BLOG ALMUTEN | FONTI TRADIZIONI RICERCA

Categoria: ASTROLOGIA (Page 6 of 24)

Approfondimenti di astrologia tradizionale, indagine e ricerche, fonti e metodologie dell’astrologia a cura del sito almuten.it

Carl Gustav Jung: analisi della sua Carta di Nascita. Opere, Azioni, Animo.

La nascita di Carl Gustav Jung è avvenuta in una città della Svizzera il 26 Luglio 1875 alle ore 19:24 orario indicato dalla figlia e ricostruito secondo i racconti della sua famiglia: Jung nasce quando con gli ultimi raggi del Sole. La sua, dunque, è una nascita crepuscolare tuttavia da considerare a tutti gli effetti diurna.

Cosa possiamo dire dal punto di vista astrologico? Partirei con alcune affermazioni riferite a diversi autori antichi che esordiscono dicendo che chi è pianeti buoni in VI casa, può diventare un buon medico. La VI casa ha significato anche sulle opere essendo in trigono alla X, e proprio perché la VI casa è la casa della malattia, può per assurdo diventare per una persona che sceglie la professione medica o sanitaria una grande risorsa.

I medici sono significati da Marte. Notiamo che Marte è governatore della X casa, è occidentale, inoltre è con Mercurio in ireceptio una ricezione “negativa” che tuttavia ha significato sulle modalità delle opere (Marte è nel detrimento di Mercurio; Mercurio nella caduta di Marte). Mercurio è orientale al Sole. Mercurio è in relazione nel mondo con la X casa.

Mercurio e Marte concorrono nel definire le azioni del nativo. Tolomeo dice che Mercurio Marte fanno (tra le varie cose) i medici e i chirurghi. Non sottovalutiamo Mercurio, è in levata eliaca! Mercurio perfeziona la congiunzione a Venere, inoltre vi è mutua ricezione benigna tra Luna e Venere (Luna nella casa di Venere, Mercurio nella casa della Luna). Abbiamo figure molto potenti rispetto alle azioni del nativo (ma anche sulle questioni del’animo e della mente).

La questione opere è chiara: il nativo ha predisposizione per le azioni connesse ai significati di Marte Venere, l’ireceptio per le questioni lavorative può anche significa una incapacità del nativo di adattarsi alle regole comuni, ovvero l’irricevibilità di adattarsi a un costume operativo comune, predispone quindi a tutte quelle azioni od opere che sono o incomprese, oppure controcorrente, o che sfidano un pensiero dominante e comune.

Tuttavia, la proficuità delle opere è data da Mercurio che si unisce alla buona stella di Venere, anche se la nascita è diurna comunque rimane un benefico che in VI casa non è debilitata se tale congiunzione sarà utilizzata per le questioni delle opere! In ambito lavorativo, Jung è stato controcorrente, discepolo (inizialmente) di Freud, poi acerrimo rivale e competitore, promotore di una nuova idea di psicologia e fautore della psicanalisi junghiana.

Inoltre Marte è lento di moto, comunque diretto e libero dai raggi del sole, ma occidentale. L’occidentalità di Marte significa per le questioni delle opere una posizione mediocre nell’esercito, quando è orientale una posizione onorevole nell’esercito, tipica di chi conduce battaglie, nonché il comando degli eserciti. Con questa analogia, Albiruni cosa vuole intendere? Che Marte orientale è più adatto nelle questioni delle opere per azioni belliggeranti, quindi sarà ottimo per chi svolgerà lavori in ambito militare, mentre un Marte occidentale è più tipico, dice lo stesso Albiruni, per un macellaio, un chirurgo, un medico. Quidni l’occidentalità di Marte ci sta tutta nella natività di Jung perché va proprio a identificare la “forza e la determinazione” di Marte di Jung che è una determinazione diciamo più medica che militare!

L’onorabilità del nativo è data dalla angolarità del luminare del tempo, il Sole. Tuttavia l’onorabilità deve essere confermata da altre testimonianze, una delle più importanti è quella legata alle stelle di prima e seconda magnitudine. Per l’onorabilità dobbiamo caloclare il signore della genitura. In questo occasione tengo in considerazione alcune indicazioni di William Lilly, vi leggo questo breve passaggio: lettura.

Allora, Lilly non dice di rivolgersi al metodo di ibn Ezra, che è l’approccio alla ricerca del signore della genitura più gettonato in questi tempi, che ormai possiamo apprenderlo semplicemente facendo una ricerca google. Lilly va un po’ oltre. Dice che il signore della genitura è quel pianeta che ha il più alto numero di dignità essenziali e accidentali. Questo è un principio alla base del metodo di ibn Ezra che tuttavia non tiene in considerazione molte variabili di accidentalità. Con il metodo di ibn Ezra non possiamo tenere conto di variabili accidentali improtanti come il moto retrogrado, il pianeta lento, il pianeta invisibile, che sono tre variabili molto importanti in ambito valutativo. Il signore della genitura è per Lilly un pienata che deve avere le più alte quantità di variabili positive, sia per essenzialità, sia per accidentalità. Non cita i cinque luoghi vitali che incontriamo in ibn Ezra, tuttavia aggiunge un parametro che ho incontrato anche in Ranzovius un autore che è stato preso come fonte da Gadbury e nulla vieta pensare che anche Lilly avesse avuto modo di consultare i testi di Ranzovius, ovvero per il signore della genitura Lilly introduce il parametro dell’Altezza dell’astro. Ovvero l’astro più alto potrebbe essere il signore della genitura, oppure concorrere a tale definizione. Infatti Lilly dice che non è detto che il signore della genitura è un solo pianeta, a volte possono essere anche più pianeti a concorrere a questo titolo.

Inoltre Lilly presenta nella sua opera, come tanti altri suoi colleghi, una tabella di Fortuna e Sfortuna essenziale ed accidentale, per calcolare il “peso” di ogni astro, un peso specifico che ne identificherà la capacità di azione.

Quindi detto questo ho calcolato:

il signore della genitura secondo il metodo comune di ibn Ezra: il risultato è SATURNO.

Poi ho valorizzato il pianeta più alto della genitura, che è GIOVE. Questo pianeta notiamo che ha una grande dignità accidetnale, ovvero la congiunzione a Spica. Notiamo poi che vi è una relazione tra Giove-Saturno di trigono,  poi vediamo che entrambi i pianeti governano la triplicità di aria, che incontriamo nel segno dell’Ascendente, Giove poi è nell’esaltazione di Saturno, e Saturno indossa gli abiti di Giove essendo nel volto di Giove. Insomma secondo la mia valutazione, Saturno è signore della genitura unitamente a Giove. Proprio la posizione di Saturno in casa uno conferma la rigidità analitica del nativo, essendo retrogrado la sua propensione all’esplorare, all’indagine, alla ricerca, ma anche alla riottosità nei confronti delle regole comuni e delle tradizioni comuni, unitamente però all’intervento di Giove ci parla anche di una visione cosmopolitca, molto sperimetnale, la ricerca analitica è gioviale, Giove è con Spica una stella molto importante per le questioni della mente, dell’intelletto in genere, notiamo poi che Marte Saturno Giove formano una figura chiusa, i signori della genitura quindi si associano o collaborano anche con uno dei pianeti delle opere, Marte. Mercurio poi è nell’esaltazione di Giove, Giove nella triplicità di mercurio. Insomma notiamo una incredibile sinergia, armonia tra i punti del tema di Jung che concorrono tutti all’idea di una visione di ricerca, pragmatica, ma anche profondamente riottosa nei confronti dei perimetri e delle tradizioni comuni. La condizione dei signori della genitura, il fatto che il sole è in VII casa, il fatto che Giove è con spica, concorrono poi all’onorabilità del nativo.

Ma per concludere vorrei dire qualcosa sulle inclinazioni dell’animo e della mente di Jung.

Banalmente possiamo dire che Luna Mercurio comunicano tra loro nello zodiaco e nel mondo, quindi la connessione tra animo e mente è presente in Jung, e questa configurazione predispone il nativo all’introspezione, alla meditazione, alla capacità di ascoltare sé stessi e gli altri, ma predispone anche ad una buona dialettica, ad un buon ragioanmento, ad una buona intellettualità e capacità di apprendimento, acciungiamoci poi che la Luna è in mutua ricezione a Venere e quindi le qualità dell’animo sono aggraziate, estetiche, c’è un profondo bisogno di essere notati e apprezzati, la congiunzione Mercurio-Venere per le questioni della mente predispone anche alla ricerca del bene e del bello, tuttavia non possiamo non considerare che Mercurio Venere in VI casa sono anche precursori dei mali dell’animo, ovvero ad una sensibilità nei confronti dei malesseri e delle fragilità. A mio avviso Jung ha gestito questa posizione intanto curando i malesseri degli altri, e guarda caso ha curato le schizofrenie, le depressioni, le manie dei suoi pazienti, e Venere è anche significatrice del medicamento unitamente a Giove, però è anche vero che Mercurio in VI può abilitare nel nativo delle fragilità, delle inquietudini, Mercurio poi è in ireceptio a Marte e questo fatto per le questioni dell’animo e della mente significa inquietudine, irrequietezza, orgoglio, competizione; notiamo poi che Giove è in doriforia alla Luna (questioni dell’animo); inoltre il Sole si trova presso l’ammasso alveare o M44 ovvero Ammasso del Presepe nella costellazione del Cancro, questa luce è una minaccia per la testa, per la vista, per gli occhi, in senso simbolico significa offuscamento, annebbiamento, smarrimento, paure ancestrali, questo ammasso non ha avuto a mio giudizio un effetto sul corpo, ma piuttosto sui moti dell’animo, la VII sono anche i nemici noti o il luogo della competizione, il Sole che tramonta insieme all’ammasso alveare può indicare una intelligenza (poiché il sole significa anche l’intelligenza) a volte annebbiata da paure ancestrali che portano l’animo a smarrirsi nel tramonto della mente e della ratio. Jung è stato un animo molto inquieto e da lui stesso ammesso spesso vittima di vere e proprie crisi esistenziali e trascendentali, mometni di tormento che tuttavia sono stati per lui necessari al fine di comprendere i misteri della psiche. Discesa nelle tenebre che nel caso di Jung gli ha concesso il titolo di padre della psicanalisi.

/ 5
Grazie per aver votato!

Definizione del termine “ASTROLOGIA”

Hubner Wolfgang (Hannover 1939, filologo classico) nel suo “Die Begriffe Astrologie und Astronomie in der Antike” fa notare che il titolo dell’Ottavo Libro di Marziano Capella (IV-V secolo, grammatico romano) è passato da “De Astrologie” a “De Astronomie” nelle edizioni uscite tra la fine del XV secolo e del XIX secolo (l’opera più celebre di Marziano è la “De nuptiis Philologiae et Mercurii” dove in un misto di prosa e versi allegorici presenta le discipline delle arti liberali suddivise in diversi tomi: De Nuptiis Philologiae et Mercurii libro uno e due, poi volumi sulle sette arti ovvero da libro tre a libro nove De arte grammatica, De arte dialectica, De rhetorica, De geometria, De arithmetica, De astronomia, De harmonia.

Morte del Sole, della Luna, e caduta delle stelle (Cristoforo de Predis, XV sec.)

Termini greci riferiti all’Astrologia

Ma i termini greci che si usavano per riferirsi all’Astrologia, come “pratica scientifica”, erano per lo più i seguenti:

genethliaki, che si riferiva specificatamente a tutte quelle pratiche finalizzate allo studio della natività secondo le disposizioni del cielo

apotelesmatikí, che intende riferisci all’efficacia ovvero alla capacità di una data disposizione celeste di produrre un effetto, chiaramente è un termine che si ricollega agli effetti apotelesmatici del cielo sulle cose del mondo sublunare.

Wolfgang Hubner, attraverso le sue ricerche, pare indicare che i termini astrologia e astronomia fossero intercambiabili. Nella Tetrabiblos di Tolomeo l’astrologia è un tipo di prognosi ovvero uno dei mezzi attraverso cui il popolo arriva a predizioni che sono tuttavia il frutto di disposizioni astronomiche.

Due sono le dottrine più importanti e più valide che ci consentono di giungere al fine della previsione astronomica. L’una di esse, prima in ordine e in efficacia, ci offre la comprensione delle configurazioni dei moti del Sole, della Luna e degli astri sia nel loro mutuo rapporto, sia rispetto alla terra, che si verificano in ogni tempo. L’altra è quella mediante la quale investighiamo, in virtù dei caratteri naturali di queste medesime configurazioni, i mutamenti che occorrono nei corpi che esse abbracciano.

Claudio Tolomeo, Tetrabiblos, Libro Primo, Proemio.

Dalla versione italiana tradotta da Giuseppe Bezza.

Tolomeo e le precisazioni nella Tetrabiblos

Tolomeo definisce due modalità di approccio alla realtà celeste, le chiama dottrine e dice che:

  • una è la più importante in ordine di efficacia e serve per comprendere la figurazione dei moti degli astri (e non può che essere quella che chiamiamo astronomia, attraverso la quale noi possiamo stabilire la posizione di una luce nel cielo, di un pianeta, o di una stella, il suo colore, la sua altezza, il suo orientamento, la qualità del suo moto, secondo l’esperienza che arriva all’osservatore nella sua sfera locale);
  • l’altra dottrina è quella che l’osservatore usa per investigare i mutamenti che le nature di queste configurazioni suscitano (ovvero quella che chiamiamo astrologia).

Nel Libro Uno della Tetrabiblos, al capitolo due (Ove si dimostra che la previsione astronomica è possibile e fino a qual punto), Claudio Tolomeo spiega l’Arte astrologica e la fondatezza di tale arte se associata all’astronomia, tuttavia definisce anche i limiti dell’interpretazione. L’autore parla di elementi, e di nature che provengono dal cielo in base alle disposizioni di queste luci: sul pianeta terra notiamo o percepiamo sulla nostra pelle dei cambiamenti ciclici dell’aria, delle temperature, dell’umidità, del caldo, secco, freddo, umido, tali cambiamenti avvengono in corrispondenza di certi fenomeni astronomici; per esempio le stagioni sono un prodotto del cielo, in particolare del Sole.

La particolare e specifica posizione del Sole rispetto ai movimenti e inclinazioni della terra determina l’esplicitazione delle stagioni (o semplicemente delle diverse temperature delle aree del mondo) che oggi sappiamo sono dovute al Sole ma anche a come la sua luce e la sua attività reagiscono con l’atmosfera terrestre.

Le stagioni per esempio ci portano ad osservare che esse sono causa di fenomeni naturali specifici:

  • cambiamenti della natura;
  • nascita e morte delle piante;
  • nascita e morte dei frutti;
  • tali cambiamenti sono alla base della sopravvivenza, senza frutti non ci sarebbe nutrimento, non ci sarebbe agricoltura, non ci sarebbe cultura e tradizioni nate anche dai fenomeni stagionali e dai prodotti e primizie specifici che tali fenomeni causano in base al luogo geografico di riferimento;
  • inoltre, già ai tempi di Tolomeo si evidenzia come la qualità della luce, quindi le qualità del caldo, freddo, umido, secco, nei vari luoghi del mondo, determinavano civiltà e società diverse attraverso le loro tradizioni e folclori che dipendono anche da una questione ambientale ed ecosistemica.

Non a caso è nella Tetrabiblos che Tolomeo classifica i diversi popoli del mondo e dei diversi loro costumi e tradizioni, diversità che dipendono dalle condizioni naturali dei vari ambienti geografici di riferimento. Altresì allude anche agli effetti della Luna che oggi sappiamo ha un importante ruolo nell’espressione del clima, nel regolare le attività della terra; la Luna non causa solo l’alta e la bassa marea, ma causa anche l’innalzamento e l’abbassamento della crosta terrestre secondo il suo ciclo, inoltre è oggi dimostrato che le fasi della luna suscitano impulsi in certi animali, ma è stato anche dimostrato che la diversa luminosità della luna nelle sue varie fasi causa produzioni ormonali nell’uomo diverse, stessa cosa è causata anche dalle stagioni; quindi i periodi caldi alternati da quelli freddi suscitano cambiamenti nel corpo degli animali e degli esseri umani, corpi che reagiscono alle variazioni del tempo, del clima, delle temperature, che sono un prodotto del cielo. Senza stelle, senza il Sole e la Luna, senza le luci della sfera celeste, senza l’ordine con cui è regolato il meccanismo celeste, non ci sarebbe la vita come la vediamo in questo momento sul nostro pianeta. Tolomeo dunque offre una spiegazione razionale alle interpretazioni celesti, e cerca di bandire tutto ciò che invece è superstizione e banale magia.

Aggiunge poi che l’arte interpretativa è congetturale e dipende dall’indagine e dall’osservazione, afferma infatti che una certa configurazione si ripeterà ciclicamente nel tempo, ma una stessa configurazione non avrà mai lo stesso significato. Questo è il principale motivo per il quale a volte le interpretazioni falliscono perché ci si riferisce a indicazioni “precedenti” che sovente presentano delle sottili divergenze; comunque sia, Tolomeo quando parla di interpretazione e congettura si riferisce ad un approccio di “indagine”: pare riferirsi all’Astrologia non come ad una forma di arte della “congettura precostituita” da riportare di volta in volta, ma piuttosto come “metodo di elaborazione” dei dati astronomici e delle qualità del cielo, dal quale è necessario trarre di volta in volta giudizi deduttivi e che possono risultare non certi, non assoluti, o di volta in volta da adattare al nesso storico-ambientale-sociale-culturale di appartenenza.

Astronomia e Astrologia dipendono l’una dall’altra

In epoca antica l’Astronomia era frequentemente intercambiata con l’Astrologia. Era abbastanza naturale che un calcolo delle posizioni celesti, delle coordinate dei pianeti, il loro comportamento nella sfera locale e celeste, giudicare la loro luce e il loro spettro colorato, portava poi in modo “naturale” ad una interpretazione congetturale sulle questioni del mondo. Per quale motivo?

  1. Perché il mondo antico riteneva l’alto collegato al basso, il basso collegato all’alto, non in senso esoterico, simbolico, o archetipico, ma in senso fisico e letterario. Ogni fenomeno naturale è dovuto ad una connessione celeste non magica ma fisica.
  2. Il concetto di “determinismoè infatti oggi molto frainteso: per il pensiero antico determinismo significa un qualcosa che è stabilito dalle leggi fisiche e naturali. In un certo senso il tramonto è un fatto deterministico, come il sorgere del Sole. Deterministico è il fatto che il Sole in un certo momento dell’anno causa cambiamenti nei cicli naturali degli ecosistemi, in quelle che chiamiamo “stagioni” dove la quantità di luce, la sua specificità, la qualità del calore, dell’umidità, del freddo e della secchezza, suscitano eventi naturali nelle realtà vitali del mondo. Deterministico è dunque ciò che le disposizioni del cielo “determinano” sul piano terrestre e naturale, con cambiamenti nella natura delle cose.
  3. Ne consegue che la disposizione del cielo nel momento della nostra nascita descrive un “momento naturale”. Potremmo paragonarla ad una mappa celeste che intende dirci le qualità del caldo, del freddo, del secco, dell’umido, elaborate attraverso diversi criteri e metodologie. Queste disposizioni indicheranno dunque il modello naturale in cui l’individuo nasce, e ne consegue che tale modello porterà a congetturare una serie di possibili interpretazioni per le questioni pratiche della vita del singolo individuo: ovvero ciò che il nostro sistema vitale e biologica può e non può elaborare nei suoi diversi sistemi, animici come cognitivi.

Conclusioni: definizione finale

Quindi, cos’è l’Astrologia? Con cognizione e ragionamento non possiamo escludere l’astronomia dall’astrologia, le due dottrine dipendono l’una dall’altra. La diversificazione delle due materie, che si fa più evidente a partire dalla fine del X secolo, per poi subire una dicotomia totale in epoca illuministica, è per l’astrologo impropria.

Infatti, l’Astrologia dipende prima di tutto dallo studio del cielo: sono le disposizioni della volta celeste e il modo in cui tali disposizioni sono percepite dall’osservatore nella sua sfera locale a determinare o a classificare certe nature, la matematica celeste è per l’Astrologo un importante “decreto” da cui partire, perché nulla è lasciato al caso o all’intuizione personale, e ogni disposizione ha una sua corrispettiva espressione naturale.

Compresa la natura del cielo che stiamo osservando, passeremo alla parte interpretativa che ha lo scopo di definire come le nature del cielo intendono esprimersi sull’oggetto di nostro interesse (per esempio sul corpo di una persona e sulle sue inclinazioni). Tale congettura intende tradurre le nature proprie degli eventi celesti propagate nell’atmosfera terrestre e come tali nature agiranno sull’individuo. Per congetturarle è necessario conoscere la natura delle cose terrestri, quella che un tempo rientrava nella filosofia naturale, sapere cioè il caldo cosa causa nel corpo, cosi il freddo, così l’umido e il secco, è necessario comprendere come certe nature agiscono nei vari settori dell’esistenza individuale, come agiscono nel modo di esprimere le nostre opere, le nostre azioni, le attività lavorative e sociali, le relazioni, il nostro rapporto con gli altri, il nostro carattere eccetera.

L’astrologia è, in conclusione, quel modello congetturale attraverso cui l’astrologo interpreta i fenomeni del cielo relazionati alla vita di un individuo (per esempio nello studio del tema natale) con lo scopo di definire come le nature del cielo, che agiscono su quelle ambientali ed ecosistemiche, interagiranno con il sistema biologico e vitale dell’individuo definendo temperamento e inclinazioni dell’animo e della mente, da cui si generano tutte le nostre predisposizioni sociali, individuali, caratteriali, relazionali. Ne consegue che la congettura e l’interpretazione devono tenere conto anche del nesso storico di appartenenza, e dei modelli sociali e culturali a cui ogni persona è relazionata.

I limiti dell’astrologia sono ancora oggi gli stessi indicati da Tolomeo:

  1. l’interpretazione astrologica poiché è arte congetturale può fallire nel suo processo interpretativo, perché si limita esclusivamente ad una interpretazione naturale dei fenomeni celesti e di come essi interagiscono con l’Essere e con le sue strutture animiche e cognitive;
  2. l’astrologia nel suo modello genetliaco non può evidentemente “prevedere ogni cosa” perché molte cose non sono congetturabili nei modelli astrologici, per esempio gli eventi di epidemia o tutti quegli eventi che in un preciso momento coinvolgono tantissime persone nello stesso istante, non possono essere congetturate nell’astrologia genetliaca o nello studio del tema natale, perché tali eventi dipendono da questioni collettive e che riguardano un territorio intero o un ambiente molto ampio, in tal senso interviene nella dottrina astrologica la branca dell’astrologia mondiale (o cattolica) che attraverso lo studio delle sizigie, delle eclissi, delle grandi medie piccole congiunzioni secondo la teoria delle congiunzioni Giove Saturno, possono darci indicazioni più generali su eventi che possono riguardare la politica, la società, l’aria che respiriamo, le guerre, le epidemie, le questioni agricole e industriali, eventi che poi agiranno nel nostro mondo individuale di riflesso;
  3. inoltre applicare interpretazioni astrologiche senza una padronanza minima della dottrina e dei suoi metodi, ed escludendo da tale pratica l’astronomia e i suoi criteri di valutazione delle luci del cielo, rischia di portarci a interpretazioni e congetture prive di fondamento, o basate sul solo intuito personale.

Se consideriamo l’Astrologia come un “modello” che intende rappresentare qualcosa di fisico e di calcolabile astronomicamente, stiamo di fronte a una scienza a tutti gli effetti, ma che rientra non nelle scienze empiriche ma piuttosto in quelle interpretative, figurative, di elaborazione creativa ma che parte comunque da input di matematica astronomica. Il modello astrologico non è un modello assoluto, e non è detto che tutti debbano percepirlo come attendibile, ma è piuttosto un modello di indagine, che tenta attraverso i suoi principi di tradurre la natura delle cose celesti e terrestri in principi che attivano, disattivano, predispongono, inclinano, inibiscono o impediscono, certe inclinazioni naturali, in quel principio più che di buon senso ove per ognuno di noi non c’è un “destino precostituito e immutabile” ma piuttosto ci sono “potenzialità e limiti”, entrambe dettate dalle leggi intrinseche del nostro sistema biologico, connesso alla Terra che a sua volta è in connessione al Cielo e alle sue disposizioni e nature.

/ 5
Grazie per aver votato!

Le Mansioni Lunari nel programma astronomico STELLARIUM

Il Programma Stellarium è un software liberamente scaricabile di tipo astronomico, un atlante celeste nonché un programma potente per lo studio dei fenomeni luminosi celesti corredati di importanti dati astronomici. Il programma prevede l’utilizzo di diversi atlanti stellari, tra i quali appare anche la suddivisione del cielo nelle 28 mansioni lunari. Nel video che segue vediamo come attivare le mansioni lunari nel programma Stellarium (scaricabile dal seguente link).

COME ATTIVARE LE MANSIONI LUNARI SU STELLARIUM SOFTWARE

Definizioni generali

Le stazioni o dimore lunari secondo la tradizione araba descrivono le 28 aree del cielo scelte nell’antica Arabia per definire la posizione giornaliera della luna durante il suo viaggio mensile intorno al cielo.

Originariamente le Manāzil al-Qamar, ovvero le dimore lunari, erano un sistema di 28 stelle, o meglio gruppi di stelle, vicino alle quali la luna compie il suo movimento orbitale (quello che è stato definito per esempio da Ornella Pompeo Faracovi come “eclittica lunare” nel suo approfondimento dal titolo “Le Mansioni Lunari” pubblicato nel Volume 13 No.2 del 2007 pp 703-709 in “Bruniana & Campanelliana” pubblicato da Accademia Editoriale). Questo sistema era stato già adottato nel periodo pre-islamico, ovvero prima del VII secolo dell’era comune.

Uso agricolo e non solo delle mansioni lunari

Gli asterismi ovvero le varie stelle (chiamate fiduciarie) di ogni stazione lunare servivano a divedere l’anno siderale e solare di 365 giorni in 28 periodi ognuno di 13 giorni, ad eccezione di un periodo “speciale” a cui venivano attribuiti 14 giorni.

Questi 28 periodi sono chiamati Anwāʾ, plurale di nawʾ. Ogni nawʾ è determinata da una stella (a volte più di una) caratteristica: quando questa stella sorge al mattino durante l’alba (a est, quindi poco prima del Sole), è l’inizio della nawʾ successiva. Il nome del nawʾ dà il nome alla dimora lunare. Un ciclo completo di tramonto e sorgere per ciascuna delle 28 dimore lunari, una dopo l’altra, va a costituire un anno solare tuttavia “visto e osservato” attraverso una metrica lunare.

Questo sistema era utilizzato per determinare in particolare il tempo, per esempio i periodi di pioggia o di siccità (fonte di riferimento: Helaine Selin, Encyclopaedia of the History of Science, Technology, and Medicine in Non-Western Cultures, Lunar Mansions in Islamic History, Kunitzsch P. p 520) Gli arabi dicevano: ogni nawʾ (ovvero ogni periodo di 13/14 giorni) è caratterizzato da un modello meteorologico distintivo di pioggia, vento e temperatura (fonte di riferimento: Ibn Qutaybah (b. 828 d. 884 or 889), Kitab al-Anwā’, pp 6,7; Arabic print of the original book in 1956 in India Hydarabad/Deccan).

Una descrizione dettagliata delle stelle di ogni mansione lunare, dei tempi della loro levata eliaca e una compilazione delle conoscenze astronomiche e meteorologiche degli antichi arabi, si trova nel Libro della meteorologia (arabo: Kitāb al-anwāʾ), scritto da Ibn Qutaybah (nato nell’828 – morto nell’884 o 889). Di questo libro sono sopravvissute copie manoscritte ed è stato stampato in India nel 1956 (fonte di riferimento: Helaine Selin, Encyclopaedia of the History of Science, Technology, and Medicine in Non-Western Cultures, Ibn Qutayba, Kunitzsch P. p 429).

Le mansioni avevano un uso particolare nelle attività agricole quindi avevano lo scopo di programmare i tempi relativi alla semina, al raccolto, oppure alla manutenzione o al lavoro della terra per scopi di coltivazione. Inoltre erano utilizzate per scopi di viaggio, per propiziare per esempio una spedizione commerciale, una ambasceria, o ancora per scopi di medicina, cura, terapia.

Anche recenti ricerche filologiche (riferimento: C. Philipp E. Nothaft “Sideral Astrology in Medieval Europe (XII-XIII sec.), traces of a forgotten tradition“, pubblicata nell’International journal of divination and prognostication, volume 3 pagine 45-84) hanno dimostrato che nell’Europa medievale del XII e XIII secolo gli astrologi islamici specialmente di al-Andalus (da dove nascono le prime pubblicazioni del Picatrix di cui non esiste nessuna copia originaria, se non ri-trascrizioni dal presunto originale) operavano l’Arte Astrologica attraverso un frequente uso delle stelle, tanto che in numerosi manoscritti di questo periodo, gli astrologi di al-Andalus consigliano di dare “giudizi siderali” anche sulle questioni della natività. A parte questa importante testimonianza che dimostra l’apertura di questi astrologi nei confronti dei livelli siderali del cielo, esiste una ricchissima letteratura di brevi trattati e poesie che descrivono gli asterismi delle 28 dimore.

Un poema dedicato alla descrizione delle stelle delle dimore lunari è stato pubblicato da Gustave-Adolphe de Calassanti-Motylinski nel 1899 nel suo libro Les mansions lunaires chez les Arabes, attribuito a Muḥammad al-Maqri (1578-1638) (fonte di riferimento: Ta̕rīf manāzil alkamar, Les mansions lunaires des Arabes; Muhammad al-Mukrī.; A de Calassanti-Motylinski published in Alger, Imprimerie orientale, 1899).

Segue un esempio di una poesia in arabo (purtroppo non sono riuscito a trovare traduzioni in inglese o in altra lingua) di un poema riferito a Muḥammad al-Maqri dove secondo le fonti consultate sono descritte, con uno stile narrativo e poetico, le 28 mansioni lunari (link).

Gli almanacchi agricoli basati sulla levata eliaca delle stazioni lunari sono ancora oggi in uso. Il calendario ufficiale dell’Arabia Saudita include questi orari (vedi qui: Official Calendar of the Kingdom of Saudi Arabia). Si dimostra che l’uso delle dimore lunari specialmente per questioni agricole è focalizzato sul ruolo delle stelle, specialmente sulle 28 stelle o asterismi connessi alle 28 stazioni lunari, e specialmente quando queste stelle sono in levata eliaca (visibili) e in relazione alla Luna. Questi comportamenti delle luci davano in passato, ma ancora oggi, descrizioni del tempo, o indicazioni da almanacco per le questioni agricole.

Riporto un bollettino del 2002 che dimostra come ancora oggi le dimore lunari sono usate nei territori dell’Arabia per questioni agricole, in questo caso ci riferiamo alla levata eliaca della stella fiduciaria della Terza Dimora Lunare al-Thurayya (il cui asterismo fiduciario sono le Pleiadi) relativamente al 7 giugno 2002 [fonte di riferimento: Moon stations and Agriculture seasons. A bulletin by the Agriculture Administration of the Chamber of Commerce in Riyadh, Saudi Arabia. 2002]: Il clima diventa più caldo e il vento più forte. Le erbe selvatiche si seccano. L’acqua dei pozzi diventa meno profonda. Le piogge sono rare in questo periodo. Gli insetti primaverili iniziano a scomparire. I datteri delle palme iniziano a prendere colore. Si raccomanda di irrigare gli alberi con le giuste quantità e di interrompere l’irrigazione delle viti quando l’uva inizia a colorarsi.

Descrizione dettagliate delle stelle fiduciarie

Ibn Qutaybah (nato nell’828 – morto nell’884 o nell’889) nel suo libro Kitāb al-anwāʾ fornisce una descrizione dettagliata delle stelle di ogni stazione lunare, mentre un’identificazione accurata può essere ricavata dal Libro delle stelle di al-Sufi (morto nel 986). Nel suo libro, al-Sufi mappa le stelle conosciute dagli antichi arabi con quelle delle Costellazioni tolemaiche. Segue un esempio delle definizioni di al-Sufi delle stelle delle dimore lunari al-Ġafr dove incontriamo un complesso asterismo composto non da una sola stella ma da più stellle (fonti di riferimento: Book of the Stars by al-Sufi (died 986): Critical edition with commentary by Khalid AlAjaji, digital edition, 2021 AD, كتاب الكواكب لأبي الحسين عبد الرحمن بن عمر الرازي المعروف بالصوفي (291-376)، تحقيق خالد بن عبد الله ; Schjellerup, Description des etoiles fixes, 1874, p. 163): La ventiduesima [stella della Vergine] e la ventitreesima che è sulla coda [orlo della veste] con la venticinquesima sul piede sinistro [della Vergine] sono chiamate [dagli arabi] al-Ghafr che è la quindicesima dimora lunare.

Mansioni lunari nel software Stellarium

Su stellarium l’attivazione dell’atlante delle mansioni lunari secondo la tradizione araba segue l’eredità di questi autori che identificano per ogni dimora lunare una o più stelle fiduciarie. Chi ha competenze astronomiche, esordisce lo stesso approfondimento di Stellarium, non avrà alcuna difficoltà nel rintracciare queste stelle. Inoltre ogni stella viene inserita all’interno di uno “spazio lunare” che convenzionalmente ha una ampiezza compresa tra 12-13 gradi (esattamente 12,857°): come per le costellazioni, le suddivisioni delle dimore lunari non possono essere considerate “nette e precise”, ma marginali e solo identificative di un’area siderale dove tuttavia il riferimento a cui rivolgerci non può che essere uno solo: la luce delle stelle fiduciarie!

Elenco delle mansioni lunari identificate da Stellarium

  1. (Arabic: الشرطان) Al-Sharaṭān (The two signs) or (Arabic: الأشراط) “al-Ashrāṭ” (The signs) composed of the 3 stars: α Ari (Hamal), β Ari (Sheratan) and γ2 Ari (Mesarthim)
  2. (Arabic: البطين) Al-Buṭayn (The small belly [of the little ram]) composed of the 3 stars: ε Ari, δ Ari (Botein), and ρ3 Ari
  3. (Arabic: الثريا) Al-Thurayyā (Pleiades) composed of the star cluster of the Pleiades
  4. (Arabic: الدبران) Al-Dabarān (The Follower [of the Pleiades]) composed of the single star α Tau (Aldebaran)
  5. (Arabic: الهقعة) Al-Haqʿah (The mark on the horse side) composed of the three stars on the head of Orion: λ Ori (Meissa), φ1 Ori and φ2 Ori
  6. (Arabic: الهنعةAl-Hanʿah (The bend in the neck of a camel) composed of the 2 stars: γ Gem (Alhena) and ξ Gem
  7. (Arabic: الذراع) Al-Dhirāʾ (Retracted arm [of the lion]) composed of the 2 stars: α CMi (Procyon) and β CMi (Gomeisa)
  8. (Arabic: النثرة) Al-Nathrah (The tip of the nose of the lion) composed of the Praesepe cluster and the 2 stars: γ Cnc (Asellus Borealis) and δ Cnc (Asellus Australis)
  9. (Arabic: الطرف) Al-Ṭarf (The eyes of the lion) composed of the 2 stars: ε Leo and ο Leo (Subra)
  10. (Arabic: الجبهة) Al-Ǧabhah (The forehead of the lion) composed of 4 stars: ζ Leo (Adhafera), γ1 Leo (Algieba), η Leo and α Leo (Regulus)
  11. (Arabic: الزبرة) Al-Zubrah (The mane of the lion) composed of the 2 stars: δ Leo (Zosma) and θ Leo (Chertan)
  12. (Arabic: الصرفة) Al-Ṣarfah (The change to colder weather) composed of one star: β Leo (Denebola)
  13. (Arabic: العوا) Al-ʿAwwā (The bend) composed of 5 stars: β Vir (Zavijava), η Vir (Zaniah), γ Vir (Porrima), δ Vir and ε Vir (Vindemiatrix)
  14. (Arabic: السماك) Al-Simāk (The unarmed high one) composed of the star α Vir (Spica)
  15. (Arabic: الغفر) Al-Ġafr (The cover) composed of 3 stars: ι Vir (Syrma), κ Vir and λ Vir
  16. (Arabic: الزبانى) Al-Zubānā (The claws of the scorpion) composed of the 2 stars: α2 Lib (Zubenelgenubi) and β Lib (Zubeneschamali)
  17. (Arabic: الإكليل) Al-Iklīl (The ornamented headband, The diadem) composed of the 3 stars: β1 Sco (Acrab), δ Sco (Dschubba) and π Sco.
  18. (Arabic: القلب) Al-Qalb (The heart of the scorpion) composed of the star α Sco (Antares)
  19. (Arabic: الشولة) Al-Shawlah (The sting of the scorpion) composed of the 2 stars: λ Sco (Shaula) and υ Sco (Lesath)
  20. (Arabic: النعائم) Al-Naʿaʾim (The Ostriches) 8 stars: γ2 Sgr, δ Sgr, ε Sgr, η Sgr, σ Sgr, φ Sgr, τ Sgr, and ζ Sgr
  21. (Arabic: البلدةAl-Baldah (The empty area) is the area where there are no stars (between al-Naayem and Saad al-Thabih)
  22. (Arabic: سعد الذابح) Saʿd al-Dhābiḥ (The lucky star of the Slaughterer) composed of the 3 stars: α1 Cap (Algedi), β Cap (Dabih), and ν Cap
  23. (Arabic: سعد بلع) Saʿd Bulaʿ (The lucky star of the swallower) composed of the 3 stars: ν Aqr, μ Aqr and ε Aqr (Albali)
  24. (Arabic: سعد السعود) Saʿd al-Suʿūd (The luckiest of the lucky stars) composed of the 3 stars: β Aqr (Sadalsuud), ξ Aqr and λ Cap
  25. (Arabic: سعد الأخبية) Saʿd al-Aḫbiyah (The lucky stars of the tent dwellers) composed of the 4 stars: γ Aqr (Sadachbia), π Aqr, ζ2 Aqr and η Aqr
  26. (Arabic: المقدم) Al-Muqaddam (The front bucket mouth) composed of the 2 stars: α And (Alpheratz) and γ Peg (Algenib)
  27. (Arabic: المؤخر) Al-Muʾaḫar (The rear bucket mouth) composed of the 2 stars: β Peg (Scheat) and α Peg (Markab)
  28. (Arabic: الرشاء أو الحوت) Al-Rishāʾ or al-Ḥūt (The rope of the well bucket or The Fish) composed of the star β And (Mirach) and two arcs of stars making a figure of a fish

Alcune particolarità sulla lista delle mansioni lunari di Stellarium

Il super leone e le figure della dimora lunare al-Ǧawzāʾ dell’antica tradizione stellare araba – Dai nomi delle stazioni lunari dalla settima alla quindicesima si può notare che fanno parte di una figura di leone. Questa figura araba del leone copre circa 100 gradi, un po’ più della metà della cupola del cielo. Dai nomi di queste stelle si può costruire una figura di leone.

Due delle stazioni lunari, al-Haqʿah e al-Hanʿah, fanno parte delle stelle al-Ǧawzāʾ. al-Ǧawzāʾ è la figura che copre Orione più alcune stelle intorno – Gli antichi arabi immaginavano queste stelle come una figura di donna con arco e freccia puntata sul leone (un’immagine probabilmente influenzata dall’Egitto romano: si veda la raffigurazione sullo zodiaco di Denderah che mostra tracce babilonesi e greche di costellazioni). Roland Laffitte ha parlato di queste due figure e ha offerto una rappresentazione di ciascuna di esse nel suo articolo: Our Arab Heritage in the CelestialVault. Una discussione più dettagliata dell’antica tradizione stellare araba si trova nel suo libro: “Le Ciel des Arabes“.

Fonte principale delle mansioni lunari su Stellarium

La fonte principale è Khalid al-Ajaji con documentazione aggiuntiva da parte di Susanne M. Hoffmann.

Conclusioni

Le mansioni lunari in Stellarium seguono dunque una logica siderale, la suddivisione si appella ai 28 asterismi propri di ogni dimora lunare che sono largamente descritti da una corposa letteratura.

NOTE FINALI
Il contenuto di questo articolo proviene dalla descrizione delle mansioni lunari di Stellarium, tradotto in italiano, con alcune integrazioni.

/ 5
Grazie per aver votato!

Doriforia: figura di dignità. Come individuarla?

DORIFORIA è la disposizione di un pianeta rispetto ad un altro. Generalmente la Doriforia intende riferirsi al rapporto dei pianeti con i due luminari, secondo orientazioni di essenzialità ed accidentalità come la dignità propria, la fase, il moto, l’aspetto, il luogo, l’hairesis. La figura della doriforia è ampiamente citata da Tolomeo e ripresa da tutti i commentatori e autori successivi.

Avere pianeti dorifori è un’indicazione favorevole specialmente nei giudizi riguardanti i genitori, la fortuna in genere, gli onori, il successo, nonché indicatore di animo nobile o di capacità empatiche, emotive, di sensibilità e di comprensione delle cose. Possiamo dire che avere un pianeta doriforo, in generale, è come avere una protezione speciale, non ci preserva dal male o dalla sfortuna, ahimè, ma piuttosto potrebbe indicarci la capacità del nativo di emergere dalle difficoltà o di affrontarle con capacità, strategia, pragmatismo.

Un pianeta doriforico è come un Cavaliere sul suo Cavallo, tiene una lancia, avanza facendo strada al nativo, proteggendolo contro le avversità della vita e dando coraggio e determinazione.

La doriforia: regole generali

Distinguiamo prima di tutto la doriforia dei pianeti al Sole e la doriforia dei pianeti alla Luna, selezioniamo poi dei criteri di selettività per la definizione della figura.

La regola generale da tenere in mente è la seguente: sono dorifori al Sole i pianeti Giove Saturno Marte quando orientali al Sole e i pianeti Mercurio Venere quando occidentali al Sole. Sono dorifori alla Luna i pianeti Giove Saturno Marte quando occidentali alla Luna e i pianeti Mercurio Venere quando orientali alla Luna.

Un pianeta è “orientale” al Sole o alla Luna quando sorge prima rispetto al Sole o alla Luna. Un pianeta è “occidentale” al Sole o alla Luna quando sorge dopo rispetto al Sole o alla Luna.

Tuttavia non basta la disposizione… il pianeta può anche sorgere prima o dopo il Sole o la Luna, ma potrebbe avere condizioni che “inabilitano” la doriforia, quindi deve anche rispettare altri criteri.

I pianeti che esprimeranno doriforia al Sole sono Saturno Giove Marte quando sorgono prima del Sole, e Venere Mercurio quando sorgono dopo il Sole, unitamente a:

  1. al moto diretto
  2. ad un passo veloce
  3. alla presenza nello stesso emisfero del Sole
  4. alla presenza di qualche dignità essenziale
  5. inoltre più efficienti ed efficaci saranno in particolare Giove Saturno perché pianeti diurni
  6. aspetti Sole pianeta doriforo rafforzano il legame
  7. personalmente considero anche le mutue ricezioni e gli aspetti di declinazione

I pianeti che esprimeranno doriforia alla Luna sono Saturno Giove Marte quando sorgono dopo la Luna, e Venere Mercurio quando sorgono prima della Luna, unitamente a:

  1. al moto diretto
  2. ad un passo veloce
  3. alla presenza nello stesso emisfero della Luna
  4. alla presenza di qualche dignità essenziale
  5. inoltre più efficienti ed efficaci saranno in particolare Marte Venere perché pianeti notturni
  6. aspetti Luna pianeta doriforo rafforzano il legame
  7. personalmente considerato anche le mutue ricezioni e gli aspetti di declinazione

Possiamo avere diversi livelli di doriforia, ma sono più variabili e più testimonianze a permettere di identificare tale figura. Più variabili rispettate più efficace risulta essere la testimonianza della doriforia. La condizione perfetta è ovviamente la visibilità del pianeta doriforo al Luminare, la giusta distanza dal luminare, l’aspetto con il luminare, l’essere di moto diretto e veloce, l’essere in hayz. Ovviamente è frequente riscontrare che tutte le variabili non risulteranno rispettate, e questo renderebbe molto “rara” la doriforia. Quindi le condizioni imprescindibili sono: l’orientazione dell’astro rispetto al luminare che stiamo considerando (quindi il rispetto della disposizione orientale / occidentale in base al caso), la visibilità dell’astro. Poi concorrono a fortificare la figura: la presenza di dignità essenziali, di mutue ricezioni importanti, la condizione di moto diretto, pianeta veloce, il rispetto dell’hairesis, gli aspetti tra pianeta e luminare. All’interno dell’approccio valutativo dobbiamo quindi vedere l’insieme… e giudicare caso per caso.

L’interpretazione della doriforia

Come interpetriamo la doriforia? Possiamo intanto definirla in modo generale distinguendo l’area di azione della doriforia. Quindi:

  1. I pianeti dorifori al Sole sono significativi sull’onore, sulla fama, sull’onorabilità, sulla socialità del nativo, ovvero sulla capacità del nativo di emergere, di portare avanti i propri progetti, ha significato anche sul bene famigliare e genitoriale, sulla capacità di conservazione, di autorità e autorevolezza, possono indicare anche la capacità di superare gli ostacoli con determinazione.
  2. L’assenza di pianeti dorifori al Sole non indicano un destino avverso, perché devono esserci testimonianze ulteriori: l’eventuale assenza della doriforia può essere compensata da altre figure che aiutano la natività, ma in genere l’assenza di questa figura potrebbe indicarci un soggetto che ha più difficoltà nell’emergere, nell’affrontare le attività della vita, o una maggiore difficoltà nell’investire sulla propria autorevolezza sociale, nonché essere un indicatore di possibili situazioni instabili legate ai contesti famigliari o ereditari o ambientali (ripeto… unitamente ad altre testimonianze, non basta la sola assenza della doriforia).
  3. I pianeti dorifori alla Luna sono significativi sull’animo del soggetto, quindi possono indicarci amabilità, capacità percettiva, di comprensione, di analisi, di elaborazione, di meditazione, di ponderazione, empatia, capacità di elaborare le emozioni anche negative e rialzarsi dalle sfide emotive, capacità di vincere le frustrazioni o i mali dell’animo (anche in questo caso è bene specificare che non basta avere un pianeta doriforico alla Luna, devono esserci più testimonianze).
  4. L’assenza di pianeti dorifori alla Luna possono significare una maggiore vulnerabilità emotiva, ai sentimenti, alle sensazioni, essere più fragili dal punto di vista emotivo, può portare a sentimenti decadenti, oppure in presenza di mali dell’animo fortificano la vulnerabilità del nativo (invece in presenza di mali dell’animo con un pianeta doriforico alla Luna, questo può aiutare il nativo ad affrontarli e gestirli).

Insomma, come capite l’interpretazione della doriforia è complessa e dipende da più variabili, va poi analizzato caso per caso. Nello spazio di un articolato è impossibile trasmettervi la complessità dell’argomento, che richiederebbe più tempo e la necessità di aprire diversi capitoli dell’astrologia importanti da conoscere e capire (come il complesso discorso sulle dignità, fasi, visibilità, eccetera). Possiamo però dedurre da quanto indicato che un pianeta sotto i raggi del Sole o combusto ad esso… non potrà mai essere doriforo al Sole o alla Luna. Infatti il criterio essenziale per la definizione di un pianeta doriforo è la sua “giusta” distanza dal Sole, e quindi condizione imprescindibile è proprio la visibilità dell’astro.

Esempio doriforia sulla natività di Sergio Mattarella

Propongo un esempio pratico sulla natività dell’attuale Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nato il 23 Luglio 1941 alle ore 11:40, a Palermo (Rodden Rating AA Collector Astro DataBank Bordoni).

La natività di Sergio Mattarella è diurna. Parto nel considerare l’eventuale doriforia al Sole considerando in particolare i pianeti diurni Giove e Saturno.

  1. Giove sorge prima del Sole.
  2. Giove è libero dai raggi del Sole, è visibile.
  3. Giove è in detrimento (debilità essenziale) tuttavia è anche in triplicità (governa i segni di aria secondo i signori della triplicità della tradizione araba), quindi non ha una essenzialità fortissima, ma comunque la detiene nonostante il detrimento.
  4. Inoltre Giove è di moto diretto e il suo passo è veloce.
  5. Si trova nello stesso emisfero del Sole.
  6. Secondo le valutazioni di hairesis è in hayz.
  7. Non vi è aspetto tra Sole e Giove.

Giove possiamo considerarlo doriforo al Sole, nonostante comunque la presenza del detrimento (condizione di debilità essenziale) e nonostante l’assenza di un aspetto diretto Sole-Giove, il motivo è legato alla sua posizione nel mondo, Giove è trigono all’Ascendente che è un punto vitale (Cardano dice che l’Ascendente si assimila al Sole), inoltre ha numerose qualità e comunque reagisce al detrimento poiché nella sua triplicità.

  1. Saturno sorge prima del Sole.
  2. Saturno è libero dai raggi del Sole, è visibile.
  3. Saturno è nel suo confine e se vogliamo considerare anche la dignità dei volti, è nei suoi volti.
  4. Inoltre Saturno è di moto diretto e il suo passo è veloce.
  5. Si trova nello stesso emisfero del Sole.
  6. Secondo le valutazioni di hairesis non possiamo considerarlo comunque in hayz poiché il segno che occupa è femminile.
  7. Nel mondo il Sole è in sestile a Saturno.

Saturno possiamo considerarlo doriforo al Sole, rispetta molte condizioni imprescindibili alla doriforia, incluso un aspetto di sestile nel mondo con il luminare.

La posizione dei pianeti Giove-Saturno non è angolare, Giove tuttavia è in trigono nel mondo all’Ascendente. Teniamo in considerazione che Giove ha una mutua ricezione con Mercurio (infatti Giove è nel domicilio di Mercurio, Mercurio è nell’esaltazione di Giove). Per ora possiamo dire che i pianeti dorifori al Sole sono Saturno e Giove, tra i due ritengo che Giove è quello posizionato meglio e che detiene maggiore capacità specialmente per il suo aspetto all’Ascendente. Anche Saturno è sicuramente doriforo, e comunica con il Sole. Tuttavia Giove è in congiunzione per grado di passaggio alla luminosa Rigel (Beta Orion) dotata di una elevata luminosità, tutte le stelle luminose (di prima e seconda magnitudine) concorrono a significare l’onore e l’onorabilità del nativo e comunica con l’Ascendente significatore per eccellenza del temperamento e del corpo, quindi Giove pur non avendo aspetti secchi o precisi con il Sole, agisce sull’Ascendente che – come indicato dal Cardano – si assimila al Sole (infatti affinché un pianeta doriforo possa esprimersi nella natività, deve in qualche modo agire sui punti vitali della natività stessa, sul luminare che stiamo prendendo in considerazione oppure sui punti vitali come può essere l’Ascendente ma personalmente considero anche il Governatore dell’Ascendente come anche il Signore della Genitura, come vedremo più avanti per la doriforia lunare).

Passiamo a considerare la doriforia alla Luna.

  1. Osserviamo immediatamente che Mercurio sorge prima della Luna, quindi è un pianeta potenzialmente doriforo alla Luna.
  2. Mercurio non ha molte dignità, l’unica è il volto che possiamo considerare come presupposto nell’impedire la condizione peregrina (anche se Tolomeo pare non considerasse molto i volti, mentre nell’astrologia medievale e rinascimentale, nonché nella letteratura araba, sono fortemente considerati perché il volto è come “l’abito indossato dal pianeta” i vestiti che indossa).
  3. Mercurio tuttavia è lento.
  4. Comunque è un Mercurio libero dai raggi del sole e risulta visibile.
  5. La visibilità di Mercurio non è così scontata!
  6. Mercurio è dotato di moto diretto.
  7. Inoltre occupa la decima casa, casa angolare.
  8. Inoltre è il pianeta più alto.
  9. Poi è signore della Genitura secondo il metodo di William Lilly.
  10. Mercurio è un importante significatore delle opere perché è in decima casa e congiunto alla cuspide della decima casa.

Mercurio pur non avendo tutte le condizioni, rispetta molte situazioni di doriforia e possiamo considerarlo quindi doriforo alla Luna. Mercurio conferisce una buona empatia, nonché una buona capacità di elaborazione emotiva, sensibilità, tranquillità, essendo poi Mercurio nella casa della Luna significa disponibilità, amabilità, dedizione nei confronti del prossimò, un’animo indagatore e sensibile.

Giove doriforo al Sole. Mercurio doriforo alla Luna.

Concludo considerando in particolare Giove doriforo al Sole e Mercurio doriforo alla Luna. Inoltre Giove-Mercurio sono in mutua ricezione. Giove è unito per grado di passaggio alla stella Rigel stella appartenente alle stelle di grande luminosità che possono conferire onore e onorabilità; mentre Mercurio è congiunto per grado di passaggio alla stella Sirio, molto luminosa più di Rigel, ulteriore testimonianza di onorabilità e di animo nobile. Giove comunica con l’Ascendente come anche Mercurio, quindi questi due pianeti dorifori agiscono o intervengono almeno su un punto vitale della natività, l’Ascendente.

La presenza di Giove-Mercurio dorifori il primo al Sole e il secondo alla Luna, concorrono nel testimoniare onori, autorevolezza etica, morale, intellettuale, strategia, capacità di lungimiranza, possibilità di raggiungere elevati gradi di successo in ambito professionale come sociale, protegge la natività nei confronti delle vessazioni o delle sfide della vita, nelle quali il nativo saprà reagire con dignità e nobiltà d’animo. Inoltre poiché in mutua ricezione, le proprietà dorifore di Giove e di Mercurio “lavorano in sinergia” per garantire al nativo onori e dignità, e poiché Mercurio è Signore della Genitura, la figura è portata ad esplicitare i suoi caratteri e le sue virtù nelle inclinazioni generali del nativo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Melothesia Zodiacale e le indicazioni del Liber Physiognomiae

La relazione tra segno zodiacale e organo / apparato umano è uno dei capitoli più importanti dell’Astrologia genetliaca. La teoria della melothesia è alla base della convinzione, in ambito astrologico, di una connessione tra sfera celeste e corpo umano. Ovvero, la melothesia mette in correlazione la sfera del cielo con il nostro corpo, ci parla non solo di quali organi o funzioni biologiche sono in relazione a certe nature zodiacali, ma ci indica anche come alcune parti del nostro corpo subiscono influenzate da specifiche parti della sfera celeste. Seguono: l’associazione dei 12 segni zodiacali con le diverse parti del corpo e un relativo commento; poi le interessanti indicazioni dei 12 segni secondo Liber Physiognomiae da intendere come “segno che sorge all’Ascendente”.

Curiosità sul Liber Pysiognomiae – Il Liber Physiognomiae è una raccolta di testi di astrologia, divinazione e medicina . Il manoscritto fu scritto e miniato in Veneto intorno al 1440. Generazioni dopo, gli fu dato un titolo un po’ fuorviante: sebbene si consideri l’effetto delle stelle e dei pianeti sulle caratteristiche fisiche umane, il libro si occupa in modo più pervasivo dell’influenza dei corpi celesti sul carattere, sulle malattie e sui destini di uomini e donne . È famoso soprattutto per le sue dodici raffigurazioni di personificazioni dei pianeti. Il Liber Physiognomiae testimonia la cultura medievale della previsione secondo i moti dei corpi celesti . Tra i testi c’è una cronaca mensile del mangiare e del bere sano di Pietro d’Abano († ca. 1315), e Pietro potrebbe essere stato responsabile dell’assemblaggio di questi testi più di un secolo prima che fossero scritti nel manoscritto di Modena. Troviamo poi l’elenco dei segni, con relative descrizioni, segni che si riferiscono al segno ascendente e non al segno del Sole o della Luna. L’edizione rinascimentale era senza dubbio destinata a qualcuno che potesse leggerne il testo latino e, sebbene non di lusso, è un bel libro. Si è ipotizzato che sia stato creato per un membro della famiglia Este di Ferrara. Tuttavia, non ci sono prove sicure della proprietà del libro prima che compaia nella biblioteca di Tommaso Obizzi († 1803). Obizzi lasciò le sue collezioni d’arte e libri a Ercole III d’Este (1727-1803), duca di Modena e Reggio , ma rimasero al Castello del Catajo vicino a Padova. Il manoscritto fu trasferito alla Biblioteca Estense di Modena nel 1817.

ARIETE come testa

Per testa nell’associazione astrologica si intende tutto ciò che è presente in questa zona: cranio, cervello, occhi, naso, bocca, orecchie. Questo è importante ricordarlo perché in effetti l’Ariete come segno dispone la testa non solo perché è la prima parte del corpo che emerge nel parto, ma anche perché è la parte dove trovano sede gli organi deputati al primo impatto valutativo. Ovvero in questa parte dell’organismo c’è tutto ciò che serve per scelte impulsive o ragionate, per scelte immediate di discernimento, c’è tutto ciò che serve per agire, difendersi, valutare. La testa è la parte prima del corpo e la più importante perché da essa dipende tutto: ogni altra funzione è stabilita dal cervello che ha sede nel cranio, gli occhi valutano, vedono, guardano gli spazi e gli anfratti e possono decidere dove proteggersi riparandosi o dove attaccare il nemico; le orecchie fanno sentire, percepire, suoni pericolosi o armoniosi; naso e bocca permettono la valutazione di altri sensi. Insomma abbiamo un vero e proprio laboratorio valutativo-immediato. Inoltre l’Ariete posto nella sommità del corpo, la testa, rievoca la sua stessa sommità nella Disposizione del Mondo (Thema Mundi) dove ci viene ricordato che l’Ariete è nel cuore del cielo della genitura mundi perché è Pastore di tutti gli altri segni. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Uno.

TORO come collo

Nella parte anatomica dove ha disposizione il Toro troviamo complessi e articolate fasce muscolari deputate alla statica e alla dinamica della testa, nonché muscoli che sono responsabili della deglutizione e della fonazione; il muscolo più evidente è lo sternocleidomastoideo che ha origine dalla mastoide e si inserisce sulla clavicola e sullo sterno, nel profondo di questo muscolo hanno sede grossi vasi sanguigni arteriosi e venosi deputati alla irrorazione della testa. Il Toro regge la stabilità e la dinamicità della testa, quindi la possibilità implicita di orientazione e di determinazione degli spazi. Il segno Toro è comunemente definito territoriale proprio perché ha una natura legata a territori ristretti e limitati, recintati, in cui valutare attività personali. Questo spazio taurino è spesso chiamato spazio sacro proprio in esso hanno luogo funzioni di nutrizione quindi un luogo di estrema importanza, non a caso il collo presenta muscoli importanti per deglutire, quindi questa parte del corpo è messa in analogia al Toro perché rappresenta le funzioni prime e principali di questa energia zodiacale. Il Toro in analogia al collo ci rievoca la staticità e la pesantezza, la valutazione dei territori, i processi di nutrizione. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Due.

GEMELLI come braccia

Il segno Gemelli è in analogia alle braccia. Oggi dobbiamo estendere questa associazione al concetto di arti superiori. Il segno è quindi in analogia a spalle, braccio, gomito, avambraccio, polso, mano, dita. La prima cosa che possiamo notare nell’osservazione della natura fisiologica di questa sede è che gli arti superiori sono molto diversi da quelli inferiori. Infatti essi non sono deputati alla locomozione ma hanno un’altra funzione: le braccia sono associate alle attività manuali, alla scrittura, al dare e prendere, sollevare e respingere, accogliere e abbracciare, toccare, gettare, tirare, avvicinare e via dicendo. L’analogia alle braccia è chiaramente legata alle attività quotidiane, di scrittura e arte perché attraverso le braccia si compiono la pittura, la scultura, e sono arti utilizzate per far suonare uno strumento, per far vibrare un’arpa o una chitarra. Tuttavia, come già detto, questi arti differiscono di molto da quelli inferiori perché non sono deputati alla locomozione e al movimento. I Gemelli non rappresentano dunque una energia di movimento fisico, ma piuttosto una energia dinamica che crea, produce, genera attraverso la dinamica manuale. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Tre.

CANCRO come petto

Più che petto, il Cancro è associato al torace quindi ad una zona centrale del corpo che fa da contenitore a importanti organi e apparati. Il segno del Cancro preside la cavità toracica in cui troviamo la sede di alcune parti dell’apparato circolatorio (cuore e grandi vasi sanguigni), del sistema linfatico (dotto toracico), dell’apparato respiratorio (trachea, bronchi, polmoni), digerente (esofago), nervoso (nervo vago), endocrino (timo). Esternamente al torace troviamo annessi cutanei e le mammelle. In questa parte anatomica c’è poi la cassa toracica, il sistema osseo che contiene tutti questi organi comunemente definitivi organi vitali e quindi molto delicati e, se messi a rischio, responsabili della vulnerabilità della vita. Il Cancro qui posto intende rappresentare il centro del corpo nelle sue parti più importanti e vitali, ovvero segno che raccoglie e racchiude gli organi vitali e che protegge all’interno della cassa toracica. In tal senso possiamo ricavare nell’analogia zodiacale i concetti di contenitore, contenere, racchiudere, raggruppare, proteggere; il Cancro è difesa interna delle funzioni vitali principali, è posto come scudo e come contenitore delle attività biologiche e fisiologiche più importanti. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Quattro.

LEONE come cuore

Il segno Leone è associato al cuore come organo specifico; la sua funzione è quella di portare sangue ricco di ossigeno al resto del corpo. L’ossigeno è l’alimento principale degli organi e tessuti necessario affinché funzionino. Allo stesso modo il cuore pompa anche il sangue carico di anidride carbonica che è lo scarto che deve essere espulso dall’organismo perché velenoso e dannoso. Il cuore permette il ciclo continuo del sangue, e batte incessantemente in un ritmo al minuto di 70-80 battiti. L’attività del cuore rievoca molto il battito incessante di un tamburo, è in analogia al ritmo della vita, al suo ciclo. Non si ferma mai, le sue contrazioni sono continue e incessanti fintanto che è presente lo spirito vitale nel corpo. Per questo rintracciamo nel segno Leone analogie alla vita imperante, all’orgoglio e all’incessante necessità di essere primeggianti e centrali. Questi concetti trovano interessanti connessioni al ritmo del cuore, che orgogliosamente batte senza mai sosta e riposo, continuamente, garantendo la vita. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Cinque.

VERGINE come ventre

A questo segno è associato il ventre ovvero l’addome dove si trovano altri organi vitali e di estrema importanza come quelli del tubo digerente, in questo luogo hanno sede i processi di assorbimento e di digestione del cibo. La Vergine che ha dominio sul ventre comprende anche altri organi addominali come fegato, pancreas e milza. Tutte queste strutture, organiche ed endocrine, compartecipano alla trasformazione del cibo in elementi essenziali e semplici, processati affinché possano essere poi assorbiti a livello dei villi intestinali. I muscoli addominali sono inoltre deputati al movimento, alla respirazione, alla funzione posturale, sono necessari per la funzione della tosse, della minzione e defecazione, del parto, del vomito, del canto. I muscoli del ventre sono i responsabili della postura. La Vergine può essere dunque definito segno posturale che intende rappresentare la corretta posizione e il corretto allineamento del corpo. In tal senso il segno è in analogia ai processi elaborativi che da cose complesse ottengono sintesi armoniche e perfette per essere assorbite e valorizzate nel loro pieno potenziale, è anche ordine, postura, rettitudine, allineamento, serietà. Anche in questo segno vi è un meccanismo di difesa, la fascia muscolare addominale protegge gli organi interni e la Vergine è infatti anche segno di protezione delle attività finali dell’uomo, le sue elaborazioni finali sono soggette alla potenza della conoscenza e quindi alla tetragonia del sapere. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Sei.

BILANCIA come reni

Si è soliti vedere i reni come sistema di filtraggio delle tossine, che poi sono espulse con l’urina. Tuttavia un’altra funzione dei reni è di elaborare la vitamina D nella sua funzione attiva affinché possa essere utilizzata dall’organismo in modo efficace. La vitamina D non fissa solo il calcio nelle ossa, ma ha una funzione fondamentale di regolatore di vari organi e sistemi, ovvero modulante nei confronti dell’infiammazione e del sistema immunitario. Nella Bilancia ha sede l’esaltazione di Saturno, un importante difensore e rappresentate non solo dello scheletro e delle ossa, ma anche difensore nei processi del sistema immunitario in collaborazione a Marte. In queste analogie fisiologiche rintracciamo nella Bilancia il concetto di equilibratore, modulatore, energia che cerca o tenta di ristabilire un ordine e un equilibrio-fisiologico, come fa la vitamina D processata e attivata proprio in sede renale, luogo della Bilancia. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Sette.

SCORPIONE come genitali

Da sempre questo segno è connesso ai genitali, intanto perché in questi organi, deputati alla riproduzione, è molto forte l’umidità e la viscosità. Nell’utero è elevato il grado di umidità, nel seme maschile la viscosità. Altro elemento da tenere in considerazione è la freddezza, il segno è umido e freddo, i genitali sono organi dove la temperatura è piuttosto bassa rispetto a tutti gli altri luoghi. In particolare nei testicoli la temperatura è in genere inferiore a quella corporea di 2-8°. Temperature al di sopra dei 35° in area testicolare causa l’inibizione della sintesi degli spermatozoi. Tuttavia, questi organi sono deputati anche al piacere, non solo quindi alla riproduzione sessuale: lo Scorpione è nella Disposizione del Mondo (Thema Mundi) collocato proprio nel luogo in cui ha sede il piacere e la riproduzione, la Casa Cinque di cui è cosignificanza nella visione ellenistica. Per questo il segno è anche connesso al piacere, alla sessualità, alla sensualità. Inoltre è il segno migliore in cui può trovarsi Marte che qui è infiltrato di istanze fredde e umide che placano i suoi eccessi caldi e secchi, irosi e collerici, rendendolo in un certo senso più disponibile al piacere. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Otto.

SAGITTARIO come anca

L’anca è la più importante articolazione dell’organismo, consente di camminare, correre, saltare, supporta il peso del corpo, potenzia e moltiplica la capacità muscolare dei fianchi e delle gambe, è molto flessibile. Intanto questa indicazione fisiologica ci rimanda all’associazione comune di Sagittario come colui che cammina, ma tale indicazione è da ampliare. L’anca in particolare sopporta il peso dell’intero corpo che altrimenti non sarebbe possibile dalla sola ossatura delle gambe. Il segno è posto nel Misero Declivio del Thema Mundi, casa sei, in analogia al concetto di sforzo e fatica, e solo questo è il segno capace di sopportare le più elevate sollecitazioni che il corpo compie nelle fatiche del quotidiano. Per questo nel segno Sagittario è rievocata anche la forza centaurica un’energia incredibilmente autentica e determinante, capace di sopportare i grandi pesi della vita e di spostare pesi che in apparenza sembrerebbero impossibili da gestire. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Nove.

CAPRICORNO come ginocchia

Gli ultimi segni (Sagittario Capricorno Aquario Pesci) sono molto comuni nella loro funzione fisiologica. Al Capricorno sono associate le ginocchia dove troviamo la confluenza del femore, della tibia, della rotula. L’articolazione è molto resistente, permette insieme all’anca di sostenere il peso del corpo, è indispensabile per camminare, correre ma specialmente per mantenere la posizione eretta del corpo. Questa posizione è centrale nell’analogia del segno Capricorno che potremmo definire come segno dritto.  La posizione eretta è in analogia al concetto di imperante dominio, essere eretti significa essere protesi verso l’alto, sollevati, inclinati verso l’altezza e la vetta, è anche similitudine di tumescenza e turgidità. La posizione eretta è similitudine di struttura edificata, fondamento, ritto, costituito, costruito, di conseguenza il segno è associato alla rettitudine. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Dieci.

AQUARIO come gambe

Anche il segno Aquario ha una attinenza con gli altri due segni precedenti. Tuttavia in questo segno troviamo un concetto più ascrivibile alla generalizzazione degli arti inferiori, nella loro complessiva struttura. Questa parte dell’organismo, in ottica astrologica, la osserverei anche come “struttura mediana” che collega la parte alta del corpo con le fondamenta della terra, è la via di intermezzo tra alto e basso, tra cielo e terra. È quindi luogo di comunicazione tra due estremi. L’Aquario rappresenta quindi tutti i movimenti fondamentali per la locomozione, a differenza del segno Sagittario e Capricorno che rappresentano punti specifici di tipo tessutale. L’Aquario è in analogia ai movimenti di plantarflessione, dorsiflessione, estensione gamba, estensione piede, flessione gamba, flessione dita dei piedi, eversione piede, inversione piede. In un certo senso mette in comunicazione le strutture del Sagittario e del Capricorno, con quelle dei Pesci (piedi): nell’Aquario queste strutture diventano movimento dinamico e reale. Per analogia in questo segno troviamo i concetti di portatore e conduttore, ovvero colui che veicola qualcosa, in questo caso è il veicolo attraverso cui si esprime il movimento reale del corpo. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Undici.

PESCI come piedi

I piedi sono definiti da alcuni testi di anatomia “capolavori di architettura e biomeccanica”, infatti i piedi in uno spazio tutto sommato ristretto, concentrano ventisei ossa, trentatré articolazioni, centoquattordici legamenti, venti muscoli, duecentocinque mila ghiandole sudorifere. Il piede stabilizza la posizione eretta, è propulsione del movimento, adattamento al movimento, marcia, coordinazione posturale. I piedi rientrano in molte metafore anche bibliche, come in quella di chi conduce un cammino spirituale per raggiungere o ritrovare Dio. È quindi similitudine del cammino nella fede, e per questo nel segno Pesci incontriamo parole come compassione, fede, desiderio, emozioni, ricerca amorevole. Tuttavia il cammino spirituale può essere anche ostacolato da false vie o da sentieri tortuosi e difficili, dove facilmente si può inciampare, i piedi sono le strutture del corpo che causano principalmente la nostra caduta: mettere un piede in un punto sbagliato può improvvisamente compromettere l’equilibrio e la struttura eretta, facendo barcollare o precipitare. Anche in tal senso rintracciamo le similitudini associate al segno riguardanti, in senso disarmonico, la facile suggestionabilità, l’inganno autoinflitto, le paure e gli improvvisi crolli emotivi. Nella iatromatematica, tutti gli organi connessi al segno sono in analogia alla Casa Dodici.

ARIETE secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno dell’Ariete sarà laborioso e costante nell’amore, ne troppo ricco ne troppo povero, sarà facilmente irascibile ma altrettanto capace di calmarsi; avrà molta fortuna ma dovrà sopportare varie discordie; di abile eloquenza sarà a volte mendace, di animo variabile tenderà a vendicarsi degli avversari. Grande fornicatore. Presenterà cicatrici sul corpo, soffrirà danni da parte di animali e sarà simile all’ariete che ogni anno perde la lana ma sempre la recupera. A 23 anni sarà gravemente malato, ma riuscirà a guarire, avrà una aspettativa di vita fino a 85 anni. La donna nata sotto il medesimo segno sarà di carattere iroso, spesso mentirà; perderà il proprio uomo. A cinque anni sarà gravemente malata (infanzia) a 25 rischierà di morire; se riuscirà a guarire allora vivrà molto a lungo, ma la sua vita sarà in forse fino a quarantatré anni; nonostante una cicatrice in faccia e in testa e intensi mali di capo vivrà fino a ottant’anni. I giorni di Saturno e Marte sono favorevoli sia all’uomo che alla donna, ma il giorno di Giove sarà infausto per qualsiasi affare.

Il geroglifico dell’ariete è la stilizzazione dell’animale che rievoca l’immagine di un fallo con i suoi testicoli, altri lo vedono come l’immagine di una spiga di grano, personalmente ci vedo la gemma che spunta dalla corteccia di un albero appena destata dal torpore dell’inverno. Ma anche la spellatura di un baccello nel cui contenuto troviamo il seme. È associato alla stagione primaverile. La parola chiave della prima decade è Ardore. Della seconda decade è Carisma. Della terza è Passione. L’etimologia dell’Ariete può essere legata al sanscrito Uranah che significa energia originaria, prime scintilla della creazione, fuoco caotico che infonde la base all’ordine delle cose. Mentre la forma passiva del verbo latino Arieto ovvero Arietor trova una analogia alla simbologia ariete: questo lemma significa urtare, caricare contro, assalire scuotere, aspetti di quello che la veemenza arietina rappresenta. Concetto chiave del segno è creazione.

TORO secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno del Toro sarà forte, audace e litigioso. Lascerà i suoi e condurrà la propria vita con estranei. Raggiungerà una buona posizione e tramite il consorte o la propria attività diventerà ricco. Tuttavia sarà ingrato. Dall’età di 36 anni arriverà ad una buona condizione di vita, avrà vittoria sui suoi nemici e sarà morso da un cane. A 23 anni si ammalerà e soffrirà per veleno; sarà come il toro che lavora la terra, semina il grano, così avrà beni e vedrà crescere la propria fortuna. Vivrà 85 anni. La donna nata sotto il segno del Toro sarà laboriosa e mendace, si compiacerà dell’infamia del pudore, godrà dei beni ereditati. Avrà più mariti e figli, spesso sarà malata e se guarirà vivrà 76 anni. I giorni della Luna e di Giove saranno favorevoli agli affari, quello di Marte sarà nefasto.

Il geroglifico del Toro rievoca la faccia dell’animale, testa e corna; alcuni ci osservano il seme da cui nasce la radice, oppure il seme che germoglia. Nel suo simbolo si può vedere anche l’associazione al Sole che emette i suoi primi raggi. Rievoca l’animale, ma anche la forza germinativa della vita, quindi il seme che spezza le sui cuticole facendo emergere i primi germogli di una esistenza complessa e che vuole emergere dalle tenebre della terra. È associato alla stagione centrale della primavera. La parola chiave della prima decade è Buonsenso. Della seconda decade è Fertilità. Della terza è Realismo. L’etimologia è legata al sanscrito Ge e al greco Gea, Genos. Tutti questi termini si riferiscono al concetto di terra come nutrimento, in questo segno è forte l’immagine del ruminante che si nutre dei frutti della terra. Il processo di masticazione è lento e prolungato, lungo quello della digestione. La parola chiave del segno zodiacale è nutrizione.

GEMELLI secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno dei Gemelli avrà cicatrici all’inguine, sarà bello, pietoso e tratterrà il denaro con criterio; condurrà una vita pubblica, viaggerà per luoghi sconosciuti e non resterà nel luogo ove è nato. Sarà negligente in ogni sua azione, avrà ricchezze sufficienti e godrà fino a 35 anni di denaro crescente. Il consorte si concederà raramente ed egli sarà tentato al tradimento. Sperimenterà il morso di un cane sulla testa o sul braccio sinistro, si troverà in difficoltà nell’acqua, sarà ricco o spenderà volentieri. Vivrà 100 anni. La donna nata sotto il segno dei Gemelli andrà a grande onore, ma sarà accusata di falsi crimini, scamperà a tutti i pericoli, abbonderà di sufficienti ricchezze. Vivrà 60 anni. Il giorno di Mercurio è sempre favorevole, infausti quelli del Sole e di Marte.

Il geroglifico del segno Gemelli rievoca il concetto della specularità o della simmetria, due linee parallele e identiche sovrastate da una semicirconferenza convessa. Alcuni ritrovano in questo simbolo la rievocazione dell’immagine che si riflette su di uno specchio. Altri il seme germogliato che diventa fusto alto e comincia a fiorire. Presiede la parte finale della primavera. La prima decade ha come parola chiave Intuizione. La seconda la parola Idealizzazione. Mentre la terza decade ha come parola chiave il concetto di Discernimento. L’etimologia del segno Gemelli è legata alla parola latina Geminius e alla parola greca Gamos, entrambe evocano l’immagine del matrimonio alchemico, è riferita ad una parte importante del compimento della Grande Opera nell’uomo, l’unione degli opposti per ricostituire l’unicità primordiale, alla scoperta del Lapis (pietra filosofale). Altre interessanti etimologie potrebbero essere legate ai concetti Gemino ovvero diventare doppi, Gemitus ovvero lamentazione; entrami i lemmi evidenziano la dualità del segno e la sua tendenza polemica e critica. La parola chiave del segno intero è consapevolezza.

CANCRO secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno del Cancro sarà umile e ilare, famoso, saggio, soffrirà per invidia, avrà liti con il prossimo, avrà una ferita e un segno causato dal fuoco o da spada, soffrirà per veleno, troverà denaro nascosto, soffrirà molto a causa del consorte. A 30 anni vedrà crescere il suo patrimonio, vivrà 70 anni. La donna nata sotto il segno del Cancro sarà facilmente irascibile ma si placherà in modo veloce, sarà servizievole, prudente, gioviale, sopporterà molti pericoli e scamperà da molti di essi. Sarà laboriosa fino a 30 anni, poi avrà quiete e buona fortuna. Si sposerà molto giovane, perverrà ad onori, avrà cicatrici ma sarà curata bene, avrà paura nell’acqua, da piccola cadrà dall’alto, sarà morsa da un cane, giungerà a pericoli ma ne verrà fuori, vivrà 73 anni. I giorni di Giove e di Venere sono felici, quello di Marte sfavorevole.

Il simbolo utilizzato per il segno rievoca l’animale con le sue chele, tuttavia nella sua stilizzazione è visto anche come movimento orbitale del pianeti, o del ciclo lunare; similmente al ciclo lunare, il geroglifico rievoca anche l’immagine della gestazione, ovvero dell’utero della donna che accoglie nuova vita. Rievoca l’immagine dell’ovocita fecondato, ha una stilizzazione che lo fa assomigliare ad una nebulosa, nonché alla struttura di un atomo. È il segno che apre alla stagione estiva. La parola chiave della prima decade è Emozioni. Della seconda è Rivelazione. Della terza decade è Conservazione. Dal punto di vista etimologico, la simbologia Cancro è associata al termine greco Karikinos che ha chiara derivazione dal sanscrito Karkas, Karkata ovvero radice, Kra-Non ovvero corno, e Karakara ovvero duro, e Karanka guscio. Tutti lemmi che descrivono la corazza del segno, il guscio protettivo che rievoca l’oscurità in cui avviene il miracolo della vita. La parola chiave del segno intero è proteggere.

LEONE secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno del Leone sarà audace e bello, parlerà apertamente, premuroso con chi piange, a 33 anni riceverà ricchezza, ma dopo i 38 tenderà a disperderle per insidie varie, sarà molto onorato, ma tante saranno le avversità da affrontare. Qualunque cosa inizierà la otterrà e quanto sarà perduto riuscirà a recuperarlo; soffrirà di dolori e preoccupazioni per i suoi figli, cadrà dall’alto, troverà denaro nascosto. A 8 anni si ammalerà, sopporterà dolore, vivrà 84 anni. La donna sarà audace, forte, bella, elegante nel suo eloquio, caritatevole, feconda. Non conserverà il primo consorte, soffrirà di dolori allo stomaco, a 17 anni riceverà insidie da persone care e vicine, giungerà a grandi ricchezze, avrà figli da tre uomini, sarà amichevole, morsicata da un cane, cadrà dall’alto. Vivrà 67 anni. I giorni di Mercurio e Marte saranno propizi. Quello di Saturno sarà infausto.

Il simbolo usato per il segno Leone rievoca la coda dell’animale. Tuttavia la sua stilizzazione richiama anche l’immagine di uno spermatozoo. Rappresenta la seconda parte dell’estate. La prima decade ha come parola chiave Estremismo. La seconda la parola chiave Orgoglio. Mentre la parola chiave della terza decade è Potere. L’etimologia del segno Leone è legata ai concetti Leo e Slei. Leo è legato non solo all’animale leone ma anche alla sua pelle, ad una serie di piante e ad una specie di granchio. I leonis, invece, erano sacerdoti del Dio Mitra, non a caso adoratori del Sole, pianeta (luminare) del segno. Il termine greco Slei si riferisce invece all’idea di staccare la pelle o la criniera del leone, come forma di potere sull’altro, ma anche come simbolo di trofeo, quindi di vittoria sulla lotta. Nel geroglifico zodiacale, il Leone evoca una lettera che comunica vita, ritmo, lotta, ovvero sopravvivenza. La parola chiave del segno è indipendenza.

VERGINE secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno della Vergine sarà intelligente, sollecito, riservato, coraggioso, desidererà qualsiasi cosa, e facilmente si arrabbierà; a fatica conserverà il primo consorte. A 31 anni avrà fortuna, si troverà in balia di acque di fiume, avrà cicatrici da spada. Vivrà 70 anni ne ricco ne povero. La donna nata nello stesso segno sarà riservata, intelligente, laboriosa ma disordinata. Si sposerà molto giovane, non conserverà il primo consorte, e il primo figlio non avrà lunga vita. Avrà benefici tramite un’altra donna. Si troverà in balia di un fiume. Cadrà dall’alto. A 10 anni soffrirà di disturbi alle arterie, se guarirà vivrà fino a 53 anni. I giorni di Mercurio e del Sole sono buoni, il giorno di Marte è sfavorevole per qualsiasi attività.

Il glifo della Vergine è una M stilizzata, con un incrocio delle ultime stanghette verso l’interno. Questo simbolo rievoca l’immagine del materno. La sua stilizzazione rievoca anche l’attività dello scriba che prende nota e calcolo. La curvatura finale rievoca l’immagine della sacca piena di grano. È il segno che presiede alla parte finale dell’estate. La prima decade ha come parola chiave il concetto di Abilità. La seconda decade il concetto Diplomazia. Mentre la parola chiave della terza decade del segno Vergine è Altruismo. Nei testi di astrologia l’etimologia simbolica della vergine è quasi sempre legata al concetto di Mater. Tuttavia trovo una maggiore correlazione alla parola latina Materia che oltre a significare qualcosa di materiale è legata ai concetti di nutrimento, viveri, alimento, cibo. È ciò che la Vergine evoca come simbologia: nutrimento del corpo e dell’anima, raccolto, conservazione, opulenza, il tutto con lo scopo del mantenimento dei bisogni corporali. La parola chiave dell’interno segno è mantenere.

BILANCIA secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno della Bilancia sarà potente, si distinguerà e viaggerà per luoghi sconosciuti e da una terra straniera otterrà guadagno, sarà abile parlatore, offeso da chi gli sta più vicino soffrirà del danno derivante da ingiuria, sperimenterà sorte varia, molti richiederanno il suo consiglio. Vivrà 77 anni. La donna nata sotto il segno della Bilancia sarà coraggiosa, amichevole, viaggerà in luoghi sconosciuti, sarà ilare, dal primo compagno non avrà figli, a 33 anni riceverà onore. Sarà inferma e subirà il morso di un cane. Se guarirà dai suoi malanni vivrà 42 anni. Il giorno di Venere, di Giove e della Luna saranno favorevoli. Il giorno di Mercurio è nefasto.

Il segno della Bilancia è la rievocazione dell’oggetto deputato alla misurazione, al peso, al calcolo, che spesso appare anche nelle mani di divinità come Minerva, Atena, Maat, Anubi. Nelle prime tre divinità si pesa il valore umano dell’onestà, della purezza e della bontà d’animo. Mentre nel dio della morte Anubi, la bilancia si usa per pesare il cuore della persona, il suo valore durante l’esistenza. Il segno apre la stagione autunnale. La prima decade ha come parola chiave Socievolezza. La seconda decade Arbitrio. La terza ha come parola chiave Giustizia. L’etimologia della parola Bilancia è legata al termine Libra-Bilanx. Questo lemma significa non solo misurare, pesare, bilanciare ma ha anche il significato di livellare. La Bilancia in tal senso assume significati di portare ad un equilibrio: ogni cosa è soppesata, messa al vaglio delle ragioni del cuore e della mente. La derivazione latina vede anche la congiunzione dei concetti bis e lancem ovvero due piatti: il concetto della dualità è marcato nel segno, ovvero il bilanciamento delle ombre e delle luci è immagine retorica in questa simbologia. La parola chiave del segno della Bilancia è quindi equilibrare.

SCORPIONE secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno dello Scorpione avrà buona sorte. Grande fornicatore, il primo congiunto sarà molto pio, volentieri sarà idolatro, audace come un leone e amichevole, si sposterà per molti luoghi, vedrà la vittoria sui suoi nemici, avrà tanto denaro grazie al matrimonio, soffrirà dolori di stomaco, udirà una cosa e ne farà un’altra, avrà cicatrici da spada. A 33 anni soffrirà di noia; se sopravvivrà vivrà 88 anni. La donna nata sotto questo segno sarà amabile, bella, non conserverà il primo congiunto, vedrà la vittoria sui suoi nemici, peregrinando otterrà molto denaro. Soffrirà di stomaco, sarà saggia, avrà una cicatrice su una spalla. A 76 anni morirà a causa di un veleno. I giorni di Marte e Saturno sono buoni, il giorno di Giove è sfavorevole.

Il simbolo usato per rappresentare il segno è una M stilizzata dove l’ultima stanghetta è rivolta verso l’alto, a ricordare il pungiglione dell’animale. Questa M la incontriamo anche nella Vergine come rievocazione della simbologia della Dea Madre e della Dea Vergine (nell’astro-mitologia). Anche in questo contesto, la M rievoca la Dea Madre ma nella sua veste di Dea Terribile e Vendicativa. Il segno Scorpione è legato alla seconda parte dell’autunno. La prima decade ha come parola chiave Pulsione. La seconda il concetto Anticonformismo. La terza decade ha come parola chiave Psichismo. Nel simbolismo etimologico il segno legato al termine latino Scorpio identifica anche un’arma usata dai romani per lanciare dardi e pietre, ma anche come verga dotata di aculei e nodi, utilizzata come strumento di tortura. Tuttavia la simbologia Scorpione è fortemente connessa agli aspetti vendicativi della Dea, l’opposto di ciò che appariva nella simbologia della Vergine. La parola chiave del segno è muori e rinasci quindi trasformare.

SAGITTARIO secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno del Sagittario avrà buon risultato da qualunque cosa avrà in animo di fare, camminerà per luoghi agresti e montuosi, vedrà crescere la propria fortuna. Vivrà 77 anni. La donna nata sotto il segno del Sagittario avrà molti pensieri, non amerà vedere gente in lacrime, soffrirà controversie a causa di liti fomentate da altri, vincerà sui suoi nemici, a 28 anni perderà la gioia a causa di invidia, a 33 anni dovrà sposarsi. Vivrà 80 anni. I giorni di Venere e della Luna sono favorevoli, il giorno di Marte è cattivo.

Il segno Sagittario ha come glifo una freccia stilizzata rivolta verso l’alto. Fa pensare a qualcosa che viene lanciato contro il cielo, ad un attacco o ad una difesa militare, ma dà anche la sensazione della direzionalità, dell’indicazione, della traiettoria. Il segno chiude la stagione autunnale. La prima decade ha come parola chiave il concetto Avventura. La seconda decade ha come parola chiave Saggezza. La terza decade ha come parola chiave Conoscenza. L’etimologia è legata a tutti quei termini che sono correlati al concetto di viaggio. La freccia rievoca una traiettoria precisa, ovvero un punto in basso che va verso l’alto. Sagittarius in latino significa portatore di frecce ma anche lanciatore di saette. La saetta è un’immagine che rievoca immediatamente il mito di Zeus, corrispettivo di Giove pianeta governatore del segno, nella sua qualità di oratrios, il lanciatore di fulmini. L’etimologia di fulmine deriva dai lemmi latini fulmen, fulgimen, fulgeo, ovvero scintillamento, brillare, risplendere. Ciò ci spinge a osservare nel Sagittario un’energia spirituale che da una condizione grezza, intende riscattarsi. La parola chiave del segno è risplendere.

CAPRICORNO secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno del Capricorno sarà iracondo, mendace, fornicatore ma laborioso, soffrirà di molte accuse e patirà molte tristezze durante la giovinezza. Abbonderà di molte cose buone. A 15 anni gli verrà data ricchezza e sarà animoso, subirà molte insidie, sarà ricco grazie ai congiunti. Sveglio di mente, semplice, soffrirà di cuore. Vivrà fino a 82 anni. La donna dello stesso segno arrossirà molto facilmente, sarà timida, viaggerà volentieri, sarà forte. A 5 anni si ammalerà, subirà il morso di un cane o di un lupo. Vivrà 100 anni. I giorni di Saturno e di Marte sono buoni, quello del Sole è funesto in ogni affare.

Il glifo del Capricorno è molto complesso, di difficile decifrazione. Questo infonde un sentimento ostico, di difficoltà e sacrificio nel processo della comprensione consapevole. È chiamato segno di Dio ma anche soffio del creatore. La modalità Capricorno apre la stagione invernale. La prima decade ha come parola chiave Organizzare. La seconda decade ha come parola chiave Perseverare. La terza decade ha come parola chiave Coraggio. Dal punto di vista etimologico, il glifo del segno risulta indecifrabile, è difficile collocarlo in termini univoci. Sappiamo che simbolicamente il segno rappresenta un animale immaginario metà capra e metà pesce. Ci sono dunque molti concetti in questo segno. La parola capricorno potrebbe avere diverse derivazioni. Cavis ovvero grotta e cavità. Primigenius ovvero prima di ogni cosa, originale e primitivo. Corno, Cornu, Kranaos sanscrito Karna ovvero cranio. Queste derivazioni portano a intravedere nel segno Capricorno l’analogia ai primi abitanti umani della terra, i primi ominidi. Il segno del Capricorno è il simbolo del mistero dell’origine dell’uomo. La parola chiave del segno è compiere.

AQUARIO secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno dell’Aquario sarà amichevole, iracondo, volenteroso, incredulo. Sarà molto ammalato e avrà una ferita da spada, in acqua avrà paura. Non durerà molto il primo compagno. A 23 anni andrà verso fortuna migliore. Andrà in luoghi estranei, giungerà alla ricchezza grazie ad altre persone, avrà una gamba più lunga dell’altra, vivrà 66 anni. La donna nata sotto il segno dell’Aquario sarà deliziosa, di consiglio saggio, avrà guerra dai figli, quello che dirà farà, in acqua avrà paura, si sposterà per luoghi ignoti, a partire dai 13 anni avrà tempi migliori. Vivrà 77 anni. I giorni di Venere e della Luna sono favorevoli ma quelli di Marte e Saturno porteranno grande sfortuna.

Il geroglifico usato per il segno Aquario rievoca due onde parallele. Ci troviamo di fronte a un segno d’aria. Questo simbolo è associato all’aria, ed essendo domicilio di Saturno l’aria è da intendersi anche come esalazione mortifera e pestilenziale. Molti ci vedono il segno della separazione della terra dal cielo e i fulmini orizzontali. I più coraggiosi lo rievocano nelle analogie del mistero sugli oggetti volanti non identificati. Il segno Aquario rappresenta la parte centrale dell’inverno. La prima decade ha come parola chiave il concetto di Originalità. La seconda decade il concetto di Ispirazione. La terza decade il concetto di Utopia. L’etimologica è connessa al portatore d’acqua, colui che porta l’acqua per sottoporla al processo di sublimazione, che la farà diventare vapore-aria. Infatti il segno deriva dal lemma latino aquarius che significa letteralmente colui che conduce l’acqua. Era un termine usato per identificare coloro che costruivano le tubature, i canali, per trasportare i liquidi. Il trasporto dell’acqua è affidato ad un segno di aria che diventa vettore, attraverso l’ingegno dell’uomo. Non a caso il segno è connesso anche ai concetti della scoperta e dell’avanguardia. Parola chiave del segno è trasfigurare.

PESCI secondo Liber Physiognomiae

L’uomo nato sotto il segno dei Pesci si muoverà molto, eserciterà l’attività dei campi, con un uomo onesto sarà sempre accompagnato, a stento compirà il bene, sarà appassionato ma dissoluto, compirà il bene, avido e ingannatore, dirà una cosa per poi farne un’altra, per mezzo di stranieri avrà denari, confiderà nella propria saggezza, non si curerà di nessuno, negligente nella giovinezza, avrà però buona sorte, dove sarà nato starà poco. Difenderà vedovi e orfani. Vivrà 70 anni. La donna nata nel medesimo periodo sarà buona, piacente, di animo appassionato ma insolente e litigiosa. Avrà da sopportare sventure varie, soffrirà di dolore degli occhi, cadrà nella vergogna per cattiva reputazione, abbandonerà il compagno, prenderà con sé le cose di altri e non avrà le sue, a 30 anni soffrirà di dolori di stomaco, a 44 sarà in pericolo di vita. I giorni di Venere e della Luna sono fortunati, ma quelli di Marte e Saturno risultano essere funesti.

Il simbolo utilizzato per il segno zodiacale dei Pesci conferisce la sensazione di una danza che apre qualcosa, oppure possiamo vederci il varco, l’accesso e l’ingresso verso un nuovo mondo. Il segno chiude la stagione invernale e prepara quindi all’ingresso verso una nuova vita, la primavera che incontriamo nel segno Ariete. La prima decade ha come parola chiave il concetto di Empatia. La seconda decade di Umanità. La terza decade di Fertilità. L’etimologia di questo segno è complessa. Intanto possiamo negli approcci di astro-mitologia collegare questa modalità alla dea Atargatis, dea ancestrale del mattino e dell’acqua. I pesci rievocano un’energia che è luce nell’oscurità, dunque profonda inclinazione a trovare nelle prove più difficili della vita quella luce di speranza per rinsavire dalle ombre. La parola chiave del segno è trascendenza.

/ 5
Grazie per aver votato!

Apparizioni delle stelle inerranti – Recensione al testo di Lucia Bellizia

Le edizioni Insedicesimo, storia e filosofia della scienza, pubblicano nel 2017 Apparizioni delle stelle inerranti e raccolta di indicazioni sui mutamenti del tempo, a cura di Lucia Bellizia (laureata in Filologia, Letteratura e Storia dell’Antichità, una delle massime esperte italiane di tecniche e storia dell’astrologia classica, nonché Presidente dell’Associazione Culturale Apotélesma con sede in Genova).

Lucia ci consente, attraverso il suo lavoro, di conoscere questo testo poco noto, opera di Claudio Tolomeo, scienziato vissuto nel II secolo, che ancora oggi chiamiamo principe degli astrologi, autore, oltre che del celebre Almagesto, del Quadripartito, pilastro fondamentale dell’Astrologia occidentale, pietra miliare per gli appassionati e gli studiosi di tecniche astrologiche tradizionali.

Cosa troviamo nella trattazione

La ricercatrice, attraverso la traduzione del testo di Tolomeo, ci permette di entrare in contatto con l’esperienza di Tolomeo nei confronti dei mutamenti del tempo. Il manuale è una testimonianza storica e culturale sul modo in cui Tolomeo si relazionava al cielo e alle stelle fisse. È egregiamente spiegato, in riferimento alle stelle fisse, il concetto di “apparizione”, termine tecnico e astronomico che significa “visibilità delle stelle fisse” ovvero perché e quando le luci del cielo ci appaiono o scompaiono alla percezione ottica.

Eventi delle luci: le fasi

Vediamo nel manuale come gli eventi astronomici delle stelle fisse erano definiti: il sorgere e il tramontare delle stelle, l’essere mattutine o vespertine, le apparizioni vere e quelle apparenti. Tutto questo ci dimostra quanto gli osservatori del passato fossero attenti investigatori della sfera celeste, alla quale si rapportavano con matematica precisione. Altri eventi interessanti legati alle stelle sono le emersioni e le occultazioni, nonché la differenziazione tra stelle sempre visibili e quelle che si prestano ad una percezione ottica occasionale, e ancora l’importante ruolo nelle previsioni del Sole e della Luna, con il corteo dei cinque erranti Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno: tutti insieme hanno un importante significato nelle congetture finali sulle mutazioni del tempo.  

Le trenta stelle usate da Claudio Tolomeo

Ma quali stelle concorrono al mutamento del tempo? Intanto il concetto di “mutazione” del tempo è ricorrente in tutta la letteratura astrologica; significa quegli eventi celesti ovvero astronomici che corrispondono ad un cambiamento del tempo, del clima, o che sono alla base di tali cambiamenti nel processo deduttivo e di analogia: non solo le apparizioni delle stelle fisse, ma anche la disposizione dei cinque erranti determinavano diverse sfumature interpretative. Venere può rendere le stagioni più calde, Giove più umide, Saturno tende a raffreddarle, Marte a seccarle, Mercurio rende tutto più turbolento. La Luna poi riveste un ruolo fondamentale specialmente quando è al novilunio e al plenilunio (congiunzione / opposizione al Sole) perché questi sono i momenti decisivi per lo studio dei mutamenti del tempo.

Inoltre, Tolomeo pare dare molta importanza alle stelle fisse: esattamente ne identifica 30 e parliamo di stelle molto luminose di prima magnitudine come Capella, Vega, Regolo, eccetera e di seconda magnitudine come Deneb, Castore, Alnilam eccetera. Nel manuale troviamo tutto l’elenco delle stelle con le relative interpretazioni, seguendo il testo tradotto da Lucia Bellizia per la prima volta in italiano!

Inoltre, scopriamo che Tolomeo segue il calendario alessandrino riformato dove l’anno è suddiviso in dodici mesi di 30 giorni, partendo da Thot (dal 29 agosto al 27 settembre): seguono poi Phaophi (dal 28 settembre al 27 ottobre), Athyr (dal 28 ottobre al 26 novembre) e via dicendo. Ogni apparizione o occultazione delle stelle indicate da Tolomeo produce una indicazione sul tempo; è evidente che Tolomeo considerasse la visibilità quanto l’occultazione delle stelle come fenomeni essenziali alla base della congettura sulla mutazione del tempo.

La percezione avuta del manuale di Lucia Bellizia

Il manuale consultato mi ha permesso di relazionarmi con quella letteratura che è alla base della cultura astrologica tradizionale e di immergermi nella complessa questione delle fonti antiche legate alla dottrina e alle conoscenze astronomiche e astrologiche:

  1. Ho appreso alcune curiose notizie biografiche su Tolomeo, che Lucia ha potuto documentare appellandosi a diversi manoscritti di lingua greca, nonché in riferimento ad alcune fonti arabe (per esempio tra le varie fonti riportate dalla ricercatrice, ne abbiamo anche alcune che propongono una descrizione fisica di Tolomeo, relativa al colore della pelle, ai segni particolari del viso e ai caratteri dell’animo, direi che è stata la parte più emozionante perché ho potuto immaginare il volto, il corpo, le fattezze dell’animo di Tolomeo).
  2. Ho potuto apprendere la diversificazione delle fonti in opere di carattere strettamente astronomico, e opere strettamente astrologiche. Fu autore, Tolomeo, delle Fasi, ma anche di numerose altre opere di carattere matematico-astronomico, nonché su altre questioni legate alla geografia, alla matematica, filosofia, oltre che a diverse opere strettamente collegate alla congettura astrologica.
  3. Ho potuto relazionarmi con uno dei capitoli più complessi, e a mio giudizio più importanti, dell’astronomia utile ai fini interpretativi: ovvero la questione delle fasi che non riguarda solo le stelle ma anche i pianeti. Visibilità e invisibilità sono due grandi fenomeni celesti connessi alla Dottrina della Luce, sulla quale si basa tutta la congettura astrologica.
  4. Ho potuto leggere la traduzione in italiano di questa opera considerata “minore” di Tolomeo, ma che invece è di straordinaria importanza visto il contenuto che testimonia. Ci sono indicazioni veramente interessanti sulle apparizioni / occultazioni delle stelle, con indicazioni previsionali sul comportamento del tempo all’apparire o all’occultarsi di certe stelle. Quello che apprezzo di questa traduzione è anche la scelta dei caratteri e della loro dimensione, la lettura è facilitata da una buona tipografia che non è affatto una questione di second’ordine. La cura dell’editing, l’impaginazione, le ricche annotazioni, accompagnano ad una lettura immersiva e coinvolgente.
  5. Seguono poi ulteriori approfondimenti in riferimento alla letteratura antica sulla questione dei mutamenti del tempo, ma anche sul ruolo delle stelle e delle loro fasi. Ma per concludere intendo in particolare segnalare la presenza di alcuni capitoli che ho trovato molto utili nel comprendere il comportamento delle stelle, nonché una ricca indicazione sulla natura delle stelle in astrologia genetliaca: sono infatti riportati i giudizi sulle virtù delle stelle di Anonimo del 379, Firmico Materno, Girolamo Cardano, Andrea Argoli, Origanus.
  6. Tutto questo concorre a ritenere il testo Apparizioni delle stelle inerranti di Lucia Bellizia un manuale di estrema importanza per l’appassionato di Astrologia e Astronomia, per lo studioso, il ricercatore; presenta una parte definibile come “trattato” e che riguarda lo studio e la traduzione di un’opera importante di Tolomeo, sottovalutata e che invece la ricercatrice ha portato in superficie traducendola in italiano e facendola arrivare fino ai giorni nostri, per arrivare poi ad una parte definibile “manualistica” dove per esempio la raccolta di informazioni sulle virtù delle stelle l’ho trovata utile e indispensabile per i miei personali studi e ricerche nell’ambito dell’Astrologia genetliaca.

I capitoli che incontriamo nel manuale di Lucia Bellizia

  • Apparizioni delle stelle inerranti
  • Claudio Tolomeo
  • Opere astronomiche e opere astrologiche
  • Introduzione alla lettura delle Fasi
  • Traduzione
  • I “predecessori” di Tolomeo
  • Quando e perché una stella diviene visibile
  • Uso delle stelle in Astrologia genetliaca
  • Le stelle osservate nelle fasi
  • Bibliografia

Dove prenotare la tua copia

Manuale acquistabile online, ma anche, autografato, rivolgendosi alla curatrice. Scrivi a Lucia direttamente a questa email per prenotare la tua copia autografata info@apotelesma.it

Visita il sito dell’Associazione Apotélesma, al seguente link
https://www.apotelesma.it/

Segui la Pagina Social Scuola di Astrologia Antica Apotélesma al seguente link
https://www.facebook.com/AstrologiaAntica

Recensione a cura di Francesco Faraoni

/ 5
Grazie per aver votato!

I Decreti dei Cieli nei Testi Sacri: Talmud e un testo della Babilonia talmudica

In questa occasione, voglio condividere e pubblicare alcuni versi derivanti dallo SHABBAT ovvero il Primo Trattato dell’Ordine di Moed nella Mishnah e nel Talmud, un trattato che comprendere 24 capitoli.

Composto nella Babilonia talmudica, c.450 – c.550, i suoi 24 capitoli discutono i 39 melachot (fatiche creative proibite durante lo Shabbat), i divieti di portare avanti lo Shabbat e i comandamenti positivi che preservano la santità del giorno, come accendere candele e mangiare tre pasti. Il trattato contiene anche la discussione principale del Talmud sulla festa di Chanukah.

Ci sono tuttavia alcuni passaggi che chiaramente presentano riferimenti astronomici e astrologici, quindi riferimenti ricollegabili a quella che oggi chiameremmo “astrologia giudiziaria”. Riporto i versi più suggestivi tratti da SHABBAT 156a/b.

  • Uno nato di domenica o è completamente (devoto) per il meglio o per il peggio perché sia la luce che le tenebre furono create il primo giorno della creazione.
  • Colui che è nato il secondo giorno della settimana, lunedì, sarà una persona irascibile perché in quel giorno le acque superiori e inferiori furono divise. Pertanto è un giorno di contenzioso.
  • Colui che è nato il terzo giorno della settimana, martedì, sarà un uomo ricco e una persona promiscua, perché quel giorno è stata creata la vegetazione. Cresce in abbondanza ma è anche mescolato tra loro senza confini tra l’erba e le piante.
  • Uno che è nato il quarto giorno della settimana, mercoledì, sarà una persona saggia e illuminata perché le luci celesti erano sospese nei cieli in quel giorno e la saggezza è paragonata alla luce.
  • Colui che è nato il quinto giorno della settimana, giovedì, sarà una persona che compie atti di gentilezza perché in quel giorno sono stati creati i pesci e gli uccelli e non ricevono il loro sostentamento svolgendo lavori per le persone. Sono sostenuti solo dalla bontà di Dio.
  • Colui che è nato il sesto giorno della settimana, venerdì, sarà un cercatore. Sarà uno che cercherà le mitzvot (ovvero i comandamenti o i precetti) poiché la maggior parte delle attività del venerdì prevede la preparazione per lo Shabbat.
  • Chi è nato di Shabbat morirà di Shabbat, perché hanno profanato il gran giorno di Shabbat, e sarà chiamato una persona di grande santità perché è nato nel giorno sacro di Shabbat, sabato.

  • Non è la costellazione del giorno della settimana che determina la natura di una persona piuttosto è la costellazione dell’ora che determina la sua natura (le indicazioni che seguono almeno a me fanno pensare a una descrizione dei pianeti dell’ora in una nascita oppure ci si riferisce al segno che sorge all’Ascendente e al suo governatore).
  • Colui che è nato sotto l’influenza del Sole (quindi potrebbe riferirsi all’ora del Sole oppure al segno posto all’Ascendente governato dal Sole, il Leone) sarà una persona radiosa, mangerà dalle proprie risorse e berrà dalle proprie risorse, e i suoi segreti saranno svelati. Se ruba non avrà successo, perché sarà come il sole che splende e si rivela a tutti.
  • Colui che è nato sotto l’influenza di Venere sarà una persona ricca e promiscua perché il fuoco è nato durante l’ora di Venere, sarà soggetto al fuoco della cattiva inclinazione, che brucia perennemente.
  • Chi è nato sotto l’influenza di Mercurio sarà un uomo illuminato ed esperto, perché Mercurio è lo scrivano del Sole, in quanto è il più vicino al Sole.
  • Colui che è nato sotto l’influenza della Luna sarà un uomo che soffre dolori, che costruisce e distrugge, e distrugge e costruisce. Sarà un uomo che non mangia dalle proprie risorse e non beve dalle proprie risorse e i cui segreti sono nascosti. Se ruba ci riuscirà, perché è come la Luna che cambia continuamente forma, la cui luce non è la sua e che a volte è scoperta e a volte nascosta.
  • Colui che è nato sotto l’influenza di Saturno sarà un uomo i cui pensieri sono inutili. E alcuni dicono che tutto ciò che gli altri pensano di lui e pianifcano di fargli è inutile.
  • Uno che è nato sotto l’influenza di Giove sarà una persona giusta.
  • Colui che è nato sotto l’influenza di Marte sarà colui che versa sangue. Sarà o una lettera di sangue o un ladro o un macellatore di animali, o un circoncisore.

  • Una costellazione rende saggi e una ricchi, e c’è una costellazione per il popolo ebraico che li influenza. Ma il rabbino Yohanan ha detto che non c’è costellazione per il popolo ebraico che lo influenzi. Il popolo ebraico non è soggetto all’influenza dell’astrologia.
  • Abramo disse davanti a Lui: Maestro dell’Universo, ho guardato la mia mappa astrologica e secondo la configurazione delle mie costellazioni non sono adatto ad avere un figlio. Il Santo, Benedetto sia Lui, gli disse: “Emergi dalla tua astrologia, poiché non c’è costellazione per Israele. Quindi quale è il tuo pensiero? E’ perché Giove si trova ad ovest che non puoi avere figli? Lo ristabilirò a oriente”.

/ 5
Grazie per aver votato!

L’ingegno e le passioni dell’Anima – recensione al manuale

Agorà & Co. Editore ci sta ormai abituando a pubblicazioni ed edizioni di raffinata astrologia, ovvero manuali utili all’Astrologo di questi tempi moderni, interessato a riesplorare le conoscenze tradizionali.

Il testo che intendo recensione in questa occasione è stato da me acquistato nel 2021. Il titolo è “L’ingegno e le passioni dell’anima” di Mario Costantino (troverete i link del manuale a fine articolo, Mario Costantino è stato, con Giuseppe Bezza nel 1999, uno dei fondatori di Cielo e Terra; è un divulgatore raffinato dell’Astrologia tradizionale; gli appassionati di astrologia conoscono l’autore anche per il suo celebre sito online ovvero Astrologiaclassica.it un vero e proprio punto di riferimento per tutti gli appassionati, un blog ricco di istruzioni e approfondimenti tradizionali, utili agli studiosi e appassionati dell’astrologia).

Il manuale, consultato a partire dal 2021, mi ha portato in questi due anni ad approfondire l’argomento delle inclinazioni dell’Animo e della Mente, unitamente ai mali dell’animo: credo che oggi gli studenti e appassionati di astrologia vivono un momento molto florido e fortunato per la dottrina tradizionale. Essenzialmente per due motivi: abbiamo tantissime fonti antiche tradotte, nonché tantissimi ricercatori che hanno maturato un’esperienza complessa e articolata dell’Astrologia, e che oggi trasmettono il loro sapere e la loro esperienza attraverso pubblicazioni sempre più professionali e specificatamente rivolte allo studio della disciplina.

Mercurio come stella del mattino e della sera

Mercurio è un pianeta “molto simile” a Venere, specialmente per la sua vicinanza al Sole. Solitamente siamo portati a definire Venere come “stella” della Mattino e della Sera, ma in realtà questo tipo di attribuzione è associata anche a Mercurio che, per esempio, nei tempi di Esiodo era definito come Στίλβων ovvero Stilbon stella del mattino; e come Ἑρμάων ovvero Hermaon stella della sera.

Mercurio è frequentemente invisibile o sotto i raggi, ma è altrettanto frequentemente in levata eliaca, è spesso in moto retrogrado, come spesso ritorna in moto diretto, a volte è veloce, altre è lento, ha un interessante movimento non solo in longitudine ma anche in latitudine. Mercurio è tra i cinque pianeti erranti quello più dotato di movimenti repentini, avanti e indietro, visibile e invisibile, appare e scompare, si presta ad essere osservato (a occhio nudo) con difficoltà, infatti quando è visibile lo possiamo apprezzare nei primi momenti dell’alba o del tramonto del Sole.

Tuttavia l’elevata dinamicità di Mercurio corrisponde all’elevata variabilità dei suoi moti, delle sue condizioni, delle sue caratteristiche ottiche, di luminosità. E ne consegue che Mercurio può essere umido, quanto secco, come freddo, quanto caldo, in base alla disposizione che occupa rispetto al Sole ma tenendo anche in considerazione altre variabili accidentali (ed anche essenziali).

Mario Costantino nel testo “L’ingegno e le passioni dell’anima” ha sviluppato e argomentato uno dei più complessi capitoli dell’Astrologia genetliaca, quelli relativi allo studio delle inclinazioni dell’animo e della mente: stiamo parlando, infatti, delle “inclinazioni psicologiche“!

Significatori dell’anima e della mente

L’autore ci accompagna nell’affascinante argomento della mente e dell’animo: è il capitolo più importante dell’Astrologia perché determinare questa questione significa comprendere i moti dell’individuo attraverso le sue complessioni e caratteristiche che sono per ogni persona altamente specifiche. In particolare la classificazione dell’animo può essere riassunta in tre parti fondamentali:

  1. la parte vegetativa, che è propria del corpo, infatti la natura del nostro corpo, del nostro temperamento per sintetizzare, determina anche il modo o la modalità attraverso cui esprimiamo le altre facoltà dell’animo e della mente, il corpo dopotutto è il “veicolo” che utilizziamo nell’esplicitazione del nostro essere;
  2. la parte sensitiva, attraverso cui noi percepiamo l’ambiente, le sue variazioni naturali, parte che potremmo definire come cartina tornasole dell’individuo che saggia e testa i diversi impulsi esterni-interni dell’ecosistema in cui avviene l’esercizio delle facoltà animiche e razionali;
  3. la parte intellettiva, che è propria della mente, dell’elaborazione del pensiero, di come elaboriamo i dati che percepiamo attraverso il corpo e gli stimoli esterni e interni, da cui proviene anche il processo identificativo dell’io, dell’essere, del tu, del noi, in un certo senso l’intelletto è lo strumento che ogni individuo utilizza al fine di matematizzare l’esistenza e la vita.

Potremmo sintetizzare dicendo che la parte vegetativa corrisponde alla virtù concupiscibile, quella sensitiva alla virtù irascibile, quella intellettiva alla virtù razionale. Le diverse facoltà dell’animo e della mente sono schematizzate non perché vanno viste separatamente, al contrario tutte le parti dell’anima concorrono all’Essere, all’identificazione di cosa siamo e di cosa ci circonda, nei diversi processi cognitivi, razionali, sensibili, spirituali, immaginativi, elaborativi.

Nel grande capitolo dell’animo e della mente, l’autore congettura e affronta il modo attraverso cui possiamo elaborare, nel metodo astrologico e quindi nello studio della carta di nascita, l’argomento delle inclinazioni dell’animo, attraverso uno studio complesso e articolato dei diversi significatori dell’animo e della mente, che principalmente sono Oroscopo, luminare del tempo, Luna, Mercurio. La congettura segue il consueto metodo di decifrazione delle luci del cielo, ovvero la necessità di appellarsi alle dignità e debilità essenziali e accidentali, quindi ai diversi comportamenti dei significatori naturali e accidentali nella loro disposizione secondo i decreti della sfera celeste e della sfera locale.

Come è affrontato l’argomento nel manuale di Mario Costantino

Nel manuale di Mario Costantino, L’ingegno e le passioni dell’anima – dei sensi, dell’anima e dello spirito, le qualità dell’animo secondo Tolomeo – edito da Agorà & Co., troviamo tre livelli di elaborazione dell’argomento:

  1. un primo livello è teorico e prevede una trattazione dell’argomento mente e animo attraverso la congettura della filosofia naturale e secondo le congetture astrologiche e astronomiche;
  2. un secondo livello è propedeutico all’applicazione pratica, e prevede la modalità attraverso cui è necessario relazionarsi all’argomento quando siamo di fronte ad un grafico celeste di una natività, quindi ragionamento sui significatori naturali e accidentali rispetto all’argomento inclinazioni psicologiche, l’aspetto astronomico di Mercurio, i suoi comportamenti come luce del cielo, sono affrontati in modo approfondito, la capacità discorsiva e di spiegazione dell’autore permette anche a chi è digiuno di “astronomia” di affrontare le diverse questioni tecniche di Mercurio e non solo;
  3. un terzo livello è propriamente pratico, e intende valorizzare le diverse questioni che è necessario considerare, per esempio la natura dei segni, la disposizione nelle case, le qualità essenziali dunque come anche quelle accidentali, come giudicare la condizione orientale ed occidentale al sole, come congetturare la visibilità o meno di Mercurio, come arrivare a giudicare le qualità proprie di Mercurio ovvero se è caldo o freddo, se è umido o secco, come arrivare a definire il dominatore dell’animo e della mente.

Il terzo livello è spiegato in modo chiaro: anche se l’argomento è complesso la proprietà narrativa del manuale consente uno studio della questione più che gestibile. Una seconda parte del manuale prevede poi dei casi pratici che aiutano lo studioso alla comprensione del metodo e dell’argomento animo e mente.

Una sezione del testo è dedicata ai mali dell’animo, dove è possibile concepire come il metodo astrologico arriva a definire le ferite della mente e dell’animo attraverso le disposizioni nella sfera celeste e locale dei significatori delle inclinazioni psicologiche.

Gli argomenti che troviamo nel manuale

Segue l’elenco dei capitoli che troviamo nel manuale curato da Mario Costantino.

  1. L’astrologia delle origini
  2. I sensi, l’anima, lo spirito
  3. L’indagine
  4. L’ingegno
  5. Ricerca del dominatore
  6. Dominatore e suoi aspetti
  7. Condizione del dominatore
  8. Sulla natura di Mercurio
  9. L’epiciclo in Albohali e Alchabitio
  10. Giudizio sull’animo
  11. Le malattie dell’animo
  12. L’animo nelle natività
  13. Glossario minimo
  14. Domicili diurni e notturni
  15. Scheda tecnica
  16. Crepuscoli e arcus visionis
  17. Tabella dei confini egizi

Conclusioni

Il manuale è definibile come Trattato, ovvero un’opera che testimonia la modalità del metodo astrologico nella congettura delle qualità dell’animo e della mente dell’individuo. La complessità della trattazione è solo relativa ai tanti argomenti che lo studioso deve tenere in considerazione: non è possibile definire il nostro animo, la nostra mente, i moti dell’animo e della mente, relazionandoci solo al segno di Mercurio e della Luna e dell’Ascendente, la dottrina astrologica ci chiede di relazionarci alla sfera celeste e locale non per complicarci la vita, ma perché l’esistenza stessa è strettamente connessa alle luci del cielo, alla sua meccanica e alle sue disposizioni. Il cielo intende imprimere nelle sue immagini e figure un significato sul nostro essere, che a mio giudizio non è solo “simbolico” ma è anche “fisico” e “naturale”.

Il manuale di Mario Costantino ha nuovamente confermato in me l’idea che l’Astrologia non è solo materia del simbolo e dell’archetipo, ma è anche una materia che intende elaborare i linguaggi della natura e di come la natura si relaziona a noi e noi ad essa. Il testo dunque è consigliato a quanti sono appassionati di astrologia, oppure chi è studioso di astrologia, e in particolare agli autodidatti, perché fornisce un’importante testimonianza tecnica, didattica, teorica e pratica su uno dei più complicati capitoli dell’Astrologia natale: quello delle inclinazioni psicologiche.

Link utili

Manuale reperibile su Amazon
link

Manuale reperibile su IBS
link

Pagina social di Mario Costantino
link

Intervista a Mario Costantino, curata da Marco Carollo
link

/ 5
Grazie per aver votato!

Nodi Lunari – loro interpretazione nell’Astrologia Tradizionale vs Moderna

I Nodi Lunari sono, sul piano astronomico, punti di intersezione dell’orbita lunare con quella “circonferenza” che definisce il moto apparente del Sole, chiamata eclittica secondo l’esperienza che maturiamo nell’osservazione dei movimenti dei pianeti dal “piano terrestre”. Tutti i corpi celesti hanno un loro movimento orbitale che interseca l’eclittica, ne consegue che tutti i pianeti hanno i loro nodi planetari. In parole semplici i Nodi Lunari sono concepibili come “luoghi delle eclissi”.

Indicazioni generali secondo l’Astrologia tradizionale

L’intersezione dell’orbita lunare con l’eclittica va ad identificare il Nodo Nord o ascendente lunare, e il Nodo Sud o discendente lunare. L’utilizzo dei nodi nella letteratura astrologica è veramente ampio e anche articolato. La tradizione astrologica li ha usati non solo per giudicare le questioni dell’Astrologia natale, ma anche per le questioni dell’Astrologia mondiale; successivamente l’Astrologia moderna, in particolare le branche dell’astrologia evolutiva e karmica ispirate nell’approccio occidentale dalla tradizione vedica inflazionata dalle dottrine della psicologia del profondo, hanno congetturato i nodi di significati articolati e complessi, e oggi li ritroviamo in diversi tipi di trattazione, a volte anche arricchiti di ulteriore significato secondo l’arte della deduzione.

Secondo il Libro dei Dialoghi (Mudakarat) scritto dal discepolo di Albumasar, ovvero Abu Sa’id Sadam, i re greci quando desideravano che le loro preghiere fossero esaudite, consideravano la congiunzione del Nodo Lunare Nord al Medio Cielo dell’evento. Il Nodo Lunare Nord dunque “amplifica” le orazioni a Dio quando è unito al Cuore del Cielo!

Numerosi sono gli autori che riportano la natura accrescitiva e diminutiva dei Nodi Lunari, essi accrescono o diminuiscono sia il bene che il male. Il nodo nord ha la natura di Giove e amplifica il bene quanto il male. Il nodo sud ha la natura di Saturno e diminuisce il bene quanto il male.

  • Il Nodo Nord è dalla tradizione astrologica considerato della natura di Giove ed ha virtù di amplificazione. Nella tradizione araba per esempio si dice che il Nodo Nord congiunto (entro 12° di orbita indica Albiruni) ad un pianeta benefico, amplificherà la sua azione benefica; ma se congiunto ad un pianeta malefico, amplificherà il suo male.
  • Il Nodo Sud è dalla tradizione considerato della natura di Saturno ed ha virtù di diminuzione. Quindi un pianeta benefico congiunto al Nodo Sud vedrà diminuire la sua efficacia e il suo bene, ma un pianeta malefico unito al Nodo Sud vedrà anch’esso diminuire il suo male.
  • Ne consegue che il Nodo Nord è paragonabile a punto di accrescimento delle virtù dei pianeti, e tale virtù è solitamente accresciuta quando il pianeta è congiunto ad esso. Il Nodo Sud ha invece virtù diminutiva.

I Nodi Lunari nella determinazione degli anni di vita promessi dal tema di nascita

Nell’Astrologia Tradizionale i Nodi Lunari sono utilizzati anche per la valutazione degli anni di vita promessi dal proprio tema natale. Infatti, nella Dottrina dell’Alcocoden (quella conoscenza che permette di stabilire quanti anni una natività promette secondo i decreti del cielo) in particolare gli arabi indicano che quando il pianeta che significa il numero di anni di vita è congiunto entro 12° di orbita al Nodo Nord, conferisce 1/4 dei suoi anni, ma se è congiunto al Nodo Sud ne sottrae 1/4 (come riporta, per esempio, Abu’Ali al-Khaiyat).

Nodi Lunari nel Tema di Nascita

I Nodi Lunari rientrano nello studio del tema di nascita, essi vanno ad aumentare o a diminuire alcune funzioni della vita cognitiva, biologica, temperamentale, anche fisica, comportamentale, sociale. Purtroppo non è possibile stabilire un significato assoluto dei nodi lunari, perché essi rientrano nel gioco delle interpretazioni secondo il metodo che stiamo utilizzando.

Per esempio, se stiamo giudicando la natura delle opere di una persona (quindi le sue propensioni professionali), se il pianeta delle opere è per esempio Mercurio e se il Nodo Sud o il Nodo Nord sono congiunti al pianeta, avrà sicuramente significato sulle qualità stesse delle opere, e su come il nativo espliciterà le sue attività professionali.

Per esempio, se stiamo giudicando la natura della mente e dell’animo e Marte o Giove hanno significato sulle qualità del pensiero, la congiunzione del Nodo Nord o del Nodo Sud ai pianeti significanti la mente giocherà un ruolo fondamentale.

Segue una definizione, da considerare tuttavia molto generale, sul significato dei Nodi Lunari nelle case celesti, secondo un autore del XVII secolo.

Casa uno – sette | Nodi Lunari

CASA UNO secondo Gadbury – Il NODO LUNARE NORD nella prima casa conferisce onori, ricchezze, favori da chi conta o da personaggi onorevoli … nonché una vita fortunata e potente. Ma se è il NODO LUNARE SUD in casa uno allora produce sempre molto danno e guai, ambiguità sia nel corpo che nella mente, dolori continui, tribolazioni, scandali, calunnie che accompagneranno il nativo, causa vizi sul volto, e a volte è pericoloso per gli occhi. Se vicino al grado dell’Ascendente, concede una vita breve.

CASA SETTE secondo Gadbury – Il NODO NORD nel settimo luogo denota pochissimi nemici, è favorevole per ricevere il bene dalle donne, userà la loro compagnia e si diletterà con esse. Denota anche grandi ricchezze con una moglie, o più mogli, che sarà o saranno di portamento e comportamento onesto, prudente ed eccellente. NODO SUD in settima casa fa presagire molti nemici pubblici e molte calunnie, scandali e disgrazie causate dai nemici e questo avverrà costantemente, e può condurre anche alla distruzione. Declama un matrimonio travagliato e infelice, frequenti risse e contese tra il nativo e la moglie, mai quiete, continui malcontenti e mormorii e così via. A Volte indica separazioni. Può denotare anche la morte della moglie o delle mogli.

Nell’interpretazione moderna, i nodi lunari nell’asse Casa Uno Casa Sette hanno a che fare con la capacità dell’io di svincolarsi, o meno, dai condizionamenti esterni. Se il Nodo Nord è in casa uno e il Nodo Sud è in casa sette, indicherà maggiore audacia, capacità di determinazione, affermazione, ma anche una maggiore concentrazione dell’io e una spiccata volontà a realizzarsi in autonomia, a discapito delle relazioni o collaborazioni con gli altri. Se il Nodo Nord è in casa sette e il Nodo Sud è in casa uno, indicherà una minore capacità di autonomia, ovvero una tendenza ad essere tentennanti nelle scelte autonome, una maggiore pigrizia e lentezza operativa, a vantaggio tuttavia delle relazioni o collaborazioni con gli altri, in questo caso il nativo è meno centrato sul suo io e ha un maggiore bisogno di realizzarsi attraverso la relazione con gli altri.

Casa due – otto | Nodi Lunari

CASA DUE secondo Gadbury – Il NODO NORD LUNARE nella seconda casa toglie ogni bisogno e ogni penuria dal nativo, dandogli grandi ricchezze, eredità e possedimenti; ovvero fortuna e prosperità. Il NODO SUD nella seconda casa porta molti danni, dolore e fortuna avversa al nativo; nonché una certa distruzione del suo patrimonio; e significa che avrà paura e correrà pericoli (e non senza motivo) di precipitare al di sotto della sua condizione ordinaria.

CASA OTTO secondo Gadbury – Il NODO NORD nella ottava casa indica una vita lunga e sana e concede ai nativi eredità e onori,
doni e lasciti, per mezzo di persone defunte. Il NODO SUD in ottava casa indica una perdita di beni e minaccia il nativo di morte violenta. Questo in modo maggiore quando il Sole o la Luna e l’Ascendente risultano afflitti dai raggi maligni delle infortunate stelle [Saturno e Marte].

Nell’interpretazione moderna, i Nodi Lunari nell’asse casa due e otto hanno a che fare con la capacità di sostentamento del nativo, con i suoi beni, con l’accumulare, il risparmio, l’investimento, con la relazione tra nativo e oggetti che lo circondano, o tra nativo e ricchezze e/o patrimoni. In generale, il Nodo Nord in casa due conferisce una stabilità economica o materiale, un certo bisogno di possedere le cose o di ricreare una felicità o una serenità attraverso il legame con le cose, quindi è una posizione di capacità di accumulo e di risparmio, come anche di investimento. Tuttavia il Nodo Sud che occuperà la casa otto denota anche una incapacità al distacco, timore della perdita, della morte, della fine delle cose, quindi un attaccamento alla materialità o una certa dipendenza alla materialità. Al contrario, se il Nodo Nord è in casa otto il nativo dimostra una grande capacità di elaborare i suoi beni, di separarsi da essi e di trasformarli, parla di capacità di trasmettere agli altri qualcosa, un bene materiale quanto spirituale, il nativo gestisce poi i beni degli altri, oppure avrà un certo ruolo nella gestione dei beni che erediterà, dipenderà molto dalle collaborazioni e le relazioni da cui otterrà vantaggi. Ma il Nodo Sud che risulterà in casa due indicherà anche una certa tendenza ad una generosità privativa, a non lottare energeticamente o convintamente in difesa dei propri territori o dei propri beni, sarà più soggetto alle scelte altrui e alle suggestioni altrui, evidenziando una certa incostanza nel difendere gli interessi personali a vantaggio degli interessi degli altri, che potrebbero speculare sul nativo e sulle sue capacità.

Casa tre – nove | Nodi Lunari

CASA TRE secondo Gadbury – Il NODO NORD LUNARE nella terza casa rende religioso il nativo e gli fa prediligere l’uso della religione, avrà fortuna nei viaggi e concederà molti fratelli fortunati, e mostra una loro nascita nobile. Il NODO SUD LUNARE nel terzo luogo causa viaggi infortunati e minaccia la distruzione dei suoi fratelli, sorelle o parenti, indica litigi e disaccordi tra loro e il nativo, e a volte si tramandano la distruzione l’uno dell’altro, con l’uso di molta violenza.

CASA NOVE secondo Gadbury – Il NODO NORD in nona casa dichiara che il nativo è religioso e gli conferisce ricchezze e onore, in tal modo i suoi sogni, le rivelazioni e le sue visioni si dimostreranno per la maggior parte vere e certe; i suoi viaggi per mare, o lunghi viaggi di terra, si dimostreranno propizi a meno che non sia il Nodo afflitto dai raggi maligni delle infortunate stelle. Il NODO SUD in nona casa indica che il nativo è instabile e titubante in materia di religione, sarà sospettoso, e di cattiva fede; spesso si rivela un eretico. E se Saturno o Marte con i loro corpi o aspetti, affliggeranno il nono luogo, il nativo (sebbene sia un prete) non sarà un uomo di fede, coscienza o di religione ma un ateo assoluto oppure scettico anche se avrà la fortuna di predicare agli altri la sua coscienza non gli permetterà mai di credere a ciò che egli stesso divulga con fede. I suoi sogni saranno oziosi e ingannevoli, i lunghi viaggi o i viaggi per mare saranno per il nativo miserabili e sfortunati.

Nell’interpretazione moderna, i Nodi Lunari nell’asse casa tre e casa nove hanno sempre significato sulla spiritualità del nativo, intesa non solo come adesione ad una religione o ad un culto, ma anche come adesione ad uno stile di vita, ad una fede, una credenza, o ad una certa filosofia. Ne consegue che i nodi lunari nell’asse tre nove sono sempre determinanti per gli stili di vita del nativo il quale potrebbe aderire a certe scuole di pensiero, a certe forme di credenza o di tradizione, a certe fedi o spiritualità, o a certe forme di stile di vita. Ho spesso incontrato nelle numerose consulenze svolte persone caratterizzate da uno stile di vita molto particolare e contraddistinte dalla presenza dei nodi lunari nell’asse tre e nove: vegani, vegetariani, oppure persone con uno stile di vita molto rigoroso, cadenzato da ritmi abitudinari o assolutamente irregolari, che hanno una idea della vita e del mondo fuori dal comune o dalla norma. In effetti, la terza come anche la nona casa sono chiamati “luoghi metakosmion” ovvero luoghi che portano a mondi ultraterreni, o fuori dalla propria territorialità abitudinaria o consueta, luoghi tra due mondi. In particolare quando è il Nodo Nord in terza casa e il Nodo Sud in nona casa sono i costumi quotidiani ad essere soggetti a una particolare filosofia di vita, la persona tende ad essere caratterizzata da ritmi abitudinari, si muove spesso contro corrente o in modo diverso dagli altri, tendono ad essere isolati o ad isolarsi con persone perfettamente allineate ai loro costumi, hanno una visione filosofica o spirituale molto pragmatica, e una forte adesione a modelli autoconservativi che portano ad escludere tutto ciò che è lontano da loro e dalla loro visione del mondo. Mentre se l’asse nodale vede il Nodo Nord in nona casa e il Nodo Sud in terza il soggetto tende ad avere una visione trasgressiva della vita, intesa come totale abnegazione per la ricerca del lontano, quindi sono soggetti spesso staccati dalla realtà che li circonda, suggestionabili, ma anche dotati di una grande fantasia, sono fortemente creativi, immaginativi, tendono a non riconoscere il mondo o il territorio o i costumi del luogo o della società in cui sono nati, e sono più portati all’evasione e ad una predisposizione all’esotismo, ovvero alla ricerca di culture lontane e a volte anche estremamente diverse da quelle di appartenenza. In generale l’asse nodale in terza nona, a prescindere da come è disposto, può spesso corrispondere a soggetti che sentono il bisogno, in tempi rapidi rispetto alla norma, di emanciparsi dai contesti famigliari e territoriali.

Casa quattro – dieci | Nodi Lunari

CASA QUATTRO secondo Gadbury – Il NODO NORD LUNARE sostiene molto guadagno che il nativo otterrà dalle terre, dalle case,
dall’eredità, a volte anche in modo inaspettato o attraverso cose nascoste e oscurate, o simili. Mostra anche che la famiglia da cui proviene è nobile, longeva e durevole. Il NODO SUD LUNARE in quarta casa indica molto lavoro e molto dolore per il nativo, nonché confusione e sperpero del patrimonio, perdita di terre, di edifici e problemi di ansia nella vita o nelle esistenze dei suoi antenati, nonché perdita di stima e credito.

CASA DICECI secondo Gadbury – Il NODO NORD felicemente e fortunatamente collocato in decima casa denota onore al nativo, ricchezza, diverse qualità e una vita onesta. Il NODO SU nella decima casa indica la perdita di onori, della reputazione, del credito e della stima, privazioni e una vita mondana, getta o fa precipitare il nativo dal capo del pinacolo della dignità nelle fauci di una prigione sotterranea e a volte potrà essere condannato all’imprigionamento perpetuo (ergastolo) e all’esilio, e alla madre indica una vita breve e molta infelicità.

Anche nell’interpretazione moderna è specialmente l’asse del Nodo Nord in casa dieci e del Nodo Sud in casa quattro a evidenziare un marcato bisogno di differenziarsi e di emanciparsi dai contesti e ambienti famigliari, questa diposizione potrebbe indicare anche problemi nella relazione tra nativo e famiglia di origine, oppure tra nativo e contesti della parentela famigliare o degli ambienti famigliari, a vantaggio tuttavia di una grande determinazione nel nativo di raggiungere un’elevata autorità e indipendenza. Può anche significare la perdita dei beni, o la paura di perdere onori e riconoscimenti, quindi una forte focalizzazione dell’io nella conquista e nel possesso di autorità e di autorevolezza, il nativo ha bisogno di comandare sugli altri o di ergersi sugli altri, mettendo in mostra i suoi potenziali. Mentre al contrario, quando il Nodo Nord è in casa quattro e il Nodo Sud in decima, sicuramente i rapporti con la famiglia e i luoghi di origine possono risultare più convincenti per il nativo, e più rassicuranti, in questo caso il nativo potrebbe presentare anche delle dipendenze famigliari dovute a questioni patrimoniali, economiche o anche lavorative, oppure sentire il peso di portare avanti qualcosa di famigliare, o ancora in senso più positivo avere un’ottima sinergia e complicità con i contesti della famiglia. In senso però negativo, questo può portare ad una minore capacità del nativo di liberarsi dai condizionamenti famigliari, arrivando quindi a vivere sotto una “campana di vetro” dalla quale sa di non potersi liberare.

Casa cinque – undici | Nodi Lunari

CASA CINQUE secondo Gadbury – Il NODO NORD in quinta casa libera il nativo da molti guai, calamità e pericoli, concede molti bambini longevi e fortunati, il nativo riceve impieghi o uffici pubblici, guadagna molto in tal modo, si diletta attraverso piaceri civili. Il NODO SUD nega il bene oppure porta distruzione ai figli del nativo con morte violenta, oppure con crudeltà e avversità durante la loro esistenza, rendendoli irritabili, vessatori, disobbedienti verso il nativo. Distrugge i piaceri e le delizie del nativo, indica molto male, il procedere verso cose vane, irregolari e voluttuose.

CASA UNDICI secondo Gadbury – Il NODO NORD in casa undici conferisce molta famigliarità [confidenza] e amicizia con personaggi importanti, indica molti onori e ricchezze grazie a loro. Il NODO SUD in undicesima casa indica molte lotte e contese con gli amici, la difficoltà nell’ottenere ciò che si spera, oppure numerose saranno le difficoltà nel raggiungere le proprie speranze.

Nell’interpretazione moderna, in ambito astrologico, l’asse nodale cinque undici ha a che fare con l’amor proprio, l’operosità, la capacità di fare e realizzare, di progettare e ideare, nonché con aspetti ludici della vita, ovvero ricerca dei piaceri, passione, sessualità, hobby, ma anche… sport e competizioni. In particolare se l’asse nodale vede il Nodo Nord in casa undici e il Nodo Sud in casa cinque, l’amore, la sessualità, le relazioni sentimentali risulteranno in secondo se non in terzo piano, a favore del lavoro, dell’operosità, del realizzare i propri progetti. In questa situazione il nativo non è detto che rinuncerà alla vita affettiva (la disposizione dei soli nodi lunari non può certamente determinare le sorti della vita) ma sarà più prodigo a investire in sé stesso e nella realizzazione dei propri progetti. Sicuramente risulterà acuto, un attento osservatore, capace di realizzare, amministrare e organizzare, dotato di inventiva e di grandi capacità mentali e intellettuali, ma sarà meno capace o più superficiale o meno attento alle ragioni del cuore, dei sentimenti, la sessualità potrebbe risultare meno appagante, oppure vissuta con velocità e senza un reale investimento o un reale coinvolgimento, insomma con distacco, è favorito infatti l’autoerotismo oppure una sessualità egoistica, gli hobby o gli aspetti ludici della vita sono meno centrati e rilevanti. Mentre se è il Nodo Nord ad essere in casa cinque, e quindi il Nodo Sud in casa undici, il nativo sarà più centrato nel soddisfare i propri piaceri personali, la sessualità è un elemento importante per il nativo e il nodo nord in quinta casa è un interessante indicatore di buona fertilità, gli hobby sono tanti, la persona è sportiva oppure ama le competizioni pulite e stimolanti, è molto creativo, ricerca la felicità nelle relazioni ludiche con gli altri, è scherzoso, amichevole, attento e premuroso, tutto questo a discapito tuttavia della cura dei propri interessi, dove può risultare per esempio nel lavoro o nella responsabilità lavorativa meno attento e meno determinato, più sfuggente e disattento, poco concentrato ai doveri e più orientato alla ricerca dei piaceri.

Casa sei – dodici | Nodi Lunari

CASA SEI secondo Gadbury – Il NODO NORD lunare in sesta casa dichiara servitori buoni, fedeli, onesti, fa presagire la salute del corpo e una buona costituzione, oppure che malattie molto gravi assaliranno il nativo, sarà fortunato con la parentela di suo padre e con le bestie di piccola taglia. Il NODO
SUD in sesta casa mostra che il nativo sarà afflitto da molte malattie dannose, contrariato e perplesso dai servitori condizionati dal male.

CASA DODICI secondo Gadbury – Il NODO NORD in casa dodici indica miseria e porta il nativo alla schiavitù, ma può indicare anche l’abbondanza nelle attività connesse alle grandi bestie. Il NODO SUD indica molte oppressioni nei confronti dei nemici del nativo, raramente sfuggirà ai pregiudizi.

Nell’interpretazione moderna in ambito astrologico, l’asse nodale in casa sei e dodici è uno dei più complicati e difficili. A prescindere da come è collocata la testa e la coda del drago (testa = nodo nord, coda = nodo sud), l’asse nodale in queste due case celesti denota, prima di tutto, una certa fragilità nell’animo e nella mente, quindi una maggiore suggestionabilità oppure una maggiore sensibilità. Nel male significa debolezza fisica, pensieri non convincenti, fragilità nelle idee da portare avanti, facilmente si cambia idea o non si mantiene la parola data o si ha una certa difficoltà a prendere decisioni (quando il nodo sud è in sesta); oppure una tendenza ad essere ingannati dagli altri, oppure ad aderire a convincimenti o idee sbagliate, ovvero perseguire, coltivare, investire in questioni illusorie e potenzialmente dannose per il nativo, un certo rischio nell’immischiarsi in faccende ambigue e molto torbide (quando il nodo sud è in dodicesima). Gli aspetti positivi dell’asse nodale in casa dodici o sei sono meno comprensibili a mio giudizio: sicuramente l’astrazione, il distaccamento dalla realtà, compete ai luoghi cadenti sei e dodici, quindi il nodo nord in questi luoghi può rendere il nativo fortunato o vincente nel fare gli interessi degli altri, o nel curare gli altri, ecco che frequentemente ho incontrato medici, infermieri, volontari, persone dedite al sociale e all’assistenza ai più bisognosi, avere un asse nodale attivante queste due case celesti.

Pianeti congiunti ai Nodi Lunari

In questo caso, secondo l’Astrologo del XVI secolo Ranzovius, i nodi lunari congiunti ai pianeti (entro 10 gradi di orbita) pongono l’accento sui significati naturali stessi dei pianeti. Ispirandomi alla trattazione che fa Ranzovius, e semplificando molto, possiamo dare un certo valore alla congiunzione ai nodi lunari da parte dei cinque erranti, e allora è possibile semplificare con le seguenti tracce orientative:

  1. il Nodo Nord congiunto a Venere e Giove aumenta la fortuna generale del nativo, l’amore, la relazione, la socialità, la capacità di crescere, di fare del bene, di arricchirsi, di assumere posizioni di prestigio, aumento degli onori o dell’onorabilità, della lussuria, del piacere.
  2. Il Nodo Sud congiunto a Venere e Giove può indicare poca cura per sé stessi, nel corpo, nella salute, nell’igiene, nella cura dell’abbigliamento, nel gusto estetico ed etico, una maggiore lascività e promiscuità, che può anche trasformarsi in bigottismo, pregiudizio, settarismo.
  3. Il Nodo Nord congiunto a Marte e Saturno aumenta invece il danno dei pianeti, ma in questo caso è importante distinguere i malefici in base alla natura propria della nascita.
  4. Quindi in una nascita diurna il Nodo Nord congiunto a Marte indica rabbia, o propensione alla rabbia, all’ira, alla violenza, al turbamento violento, alle pulsioni incontrollate, oppure all’essere vittime della violenza altrui o della prepotenza altrui. In una nascita notturna il Nodo Nord congiunto a Marte indica invece coraggio, determinazione, fierezza, capacità di comando e di guida. Il Nodo Sud congiunto a Marte in un tema diurno porterà il pianeta ad essere smorzato nelle sue indicazioni malvage, ma se la natività è notturna allora Marte sarà proteso alla malvagità.
  5. Il Nodo Nord i una nascita notturna congiunto a Saturno amplifica il suo male e può significare frustrazione, oppressione o sensazione di essere vessati dall’ambiente o dagli altri, sensazioni di impedimento o di limite, ma anche una visione gotica della vita, decadente, o pessimista. Il Nodo Nord in una nascita diurna congiunto a Saturno amplifica invece il suo bene e in questo caso può significare rigore, puntigliosità, razionalità, capacità di discernimento, fermezza, fierezza, autorevolezza e autorità massima. Il Nodo Sud congiungo a Saturno in un tema notturno porterà il pianeta ad essere smorzato nelle sue indicazioni malvage, ma se la natività è diurna allora Saturno sarà proteso alla malvagità.
  6. Mercurio con i nodi lunari amplifica il bene quanto il male. In genere il Nodo Nord congiunto a Mercurio amplifica le capacità intellettuali e commerciali, come anche quelle strategiche e di invettiva. Il Nodo Sud congiunto a Mercurio tende invece a rendere più pigri, lenti intellettualmente, o più portati ad azioni dannose per sé stessi o per gli altri.

/ 5
Grazie per aver votato!

Metodo Facile per Giudicare le Natività – di William Lilly | Recensione Astrologia Cristiana Libro Terzo di Patrizia Nava

Le Edizioni Agorà & CO. propongono nel 2023 la pubblicazione di WILLIAM LILLY Astrologia Cristiana Libro Terzoun metodo facile per giudicare le natività (oppure altro link per l’edizione) (introduzione, traduzione e commento a cura di Patrizia Nava).

Patrizia ha curato l’intera collana di Astrologia Cristiana per le Edizioni Agorà & CO. permettendo a tutto il pubblico italiano, interessato alla materia astrologica, di avere l’intera opera di Lilly disponibile in lingua italiana. L’opera è commentata dall’esperienza della traduttrice che è anche un’esperta astrologa della tradizione.

ASPETTI ESTETICI

Astrologia Cristiana di William Lilly è un’opera completa. L’autore, astrologo inglese del XVII secolo, ha proposto un vero e proprio trattato completo per l’applicazione pratica dell’Astrologia. L’intera opera è suddivisibile in:

  • una parte introduttiva, dove troviamo l’essenza della tradizione astrologica, William Lilly presenta i fondamenti dell’arte astrologica definendo le nature del metodo attraverso la conoscenza tradizionale;
  • una parte oraria, che nell’opera tradotta in italiano si presenta in due volumi diversi, questa parte del trattato ha lo scopo di affrontare l’Arte delle interrogazioni orarie, dottrina molto antica dell’astrologia che prevede la realizzazione di una Carta Celeste per il quesito proposto all’Astrologo. In base alla disposizione del cielo e dei pianeti, l’astrologo arriverà a pronosticare esiti e a descrivere situazioni in modo dettagliatissimo. L’Arte delle interrogazioni è in particolare basata sulla capacità di saper gestire la dottrina delle dignità e debilità essenziali ed accidentali;
  • un’ultima parte, che è quella che intendo recensire in questo articolo, che è dedicata all’Astrologia natale, ovvero allo studio del tema natale, in quella che è chiamata Astrologia Genetliaca.

Le prime traduzioni curate da Patrizia Nava, “Introduzione all’astrologia, Domande orarie dalla casa uno alla casa sei, Domande orarie dalla casa sette alla casa dodici” si presentano in una edizione con copertina arancione.

L’ultima traduzione dell’opera di William Lilly presenta invece una copertina bianca, ed è un corposo volume di informazioni e conoscenze tradizionali, per le applicazioni pratiche allo studio del tema natale, di oltre 400 pagine.

Metodo facile per giudicare la natività

L’opera che ci presenta William Lilly, finalmente tradotta anche in italiano grazie a Patrizia Nava (insignita di un Master of Art in Filologia e Letteratura presso l’Università di Bologna; ha conseguito l’Horary Craftsman Diploma e un Dottorato Ad Honorem in Astrologia presso l’Indian Institute of Oriental Heritage a Kolkata, membro attivo in diverse associazioni culturali, tra cui socia certificata del CIDA Centro Italiano Discipline Astrologiche, cura la pagina personale astrologiaoraria.com) è anche una testimonianza storica di quanto stava accadendo nei tempi di Lilly, che sono anche gli stessi tempi di Gadbury altro celebre nome dell’Astrologia del XVII secolo.

Ci troviamo in un periodo in cui l’Astrologia subisce una fase di profonda instabilità, che sarà anche la motivazione principale per le discussioni e le tensioni Lilly-Gadbury, nate anche nel solco di un fermento storico-sociale e politico ricollegabile anche alle dinamiche di quanto stava accadendo nelle univeristà di quei tempi, e alle dottrine della conoscenza.

William Lilly vive in un periodo storico di rivoluzione scientifica e in una fase storica dove l’umanità sarà sempre più coinvolta in un processo illuministico importante.

Voglio credere, o pensare, che Lilly “sentisse” inconsciamente il cambiamento dei tempi, e di quanto l’Astrologia fosse in una fase di profonda trasformazione. Infatti quello che Lilly ha creato è un’Opera unica nel suo genere per gli autori del suo tempo.

Lilly propone non tanto una semplificazione dell’Arte, quanto un’esperienza pratica e fruibile, destinata a tutti (in un certo senso, democratizza l’Arte dell’Astrologia rendendola alla portata di ognuno). Perché fa questo? A mio avviso perché Lilly si rende conto di un cambiamento storico e culturale che sta avvenendo nel mondo. Per esempio, John Heydon (astrologo e occultista del XVII secolo) si lamentava nel 1664 del fatto che fossero ammessi tessitori di calze, calzolai, mugnai, muratori, carpentieri, armaioli, facchini, maggiordomi, ecc. a scrivere e insegnare astrologia e fisica. Non solo Lilly si aprì alla gente comune e all’idea di sdoganare l’Astrologia dai soli circoli elitari o destinati a pochi eletti, anche Nicholas Culpeper sempre nel XVII secolo infastidì l’elitario e settario College of Physicians scrivendo libri di astrologia medica ed erboristeria in un inglese semplice a beneficio della gente comune. Allo stesso modo anche Gerard Winstanley sostenne convintamente l’apertura delle università a tutti: uomini e donne, ricchi e poveri. Nel sistema di istruzione idealizzato da Winstanley, per esempio, l’astrologia avrebbe fatto parte del programma di studi principale.

Ritengo che Lilly sentisse il cambiamento dei tempi, e gli anni in cui è vissuto sono stati molto difficili per l’Astrologia! Sento che l’Opera di Lilly è una vera eredità che l’autore ci ha lasciato, un tentativo di raccogliere il sapere della dottrina offrendolo a tutti, come in una specie di atto finale in una fase di estrema instabilità storico-sociale e culturale che stava coinvolgendo anche l’Astrologia che sempre più di frequente era soggetta a derisione e delegittimazione.

Mi va di pensare che Lilly abbia deciso di proporre il trattato, in un inglese comprensibile a tutti, con lo scopo di tramandare un testamento dell’intera dottrina, per conservarla o preservarla nel tempo destinandola ai posteri.

Infatti, se prendiamo in considerazione – per esempio – l’opera di Bonatti, che è stato un astrologo medievale precedente a Lilly, l’autore offre un trattato astrologico completissimo, ma estremamente difficile, ostico nella forma e nel linguaggio. Lilly invece ha promosso un’opera accessibile a tutti, sdoganando l’idea che l’Astrologia fosse ad appannaggio di pochi eletti, dei soli studiosi di fisica e matematica, ma che tutti potessero anche in autonomia e in modo autodidattico impalarla e approcciarsi ad essa.

COSA TROVIAMO NELL’OPERA TRADOTTA IN ITALIANO?

RETTIFICA ORARIO DI NASCITA

Per esempio troviamo diversi modi per rettificare la natività: dall’Animodar alla rettifica per accidenti (che si basa sulle direzioni e sugli eventi importanti già occorsi al nativo), nonché il metodo di rettifica con la Trutina di Hermes. La rettifica dell’ora di nascita si rivela importante in presenza di orari incerti o approssimativi.

DOMIFICAZIONE USATA DA LILLY

La domificazione usata da Lilly non era placidiana ma domificava con Regiomontano.

SIGNORE GENITURA

Interessante le annotazioni di Lilly sul Dominatore della Natività, a me pare che non usasse il metodo di ibn Ezra, metodo che cita e che ritiene comunque “ragionevole”. Tuttavia ritiene che il Signore della Genitura sia quel pianeta che all’interno dell’intera figura di nascita (non solo sui punti vitali indicati nel metodo di ibn Ezra) abbia le maggiori quantità di dignità essenziali e dignità accidentali, e che risulta “il più elevato nel grafico” introducendo dunque un parametro inedito per la questione del Signore della Genitura, quello dell’altezza dell’astro. L’argomento meriterebbe un approfondimento, perché quanto indicato da Lilly è di estrema ragionevolezza e ci fa capire quanto gli Astrologi fossero poi plastici e duttili ovvero capaci poi di arrivare a osservare le cose anche senza complicati strumenti di calcolo (e sarà una questione che intenderò prossimamente approfondire).

DURATA VITA

Immancabili le indicazioni sulla durata della vita, l’argomento viene spiegato da Lilly con estrema semplicità, proponendo come osservare la carta natale per arrivare a rispondere a questa particolare questione che appartiene al metodo astrologico, e che oggi sovente saltiamo forse per tabù.

MODI DEL NATIVO

Uno dei capitoli più interessanti sono quelli relativi ai modi del nativo (capitolo 107 e 108), argomento che rientra nel complesso argomento delle inclinazioni psicologiche. Ci sono spiegazioni veramente accessibili e gestibili da tutti per arrivare ad eleggere il pianeta dell’animo e della mente, con descrizioni interessantissime proposte da Lilly.

ALTRI ARGOMENTI

Tutti questi primi argomenti rientrano nell’introduzione ovvero in quello che è significato dalla Casa Uno. I capitoli successivi parlano di tutti gli altri argomenti collegati alle altre case celesti:

  • Casa Due ricchezze e beni materiali;
  • Casa tre congiunti, fratelli, sorelle;
  • Casa quattro genitori;
  • Casa cinque figli;
  • Casa sei infermità;
  • Casa sette matrimonio;
  • Casa otto non è riportata perché è affrontata nell’introduzione con i concetti di durata della vita;
  • Casa nove viaggi e religione;
  • Casa dieci dignità e onori;
  • Casa undici amici;
  • Casa dodici nemici.

Per ogni casa in realtà sono riportate più questioni legate ai destini di una natività. Il linguaggio che Lilly propone è accessibile a tutti. Non mancano le complessità, sia ben chiaro, ed è necessario avere una certa competenza teorica specialmente per quanto riguarda la dottrina delle dignità e debilità essenziali e accidentali, e conoscere anche i moti del cielo, quindi rimane il necessario presupposto di conoscere i principi dell’astronomia specialmente quei principi utili all’Astrologia.

Rimane tuttavia un manuale che permette – se studiato – di approcciarsi allo studio della natività con:

  1. rigore tradizionale, ovvero elaborando lo studio di un tema natale appellandosi alle materie astrologiche e non a discipline che con l’astrologia hanno poco a che fare
  2. con metodo, ovvero l’elaborazione del grafico di nascita prevede un metodo; non esiste affrontare un tema di nascita per “tipologie psicologiche” tratte dal segno solare o lunare, per arrivare a identificare i caratteri, i modi, le inclinazioni di una persona, è necessario seguire un metodo, ovvero un “protocollo operativo” secondo i dettami della dottrina astrologica
  3. protocolli operativi, infatti Lilly ci propone protocolli pratici su ogni questione relativa alla natura di un individuo, alle sue inclinazioni, ai suoi destini, proponendoci quindi un metodo!

SUGGERIMENTI

Sicuramente per quanto riguarda lo studio della natività, se vogliamo seguire le orme di Lilly, dobbiamo patire da:

  1. INTRODUZIONE ALL’ASTROLOGIA di William LIlly (link libro).
  2. MANUALE – METODO FACILE PER GIUDICARE LE NATIVITA’ di William Lilly (link) che è l’ultimo testo tradotto da Patrizia Nava per Agorà & CO.
  3. Questi due testi segnalati vanno a costituire la summa della conoscenza astrologica teorica e specialmente pratica, sono testi che possono fornire le conoscenze giuste e “pulite” per approcciarsi all’astrologia secondo quanto prevede questa materia.
  4. Gli altri testi di Lilly sono invece utili per la tecnica di astrologia oraria, che però prescinde dalla recensione di questo articolo.

CONCLUSIONI

William Lilly ha realizzato – secondo il mio punto di vista – un’opera non destinata ai suoi contemporanei, ma vedo nell’opera intera di Lilly un trattato destinato ai posteri pensato cioè alle future generazioni. Sono sicuro di questo per il linguaggio usato dall’opera e per l’approccio destinato alla spiegazione dei diversi metodi di elaborazione della carta di nascita, dunque per il metodo proposto, per la semplificazione dei protocolli operativi, per la spiegazione che per ogni argomento William Lilly ha esplicitato: tutto questo mi porta sempre più a ritenere che quest’opera sia stata pensata da Lilly proprio “per il futuro”, destinandola cioè a quei tempi in cui l’astrologia, nel suo antico splendore tradizionale, sarebbe stata riesplorata e rivissuta dalle future generazioni moderne; ecco che Lilly ha anticipato tutti noi pubblicando un’opera completa per quanti vogliono conoscere l’Astrologia per quello che è, nei suoi metodi tradizionali, privi di rivisitazioni moderne a volte o troppo “scientiste” o troppo “fiabesche”. E non abbiamo più scusanti: ora l’opera è anche in Italiano. Dunque, buono studio!

/ 5
Grazie per aver votato!
« Older posts Newer posts »