astrologo come “amore per il viaggio e buona capacità riflessiva, amore per tutti i rami del sapere”.

Le qualità dell’animo di Stromae possiamo osservarle nel segno della Luna, che è bicorporeo quindi un animo mutevole e aperto al trasformismo, è poi nella casa di Giove e Giove ha una certa forza accidentale; la Luna quando è nella casa di Giove è “come un re tra i suoi parenti, avrà ottima reputazione” questo è amplificato anche dal fatto che la Luna comunica con Giove per sestile, inoltre Luna e Giove occupano confini benefici; inoltre indica “compagnia di donne con le quali ciò non è consentito”, dice Albohali: la Luna è nel luogo sette, e sappiamo come l’animo di Stromae sia molto sperimentale e in alcune sue creazioni artistiche abbia affrontato il tema della sessualità e della relazione in modo anticonformista, suscitando polemiche negli ambienti più conservatori.

Secondo la tecnica medievale, il temperamento di Stromae è sanguigno: non poteva che essere così, è il temperamento che più si riscontra negli artisti, perché conferisce una certa visione cosmopolitia e una certa tendenza alla sperimentalità e all’estroversione. Così è definito questo temperamento da Giuseppe Allievo (Studi anthropologici. L’uomo e il cosmo, 1891) in una trattazione che evidenzia tutte le sfumature possibili del sanguigno: natura Giove + Venere. Cuore voluminoso, vasti i polmoni, quindi facile e grande respiro con un polso sviluppato e regolare, fisionomia animata, volto ridente e fiorito, occhio vivo e brillante, voce sonora e soave, agilità di membra e lestezza di andatura, fattezze espressive, ma dolci, carni solide e compatte, grande eccitabilità dei sensi esterni, tali sono i tratti fisiologici di chi è dotato di temperamento sanguigno. Sotto il riguardo psicologico poi, e primamente rispetto alle facoltà intellettuali, egli mostra una percettiva facile e pronta, rispondente alla sua suscettività nervosa, ma questa essendo mobilissima, vivace e leggera, epperò impotente a fermare le impressioni e a dominarle, lo sbalestra da una all’altra idea rompendone il vincolo di continuità, lo trae a ragionar su tutto sfiorando le questioni senza approfondirne veruna, lo rende precipitoso al giudicare, corrivo al concludere, incapace di una riflessione continuata e di una attenzione sostenuta, insofferente delle sottili e pazienti indagini, inetto a sollevarsi alle sublimi regioni della scienza per via di meditazioni lunghe, profonde ed astratte. Vivida, brillante e feconda la sua fantasia, essa sola fa buona prova e riesce nei lavori d’immaginazione. La sua vita affettiva e morale è tutta informata di un sentimento ardente, ma instabile e passeggero. Per il che nella convivenza sociale egli si manifesta franco ed aperto, ilare e gioviale, affabile e cordiale, compiacente e benevolo sino alla generosità e all’entusiasmo. Con pari ardore egli si rivolge ai piaceri dei sensi e la tavola ed il gioco, gli spettacoli ed i balli, la ginnastica e la caccia, le scampagnate ed i viaggi, il lusso e la moda sono le sue delizie. Ma anche qui la leggerezza e l’incostanza intervengono, cagione dei suoi facili e passeggeri amori, dei suoi gusti mutabili e sempre nuovi. In riguardo all’attività volontaria egli si porta all’azione con quel subito ardore che viene dall’impeto del sentimento, ma quanto è pronto ad intraprendere, altrettanto è facile a lasciare, causa incostanze e la mutabilità del volere. In breve, le sue facoltà intellettuali erompono all’atto e si espandono libere e spigliate, ma un nonnulla basta ad arrestarne il moto, a mutare l’indirizzo, quindi impossibili i seri e gravi lavori del pensiero. Godere l’esistenza e gustare sotto tutte le loro forme i piaceri, che presenta la società e la natura, senza posare su nessuna in particolare; quindi impossibile la costanza dell’affetto: ecco la vita del sentimento e del cuore. Attività incessante, ma tutta di primo slancio , distratta qua e là , mutabile di oggetto, cedevole innanzi alle difficoltà , impotente a raggiungere un grande e nobile scopo, ecco la vita operativa e volontaria.

/ 5
Grazie per aver votato!